Lo spacciagiochi: Deus Ex Machina su Kickstarter

L’anno scorso i ragazzi di Alcyon Creative lanciavano con successo Argonauts su Kickstarter, quest’anno fanno il bis con Deus Ex Machina.

Deus Ex Machina è un gioco per 2-4 dèi della durata di una quarantina di minuti, nel quale cercheremo il favore degli dèi e l’aiuto di alcuni eroi per compiere audaci missioni, alcune persino leggendarie.

Purtroppo non ho avuto modo di provare in prima persona il gioco, ma non ho resistito all’ambientazione (tra l’altro anche gli autori sono greci), ecco quindi alcune informazioni e le mie impressioni, giusto in tempo per permettervi di finanziarlo su Kickstarter, se vi interessa.

Deus ex Machina plancia

Il gioco ha una componente di piazzamento lavoratori, useremo infatti i nostri segnalini per ottenere potenziare il dio che rappresentiamo recandoci in diverse posizioni sulla mappa.

Ogni dio è contraddistinto da forza fisica e astuzia, questi valori variano da 1 a 4 e vengono spesi per completare le missioni.

Le missioni vanno superate battendo, appunto, il livello di forza fisica e astuzia indicato sulla carta, ma non è necessario farlo esclusivamente col proprio dio, per questo ci sono gli eroi, che presteranno le loro capacità, anche se potrebbe esserci un prezzo da pagare: usare l’eroe favorito da un dio avversario fa ottenere al corrispettivo giocatore 2 PV.

Il meccanismo è molto semplice: missioni sulla plancia che vengono aggiunte man mano che vengono completate, due missioni segrete in mano, un obiettivo segreto (diverso per ogni giocatore) e qualche dettaglio carino che rende non banale il gioco. Compiere una missione nella città natale di un eroe consente di beneficiare di un bonus, usare un eroe appena arrivato sulla plancia è meno vantaggioso di usarne uno già “riposato”, a seconda del posto occupato sul tabellone, le missioni possono dare punti vittoria extra o sottrarne a un avversario… esistono inoltre delle carte “intervento divino” che possono mettere i bastoni fra le ruote ai vostri avversari.

Ah, dimenticavo, la dipendenza dalla lingua, è praticamente nulla, ci sono solo gli interventi divini che presentano delle parti scritte.

Deus ex machina carte

Ecco, pur avendo visto solo un paio di video di Deux Ex Machina, mi è sembrata una buona via di mezzo tra il gioco per neofiti tipo Splendor o Carcassonne e qualcosa di più impegnativo. Potremmo definirlo un traghetto, insomma.

La campagna su Kickstarter è ancora aperta, manca però meno di una settimana. Con 35€ ve lo portate a casa, con 26 ve lo andate a prendere a Essen. Il finanziamento del gioco è già assicurato e sono stati sbloccati 2 “stretch goal”, Kicktraq dice che anche il terzo verrà sbloccato, quindi gli dèi giocabili diventeranno 6 e non 4, gli eroi saranno 14 e non 12 e i tre nuovi obiettivi garantiranno una maggior longevità al gioco.

Rispondi