Il pilota: Con Man

Con Man è una serie web creata grazie al supporto dei fan su Indie Go Go. Ne avevamo già parlato qui. Come finanziatore io ho accesso agli episodi, ho appena visto il primo ed ecco la recensione (con spoiler).

Il pilot dura 10 minuti, se non conoscete l’inglese alla perfezione niente paura, ci sono sottotitoli in inglese, tedesco e spagnolo.

La storia di Con Man è quella di un attore che interpretava i pilota di un’astronave in una serie di fantascienza prematuramente cancellata. La serie più epica di tutti i tempi. Wray Nerely (Alan Tudyk) vive nell’ombra del suo personaggio (il pilota dell’astronave, si chiama), mentre la vera star della serie era il capitano. Jack Moore (Nathan Fillion) viene chiamato con il suo nome e non con quello del personaggio, ha parti in film famosi e la sua foto è sulla copertina delle riviste…

Una di queste riviste scivola davanti alle gambe di Wray Nerely, seduto sul gabinetto di un aeroporto. Sta implorando l’agente di trovargli un posto in prima classe e non in economica e la persona nello stallo accanto lo riconosce. Suo malgrado è costretto ad autografare la rivista con Jack Moore in copertina, ma non rinuncia a fare i baffi col pennarello alla foto del collega.

spectrum_612x380

In Con Man realtà e finzione si mescolano, mentre Nerely è al bar dell’aeroporto (il barista, tra l’altro, è Casper van Dien) si avvicina Sean Astin nei panni di se stesso. Due fan (una è Sasha Feiler) vogliono fare una foto con loro e li chiamano Samwise e Cash, per le due ragazze non esistono gli attori ma solo i personaggi che interpretano.

Il rapporto che Nerely ha con i fan è molto diverso da quello che ha Austin. Nerely è frustrato, Austin accetta di essere Sam e suggerisce al collega: “Sii chi pensano tu sia”. Guarda le due fan sedute poco più in là e, alzando il bicchiere, urla: “Per la Contea!”

Sull’aereo Nerely prova a essere chi gli altri pensano lui sia e gioca la carta “Sono Cash, fammi sedere al tuo posto” con un fan (Ari Stidham), il quale accetta di scambiare la prima classe con l’economica in cambio di una caterva di autografi, ma quando scopre che nella fila accanto alla sua siede Sean Austin si tiene autografi e posto in prima classe.

Nerely tenta di scambiare il posto con un altro passeggero: “Non è che le piace la fantascienza?” ma il sonoro “Vaffanculo” non lascia spazio a discussioni, si tratta del marshall di bordo, che altri non è che Wil Wheaton. La assistente di volo (Samantha Smith) gli impone di sedersi e, suo malgrado, si avvia rassegnato verso il suo posto in classe economica, tra le urla dei fan che lo riconoscono.

You can’t stop the signal, Cash!

Dalle prime battute iniziano i paralleli con Firefly che fanno ghignare i fan, ma Con Man non è solo questo. Tudyk è riuscito non solo a scrivere una serie divertente, ma anche ad avere l’apporto di un sacco di attori, che si prestano volentieri a una parte in una serie che in qualche modo racconta veramente dei frammenti delle loro vite.

Nei prossimi episodi vedremo anche Tricia Helfer (Battlestar Galactica), Amy Acker (Dollhouse, Person of Interest), Gina Torres (Firefly, Suits), Sean Maher (Firelfly, Eastsiders), Felicia Day (Buffy The Vampire Slayer, The Guild, Supernatural), Seth Green (Family Guy/Austin Powers), Mindy Sterling (Austin Powers), Jewel Staite, (Firefly), Summer Glau (Firefly, Terminator: TSCC, Arrow), James Gunn e Joss Whedon.

Rispondi