L’intervista: Francesco Pregliasco di Terre Spezzate e Dracarys

Oggi parliamo con Francesco Pregliasco, uno dei fondatori di Terre Spezzate, di LARP, Game of Thrones e castelli.

Ciao Francesco, benvenuto su Geek.pizza, presentati in due righe!

Mi chiamo Francesco Pregliasco, ho 33 anni, sono nato e cresciuto a Torino e gioco e organizzo LARP dal 2000. Sono tra i fondatori di Terre Spezzate.

Parlaci di Terre Spezzate, cosa fate?

Siamo un gruppo di appassionati giocatori e organizzatori di LARP, attivi dal 2006. Per chi non lo conoscesse, il LARP, o gioco di ruolo dal vivo, è un gioco in cui i partecipanti raccontano una storia interpretando fisicamente, in prima persona, le azioni dei loro personaggi. E’ una versione elaborata e più adulta del gioco per bambini “facciamo finta che…”. Detto in altri termini, è come ritrovarsi sul set di un film che non ha copione e il cui esito è determinato dalle scelte e azioni dei giocatori.

Terre Spezzate è una delle associazioni LARP più grosse in Italia, ma il nostro vero orgoglio è la qualità. In questi anni abbiamo realizzato eventi di gioco di ruolo dal vivo sempre più curati e coinvolgenti, ponendoci come punto di riferimento in Italia per questo hobby. Possiamo dire che tra i LARPer italiani, chi non ci ama ci invidia.

Io al massimo ho giocato a On Stage e ho interpretato Saul Tigh, vale come mini-LARP?

On Stage! è una via di mezzo tra il gioco di ruolo da tavolo e quello dal vivo; si può senz’altro considerare parte della grande famiglia del LARP, che è molto varia. Ci sono LARP per 5 giocatori o per 5000, LARP che durano 1 ora o 1 settimana, LARP con grandi scenografie e LARP astratti, LARP fatti per divertimento e LARP a scopo educativo…

Personalmente preferisco i giochi di ruolo un po’ più “dal vivo” rispetto a On Stage!, cioè quei LARP in cui non c’è solo “narrazione” ma i giocatori sono in costume e interagiscono fisicamente con l’area di gioco e con gli altri partecipanti. Tuttavia il LARP è bello perché è vario 🙂

LARP personaggi Terre Spezzate

Sul vostro sito ho visto che ci sono parecchi appuntamenti in vista, vuoi parlarcene?

Sì, come Terre Spezzate cerchiamo di darci da fare e abbiamo diversi gruppi organizzativi che stanno preparando altrettanti progetti. “Il Teorema di Bayes” è un thriller psicologico, un LARP di ambientazione contemporanea che parla di inconscio e follia. “Sogno di una notte di fine inverno” è un evento più leggero, una commedia romantica ambientata in un mondo di fiaba.

Le altre realtà che organizzano Dracarys insieme a noi sono altrettanto attive e gestiscono diverse campagne fantasy continuative: Il Mito di Ambaren è un LARP fantasy in provincia di Bergamo, Ossidia – I secoli bui è un dark fantasy giocato nei dintorni di Brescia, mentre WHlive è una campagna ispirata a Warhammer che si tiene in Toscana. Insomma, c’è l’imbarazzo della scelta.

Mi ha colpito “I ribelli della montagna”, si riesce a giocare con un argomento quale la Seconda Guerra Mondiale?

Penso che usare il LARP per trattare anche argomenti seri o delicati come la dittatura o la guerra civile sia non solo possibile, ma doveroso. Innanzitutto perché l’arte non dovrebbe porsi nessun limite o tabù. Poi, perché sono temi di cui non si parla mai abbastanza. Infine, perché il gioco di ruolo dal vivo dà la possibilità di vedere e vivere questi argomenti dall’interno, fornendo una prospettiva unica e coinvolgente che non è facile raggiungere con altre forme espressive più rigide e tradizionali .

Io ho partecipato a “I ribelli della montagna” come giocatore, interpretando un partigiano disilluso (l’evento è stato prodotto da altri organizzatori di Terre Spezzate). Per me è stata un’esperienza emozionante ma anche educativa, l’occasione per recuperare e approfondire argomenti storici su cui francamente non mi informavo più dai tempi del liceo, come credo la maggior parte delle persone.

Veniamo all’evento che mi ha portato a contattarti, parlaci di Dracarys.

Dracarys – il risveglio della magia è un LARP ispirato a Game of Thrones; un grande progetto che punta a coinvolgere 300 giocatori e a cui lavorano diverse associazioni LARP dell’Italia settentrionale e centrale. Si svolgerà il prossimo agosto in un castello nel Piacentino e ambisce ad essere il grande evento LARP del Nord Italia per il 2016. Sarà un evento mai visto prima nel nostro Paese in termini di qualità, cura dei dettagli e coinvolgimento dei partecipanti.

Ogni singolo giocatore riceverà un personaggio dettagliato e coinvolto nella storia e si sentirà totalmente immerso nelle vicende dei sette regni del Westeros. Per tre giorni agirà, parlerà, mangerà, dormirà e combatterà come se fosse il personaggio da lui interpretato, vivendo un’esperienza indimenticabile; inoltre, grazie a scenografie ed effetti speciali curati nei minimi dettagli, sarà come se si trovasse sul set di Game Of Thrones con tanto di costumi, sfide, duelli, intrighi e spargimenti di sangue (finto!).

Come mai avete scelto Game of Thrones? Si presta particolarmente o è un metodo per portare in questo mondo qualcuno che magari non ci si sarebbe mai avvicinato?

Entrambe. Game of Thrones è un’ambientazione varia, ricca di potenziale drammatico e che si presta molto a raccontare una storia corale di alleanze, intrighi e colpi di scena. Inoltre è molto nota e ha un immaginario preciso e facile da cogliere, il che aiuta molto i partecipanti a giocare insieme condividendo lo “spirito” della storia che stanno vivendo e creando.

Infine, da tempo volevamo proporre un evento in un’ambientazione famosa, proprio per avvicinare persone che sono appassionate di LARP, ma ancora non lo sanno. Game of Thrones ci è sembrata la scelta perfetta; è conosciuto e popolare al di fuori degli angusti confini dei patiti del fantasy e di “cose nerd”.

La location è un castello vero, niente “green screen”, come siete riusciti a procurarvelo?

Pagando! L’Italia ha la grande fortuna di essere ricca di luoghi suggestivi e incantevoli e in particolare la provincia di Piacenza abbonda di bellissimi castelli ristrutturati, i cui proprietari li mettono a disposizione per eventi privati, matrimoni e simili. Negli anni abbiamo conosciuto e utilizzato diversi borghi medievali, foreste, castelli e altre location interessanti. In particolare il Castello di Rezzanello è speciale per le sue dimensioni, per gli arredi sontuosi e per il grande parco che lo circonda. Uno scenario perfetto per un grande LARP fantasy.

Castello Dracarys Terre Spezzate

Sei un pizzaiolo, al termine di una lunga serata dove non hai fatto che lavorare per soddisfare i desideri dei clienti, è il momento di rifocillarti, che pizza ti prepari?

A me piacciono le acciughe, ma se fossi un pizzaiolo probabilmente non ne potrei più di cucinare o di mangiare pizza. Credo che al termine di una lunga serata uscirei a comprarmi pollo fritto e un gelato.

Come al solito vi lascio con un po’ di link per approfondire l’argomento: innanzi tutto il sito di Dracarys, dove troverete un sacco di informazioni sull’evento e sulle modalità di partecipazione, trovate poi l’evento su Facebook e, sempre su Facebook potete lasciare un “mi piace” sulla pagina di Terre Spezzate e, perché no, sulla nostra (grazie!).

Rispondi