7 Wonders Duel

Asterion ha recentemente pubblicato sulla sua pagina Facebook la notizia della prossima pubblicazione di 7 Wonders Duel, da fan del gioco e possessore di tutte le espansioni mi sembrava doveroso spiegare a tutti di cosa si tratta.

Avete due possibilità, o guardarvi il video di 9 minuti in cui Thomas Provost di Répos spiega il funzionamento del gioco a Eric Martin di BoardGameGeek (sì, sì, ho fatto i sottotitoli in italiano) oppure, se andate di fretta, continuate semplicemente a leggere.

Il video è su YouTube, ma ho usato il servizio di Amara per permettervi di guardarlo coi sottotitoli, vi basta cliccare qui.

7 Wonders Duel è un nuovo gioco, non un’espansione di 7 Wonders. Ad Antoine Bauza si è unito Bruno Cathalà (Abyss, Five Tribes, Shadows Over Camelot) per creare un gioco da due giocatori che condivide molte meccaniche con 7 Wonders pur mantenendo una sua identità.

Immagine di styren (BoardGameGeek)
Immagine di styren (BoardGameGeek)

Iniziamo dalla base: all’inizio del gioco si hanno 4 meraviglie con singolo stadio e sette monete. Tra i due giocatori vengono posti l’indicatore della forza militare i bonus scientifici (a sinistra, accanto alle carte della III epoca) e una struttura di carte, in parte scoperte e in parte coperte.

Non si gioca in simultanea ma a turno, prendendo una carta e usandola in uno dei tre modi classici: costruendola, usandola per costruire la meraviglia, scartandola per ottenere tre monete.

Quando una carta coperta non è più “bloccata” da una di quelle sottostanti viene rivelata e diventa utilizzabile dai giocatori.

Esistono tre modalità di vittoria: classica, supremazia militare o tecnologica.

  • La modalità classica la conosciamo: vince chi ha più punti vittoria alla fine delle tre epoche.
  • Quando si costruisce una carta militare (rossa) si fa avanzare il soldato (quella cosa informe rossa che vedete sulla sinistra) verso la capitale nemica di un passo, attivando eventuali malus presenti sul percorso. Se si arriva all’ultima casella del percorso si ottiene la vittoria per supremazia militare.
  • Le carte verdi sono diverse: esistono sei diversi simboli, ottenerli tutti comporta l’immediata vittoria per supremazia tecnologica.

Costruire una seconda struttura tecnologica dello stesso tipo permette l’acquisizione di un gettone che conferisce al giocatore un bonus costante per tutta la partita (riduzione del costo delle strutture, aumento dell’avanzamento del soldato).

Il commercio è diverso: è sempre possibile comprare risorse dalla banca a due monete, il prezzo aumenta di uno per ogni risorsa di quel tipo prodotta dall’avversario. (es. produco una pietra, per acquistarla dalla banca dovrai pagare 2+1 monete, ecc.).

La concatenazione è diversa ma esiste sempre, si basa però sulle icone sulle carte e non sui nomi delle strutture e le meraviglie possono giocare una parte importante, benché ce ne siano otto in gioco, se ne possono costruire solo 7 in totale. Alcune meraviglie consentono di giocare due turni di fila, anche questo fattore potrebbe essere piuttosto rilevante.

Si noti che nel video alcune regole sono in contrasto con ciò che si vede nelle carte, pertanto è evidente che da febbraio a oggi le cose sono leggermente cambiate, dovremo aspettare ottobre per avere le regole ufficiali.

Cosa ne dite, vi ispira?

Rispondi