Sarà Bryan Fuller lo showrunner di Star Trek

Un nome noto ai Trekker, il suo nome è legato alla scrittura di 24 episodi tra Deep Space Nine e Voyager, vediamo chi è Bryan Fuller.

Il mio primo incontro con Star Trek è stato quando mio fratello maggiore ha spento le luci in casa e ha fatto volare il suo modellino di incrociatore da battaglia klingon classe D7 tra le stanze buie. Prima ancora di vederne un fotogramma in TV, l’universo di Star Trek ha acceso la mia immaginazione. Posso dire, senza esagerare, che dare vita a una nuova serie di Star Trek è per me un sogno che è diventato realtà. Assieme ad Alex Kurtzman, che come me ha già lavorato a Star Trek, andremo là dove nessuna serie di Star Trek è andata prima.

Fuller è dal 2008 che sta cercando di realizzare una serie nell’universo di Star Trek, già nel 2008 aveva dichiarato:

Ho detto al mio agente e al team di J.J. Abrams che voglio creare un’altra serie di Star Trek e ho un’idea che mi ronza in testa. Mi piacerebbe tornare allo spirito delle vecchie serie. Ho apprezzato Voyager e Deep Space Nine, ma mi sembra abbiano perso quel che di divertente degli anni ’60 e mi piacerebbe riportare la saga alle sue origini.

Entertainment Weekly sottolinea che Fuller ha dichiarato più volte di avere idee per Star Trek, tra cui l’esplorazione dell’epoca di The Next Generation nella linea temporale modificata dal reboot di Abrams o una serie che segua le avventure di un’altra nave, la U.S.S. Reliant e che gli sarebbe piaciuto avere Angela Bassett come capitano e Rosario Dawson (Claire in Daredevil\Jessica Jones, per capirsi) come primo ufficiale.

Fuller ha creato serie di generi molto diversi tra loro: Wonderfalls, Dead Like Me e Hannibal. Ha scritto episodi di Heroes ed è lo showrunner di American Gods, la serie basata sull’opera di Neil Gaiman che andrà in onda su Starz. Se non vi basta questo, sappiate che sta lavorando a una nuova edizione di Amazing Stories, una serie originariamente creata da Steven Spielberg e andata in onda dall’85 all’87.

Io sono abbastanza sicuro che verrà un ottimo lavoro, avrei apprezzato molto vedere Ronald D. Moore al timone, visti la sua esperienza con Star Trek e il capolavoro che ha creato dopo (parlo di Battlestar Galactica the reimagined series, ovviamente), ma il nome che è stato scelto è sicuramente una scelta eccellente.

Voi che ne pensate?

Fonte: io9

Rispondi