Lo spacciagiochi: Space Race – The Card Game su Kickstarter

La campagna si sta per chiudere, ma avete ancora la possibilità di portarvi a casa con soli 29€ un gioco di carte che pare molto interessante.

Partiamo dall’ambientazione: Space Race, creato da Jan Soukal e Marek Loskot, si svolge in sette turni e non è un caso, si tratta dei primi sette decenni della conquista dello spazio. Nel ruolo di 2-4 direttori di agenzie spaziali dovrete potenziare la vostra agenzia e fare scoperte sensazionali per vincere la partita.

Si tratta di un gioco di carte, ne troverete ben 136 nella scatola e non vi serve altro per giocare, salvo il segnalino primo giocatore.

Due i tipi di carte: Carte Controllo (12 per giocatore) e Carte Corsa allo spazio, vediamole in dettaglio.

Le Carte Controllo hanno tre valori: 1, 3, 6 e 4 categorie, per un totale di 12 appunto. Ogni giocatore ne userà una per turno, in caso la stessa categoria venga scelta da più di un giocatore, deciderà il valore della carta (più eventuali modificatori). 7 turni, 12 carte. Giocatevele bene, perché non le riprenderete in mano. Alcune hanno delle abilità speciali, basta leggere in fondo alla carta.

Le carte Corsa allo spazio sono il cuore del gioco, alcune sono a disposizione di tutti i giocatori, altre le avremo in mano, altre ancora riusciremo a giocarle per potenziare la nostra agenzia. Alcune hanno abilità speciali, basta memorizzare alcune icone e tutto vi sarà chiaro.

Space Race 01

La partita:

Sul tavolo vengono poste 2 carte più del numero dei giocatori, queste costituiscono le opportunità disponibili nell’universo. Due ulteriori carte vengono poste a faccia in giù accanto a queste: gli imprevisti sono all’ordine del giorno.

Il round si svolge in diverse fasi, vediamole in ordine.

Gestione dell’agenzia. Tutti i giocatori scelgono una Carta Controllo da giocare e la rivelano contemporaneamente. A questo punto vengono rivelate anche le due carte coperte sul tavolo.

Sviluppo dell’agenzia. Una volta rivelate le carte, queste vengono attivate in ordine di valore (1, 3, 6) aggiungendo eventuali modificatori dovuti alle carte già presenti. In caso di parità vince il primo giocatore.

La Carta Controllo consente al giocatore di ottenere una carta da quelle disponibili nell’universo e, in taluni casi, di compiere azioni aggiuntive. Una volta scelta la carta, viene posta nell’agenzia e vengono attivate tutte le carte sulla riga corrispondente al tipo di carta controllo. Nell’immagine sottostante vediamo che al terzo turno (numero di Carte Controllo giocate) è stato giocato un Programma Spaziale da 6, che beneficia del bonus di Stephen Hawking e dell’Esplorazione su Marte, portando il valore a 10 e consentendo l’attivazione delle abilità una tantum delle carte in oggetto (icona sulla riga viola a destra). In questo caso non ci sono abilità continue (icone sulla parte sinistra della riga).

Space Race attivazione carte

Sia Stephen Hawkings sia OKB-1 avrebbero un’abilità continua, ma non è stata giocata una Carta Controllo della relativa categoria, quindi vengono ignorati.

Tra le abilità abbiamo: pescare carte dal mazzo e aggiungerle alla propria mano, spostare carte dalla propria mano al proprio laboratorio (vedi oltre), dall’universo al laboratorio, dal laboratorio all’Agenzia o anche rubare carte da un laboratorio altrui, pescare carte dal mazzo.

Il laboratorio non è che uno spazio accanto all’Agenzia dove metterete le carte ruotate di 90°. Da quest’area sarà possibile aggiungerle all’Agenzia o tenerle fino al termine della partita per ottenere punti.

Risolte le Carte Controllo di tutti i giocatori, se ci sono carte con l’icona Burocrazia è il momento di attivare la relativa abilità, dopodiché è giunto il momento della…

Preparazione al decennio successivo. Il segnalino primo giocatore passa di mano, chi non ha carte può pescarne una ed è possibile aggiungere alle carte coperte dell’universo carte dalla propria mano. Questa azione è molto importante, rende disponibili le carte che si hanno in mano per l’acquisto nel turno successivo, ma solo voi sapete esattamente che cosa avete giocato, avete quindi un certo vantaggio sugli avversari. Ho detto “esattamente” perché esistono delle persone molto lungimiranti, che possono immaginare cosa avverrà nel prossimo decennio (round). Le carte aggiunte all’universo dai giocatori vengono mischiate e ne viene rivelata una nelle partite a 2 giocatori, due nelle partite a 3-4 giocatori.

Se è giunta la fine del settimo decennio si salta la preparazione di cui sopra e si calcolano i punti con questi criteri:

  • Somma dei valori dei bonus delle carte nell’Agenzia;
  • Un punto per ogni carta nel laboratorio;
  • 6 punti vittoria per ogni categoria di scoperte sensazionali (ne esistono quattro diverse) in cui si ha la maggioranza.

Space Race copertina

Le regole di questo gioco sono semplicissime, eppure le combinazioni che si possono sviluppare in una partita sono veramente innumerevoli. Avevo adocchiato questo gioco, ma non gli avevo dato l’attenzione che meritava, finché non mi è stato segnalato e ho deciso di scrivere questo articolo.

Innanzi tutto mi ha colpito il tema, perché la corsa allo spazio esercita un fascino eterno. Ho fatto sottotitoli per quasi due lustri con il nick “zefram cochrane”, l’uomo che ha scoperto la propulsione a Curvatura e che ha consentito di stabilire il Primo Contatto (sto parlando di Star Trek, se non lo sapeste). Non credo stupisca sapere che per me il viaggio verso l’ignoto e lo scoprire strani e nuovi mondi e nuove forme di vita siano cose estremamente affascinanti e immagino che questo valga anche per molti di voi.

Quando ho guardato oltre la copertina, poi, ho incontrato una meccanica semplice e, al contempo, molto articolata ed eccomi qui a proporvi Space Race: The Card Game.

Mancano cinque giorni, c’è tutto il tempo di partecipare alla campagna, che include la spedizione gratuita in Europa, un bonus non da poco. Mancano meno di 4000€ allo “stretch goal” che include la carta di Buzz Aldrin, se volete dare una mano questo è il momento giusto!

Rispondi