Pablo Hidalgo risponde: i cameo di Rogue One e quelle famose le trasmissioni (plurale) inviate

Durante l’ultima puntata dello Star Wars Show Leland Chee, Pablo Hidalgo e Matt Martin hanno raccontato la storia di molti easter egg, tra cui il riferimento alle famose trasmissioni…

Lo story group di Star Wars ha lavorato alacremente per cucire Rogue One con il resto della saga di Star Wars, con un occhio speciale a Rebels.

Il cameo preferito dai tre è sicuramente quello di Chopper, Matt Martin si trovava sul set con Hidalgo e ha avuto l’opportunità di guidarlo tra le comparse nella scena concitata della base ribelle, il droide cardine del film è K-2SO, ma Chopper si è guadagnato il suo posticino.

Forse non l’avete notato, ma Pao urla “Karabast”, l’urlo non è il massimo della chiarezza ma la parola è Karabas, lo ha confermato Matt Wood dello Skywalker Ranch.

Quando Wood ha chiesto del materiale per l’audio aggiuntivo, ecco che sono nati l’urlo di battaglia “Per Jedha!” e il riferimento al generale Syndulla, Kanan aveva chiamato così Hera nella seconda stagione di Rebels, ed ecco che la cosa si è avverata.

Non vediamo la Ghost fuggire da Scarif, ma non la vediamo nemmeno distrutta, le strade sono rimaste volutamente aperte. Un’altra delle cose che probabilmente è sfuggita a quasi tutti, è che Jyn ha un pupazzo di un Lothcat.

Nella battaglia vediamo anche le cannoniere dorneane, un design di George Lucas che si intravede nella trilogia classica e che fa il suo ritorno o, se vogliamo, la sua prima comparsa. Le Hammerhead invece erano state introdotte nel canone (erano preesistenti ma non canoniche) proprio nell’episodio in cui abbiamo visto la principessa Leia in Star Wars Rebels, sembra proprio che siano state utili.

Hidalgo sottolinea che ci sono diversi riferimenti alla prima trilogia, tra cui il turbotank della Guerra dei Cloni usato come trasporto prigionieri o lo scorcio di Coruscant.

Lo story group ha cercato molti riferimenti retroattivi tra Episodio IV e Rogue One. Ricordate il tavolo attorno al quale Motti e Tagge si scambiano queste battute?

Tagge: L’Alleanza Ribelle è ben equipaggiata. È più pericolosa di quanto crediate.

Motti: Lo sarà per la tua flotta stellare, comandante, non per quest’arma di distruzione.

Il riferimento è diventato alla battaglia su Scarif, inoltre attorno a quel tavolo ci sono delle sedie vuote, una era molto probabilmente di Orson Krennic. Ma se queste sono ampiamente accettabili, c’è quella delle famose trasmissioni dei piani, ed ecco la spiegazione.

Several transmissions were beamed to this ship by Rebel spies.

Parecchi segnali sono stati diretti a questa nave da spie ribelli.

Trasmissions è plurale, per questo sullo schermo del sistema di trasmissione attivato da Jyn vediamo diverse barre di avanzamento, anche se sta mandando un unico dato era imperativo che si trattasse di “several trasmission”, parecchie trasmissioni.

Chirrut e Baze ci hanno introdotti ai Guardiani dei Whills. Il nome Whills deriva da una delle prime cose che Lucas ha scritto su Star Wars. Pensava che la storia di Star Wars sarebbe stata presentata a noi terrestri grazie a un libro fittizio in suo possesso: Il Diario dei Whills. Mentre nella trilogia classica non si è mai fatto riferimento ai Whills, ne La vendetta dei Sith, Qui-Gon Jinn apprende la tecnica che gli consente di manifestarsi come fantasma della Forza proprio dai Whills. Abbiamo visto delle presenze di Forza parlare con Yoda in The Clone Wars, potrebbe trattarsi di queste, ma dovremo ancora attendere per saperne di più.

Ed ecco un po’ di risposte alle domande più frequenti:

Cosa ci faceva la Tantive IV nella battaglia di Scarif?

Leia era su Yavin, anche se non l’abbiamo vista (ma abbiamo visto C-3PO e R2-D2). Avrebbe dovuto essere accompagnata dall’ammiraglio Raddus su Tatooine a incontrare Obi-Wan Kenobi, ma poi la battaglia di Scarif ha avuto la priorità. Nella versione cartacea di Rogue One c’è un punto in cui si cita la Tantive IV: necessitava di alcune riparazioni, per questo non partecipa alla battaglia, oltre al fatto che è una nave diplomatica ed era fondamentale che non venisse vista dagli imperiali.

Leia dice che la Tantive IV è una nave consolare in missione diplomatica…

La nave di Leia viene attaccata dagli imperiali, il suo equipaggio apre il fuoco contro gli assaltatori. La scusa della missione diplomatica non reggeva nemmeno nel 1977, era ovviamente una cosa inventata sul momento da Leia e, altrettanto ovviamente, Vader non le crede.

Ah, la pronuncia corretta è “Tantivi”. L’ho sempre pronunciato male anche io.

Perché la Morte Nera è al contrario sopra Jedha?

Non ci sono sopra e sotto nello spazio, è al contrario solo per chi la vede da un certo punto di vista.

Perché non c’è il nome di Mustafar sullo schermo quando lo vediamo nel film?

Probabilmente per non fare uno spoiler su chi stavamo per incontrare.

Galen e i suoi ingegneri hanno ideato la luce di scarico (la thermal exhaust port) come punto debole?

Non esattamente, o Galen l’avrebbe spiegato nel messaggio. Il difetto è nel reattore instabile. Non ha progettato tutta la Morte Nera, non ne conosce tutti i dettagli, ne ha progettato una parte.

Vi lascio al video, se avete voglia di vederlo.

Rispondi