George R.R. Martin: Outlander derubata agli Emmy

Dopo l’ingente numero di nomination agli Emmy da parte dei protagonisti di Game of ThronesGeorge R.R. Martin esprime la sua opinione a riguardo: Outlander è stato derubata.

Chi di noi non vorrebbe segregare Martin in una stanza, metterlo davanti al suo manoscritto, Winds of Winter, e costringerlo a concludere gli ultimi capitoli? I fan devono sapere, soprattutto ora che la serie TV ha completamente superato la storia del libro. Ok George, non infierisco oltre e chiudo questa piccola digressione su quanto vorremmo finalmente avere tra le mani il nuovo libro.

La scorsa settimana sul suo “Not a Blog” l’autore della fortunata serie di libri, ha postato le sue congratulazioni per le 23 nomination agli Emmy degli attori di Game of Thromes. Tra i commenti un fan ha sottolineato il fatto che anche Outlander, serie TV Starz tratta dai libri di Diana Gabaldon, avrebbe meritato alcune nomine, soprattutto nelle categorie tecniche. Martin, che come è ben noto nutre una profonda stima, nonché amicizia nei confronti dell’autrice, ha fornito una risposta esemplare, citando anche altre serie:

Sono d’accordo. Outlander è stata derubata. Tutti e tre i protagonisti sono stupefacenti, soprattutto Tobias Menzies nel doppio ruolo di Frank e Black Jack.

Anche Eva Green avrebbe meritato una nomina per il suo brillante lavoro in Penny Dreadful; è chiaro che ogni anno ci sono delle omissioni, credo che ora come ora sia stato davvero difficile scegliere le nomination vista l’alta qualità delle serie proposte.

Martin, inoltre ha risposto anche ad un altro lettore indignato per la nomina di Kit Harington e Peter Dinklage nel ruolo di supporting actor, mentre nella serie hanno importanza quasi predominante. “Tutto dipende dal tempo trascorso in scena” dice l’autore “nonostante il loro ruolo fondamentale, né Kit, né Peter hanno trascorso così tanto tempo in scena quanto i nominati per ruolo principale”. Ovviamente questo è un effetto collaterale di una serie come Game of Thrones, che segue così tante trame.

Fonte: io9

Rispondi