Star Wars: Dave filoni parla delle interconnessioni tra Rebels e Rogue One

Dave Filoni in un’intervista ha parlato estensivamente di Rebels, vi riporto un estratto che parla di come la serie si incontrerà con Rogue One: A Star Wars Story.

Nell’intervista su Empire, Filoni parla di un sacco di cose, molto interessanti, vi invito a leggerla. Tra queste c’è l’ennesima ripetizione del concetto che Ahsoka è viva, lo ribadisco per cui avesse ancora dubbi.

Quanto siete vicini agli eventi di Rogue One? Ci saranno aspetti del film collegati alla terza stagione di Rebels?

Direi che di sicuro ci sono cose che ci hanno influenzati a vicenda e ne abbiamo decisamente tenuto conto. So da parecchio tempo come saranno il film e i personaggi. In Rogue One vedrete un mondo molto meno patinato e più realistico, quello di Rebels all’inizio era un mondo molto vivace che ho lentamente adattato sapendo come andranno le cose nel film. Man mano che ci avviciniamo, per i due mondi sarà naturale allinearsi.

Penso che la nostra serie sarà sempre un po’ più vivace, ma è concepita per includere l’aspetto di alcune cose che succedono nel film, penso sarà molto divertente da vedere.

La terza stagione è appena iniziata, cosa puoi dirci senza dire nulla, visto che è così che funziona?

Che sono stati gli ultimi dodici anni della mia vita: come si fa a tenere alto l’interesse senza rivelare nulla? Per me, il fatto che Darth Maul tornerà è monto interessante per gli spettatori. Penso che sia una cosa da attendere con impazienza, perché è un personaggio molto più profondo e interessante di quando l’abbiamo visto in Clone Wars e penso che Sam Witwer lo abbia interpretato benissimo l’anno scorso. Così bene che vogliamo dargli ancora spazio. Perché si trova lì? Perché era importante introdurre questo personaggio? Diciamo che è una parte importante degli eventi della terza stagione.

Poi abbiamo le conseguenze per Ezra, c’è il suo comportamento nella stagione scorsa e c’è l’holocron che custodisce l’antica conoscenza dei Sith. Si tratta di una grossa tentazione per un giovane che vede i propri amici nei guai e hanno bisogno di lui. Abbiamo la sensazione di colpa che potrebbe provare per ciò che è successo ai suoi amici: Kanan è rimasto ferito, Ahsoka è scomparsa… Non è stata una vittoria totale a chiudere la seconda stagione, ma un momento di transizione. Prendiamo Fulcrum, il nome con cui era conosciuta Ahsoka: è il fulcro di tutta la situazione, perché quando siamo tornati erano tutti un po’ invecchiati. Abbiamo fatto un piccolo salto nel tempo, sono successe certe cose e i personaggi hanno iniziato a cambiare, questo è sicuramente molto interessante.

Com’è ovvio Filoni ha chiaro il quadro completo della storia di Star Wars, per cui Rebels sta andando nella direzione di Rogue One da parecchio tempo, e si vede. L’introduzione di un personaggio più freddo e spietato degli inquisitori di certo va in questa direzione e anche la precisazione alla fine del doppio episodio iniziale: ci sono altre cellule della Ribellione, non è obbligatorio ritrovare i personaggi di Rebels in Rogue One o Episodio IV, mettetevi l’animo in pace, Rebels non è una serie inutile e non è in contrasto con la continuità dei film che abbiamo visto nel corso degli anni. Tutt’al più è la trilogia prequel a fare a pugni con quella classica a volte…

ben-kenobi-r4

Rispondi