Lucy Lawless parla del suo coinvolgimento nel reboot di Xena

Avevamo parlato del reboot di Xena alcuni mesi fa, e recentemente in un’intervista Lucy Lawless ha parlato del suo coinvolgimento.

È troppo presto per parlarne, perché se non rende giustizia all’originale, insomma, il patto con i fan, allora non voglio averne minimamente a che fare. È troppo presto per parlarne, hanno paura che metterei in ombra chiunque avesse il ruolo principale, cosa che può forse essere comprensibile, ma perché dovrei accettare di fare la bella statuina nella serie di qualcun altro? Che cosa ci guadagno?

E se non rendesse giustizia all’originale, che ne so, se fosse tutta “tette e culi”, si violerebbe il patto coi fan. Quello non è il riconoscere la donna come figura forte, non si parla di realizzazione personale, del bene che prevale sugli istinti animali, né di tutto quel che si vedeva nella serie di un tempo… no, non mi interesserebbe farne parte.

Penso che il personaggio e la relazione tra Xena e Gabrielle [Mi rifiuto di chiamarla Olimpia, come ha scelto qualche genio dell’adattamento in Italia n.d. Francesco] abbiano ancora qualcosa da dire, per cui sono contenta che ne facciano una nuova serie. La domanda che mi pongo è: come verrà realizzata? Spero sia spettacolare, spero che sia all’altezza per i fan.

A parte la serie TV, la cosa che mi piacerebbe fare è una cosa tipo Ash Vs. Evil Dead, dove si prende il cast originale, Renee O’Connor, io, Bruce e Ted Raimi e si fa una caricatura, un film comico, una cosa così sarebbe divertente.

Senz’altro credo che il discorso che fa Lawless abbia senso al 100%, una serie con uno spirito diverso da quella originale la metterebbe solo in cattiva luce e farebbe bene a tenersene alla larga, bisognerà vedere che intenzioni ha NBC.

Fonte: GeekTyrant

Rispondi