Recensione: Tutto inizia da 0 e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni

Tutto inizia da 0 e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni è la raccolta dei racconti vincitori del trofeo RiLL del 2016 e di alcuni altri concorsi letterari. Uno scorcio sul panorama fantastico di autori emergenti davvero piacevole da leggere. Attenzione spoiler!

Titolo del libro:  Tutto inizia da 0 e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni

Autori: Vari

Editore: RiLL, Riflessi di Luce Lunare, Collana Mondi Incantati

Dell’associazione culturale RiLL Riflessi di Luce Lunare e del loro annuale concorso letterario per autori emergenti vi avevo già parlato qui.

RiLL è stata così gentile da inviarmi il volume contenente i vincitori del concorso del 2016 da leggere e recensire, dal titolo Tutto inizia da 0 e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni, che rende omaggio al racconto vincitore del concorso Tutto inizia da 0, di Maurizio Ferrero.

Ho trovato la raccolta davvero ben organizzata, è suddivisa in sezioni ognuna dedicata ad un particolare concorso letterario. Alla fine di ogni racconto, si trova una breve biografia dell’autore che ci racconta qualcosa in più su di lui/lei, da dove viene, che cosa ama e le altre sue opere, in modo tale da consentire ai lettori la loro ricerca se lo si è apprezzato particolarmente.

Alla fine della raccolta, è anche presente un’appendice che descrive il Comitato di lettura e la Giuria Nazionale del concorso RiLL, in modo tale da omaggiare e farci conoscere le persone che hanno contribuito a selezionare i racconti vincitori.

Ma procediamo attraverso le varie sezioni della raccolta.

La prima raccoglie i 5 racconti migliori del trofeo RiLL 2016. Tra questi, ho particolarmente apprezzato i primi 3.

Il racconto vincitore Tutto inizia da 0 di Maurizio Ferrero, è ben scritto ed avvincente. Racconta di una guerra tra diverse razze aliene e come una di queste cerca di vincere l’altra studiando il comportamento della razza terrestre, incappando in una sessione di giochi di ruolo.

Il secondo classificato, Gartu di Davide Jaccod è più di carattere fantasy, racconta di Gartu, il capo dei quattro gnomi dell’Ufficio Maledizioni Permanenti, della sua dedizione al lavoro e del suo arguto Maestro Balitu.

Il terzo classificato, Prova di Recupero di Luigi Rinaldi è un racconto più dalle note distopiche. Racconta di una prova di recupero scolastica che i ragazzi, tra cui il “mediocre” protagonista della storia Tony, devono superare altrimenti si va incontro a morte. Ho particolarmente apprezzato la nota rivoluzionaria finale.

La seconda sezione è dedicata al RiLL World Tour, un gemellaggio che la RiLL ha istaurato con alcune associazioni estere con lo stesso suo scopo, in modo tale da pubblicare racconti fantastici internazionali emergenti in italiano e permettere la pubblicazione dei vincitori del concorso anche in altre nazioni.

Tra questi racconti, ho particolarmente apprezzato Carta, sasso, incisivi (Rock, Paper, Incisors) di David Cleden, un autore inglese, vincitore del James White Award 2016. Racconta di una sorella, scacciata via dalla madre che affronta una mutazione fisica per poter diventare una guerriera combattente per le dispute politiche del suo clan. È una storia con delle note di solitudine, di umiliazione, di rabbia e di ribellione.

L’ultima sezione è dedicata al premio SFIDA, un concorso parallelo al Trofeo RiLL che è riservato a quegli autori che sono giunti una o più volte in finale al Trofeo RiLL. Come specificato nella raccolta, essendo un premio ad inviti, tutti in racconti pubblicati sono vincitori ex aequo. Il concorso sfida (appunto) gli autori selezionati a scrivere un racconto che tratti un tema scelto da RiLL.

Il tema del concorso SFIDA 2016 era Re Mida, come omaggio alle “nozze d’oro” del Lucca Comics & Games, che nel 2016  ha festeggiato 50 anni di attività.

I racconti pubblicati sono 5 e ho particolarmente apprezzato 3 di questi.

Il primo è Il Nero di Rosalba Risaliti. Un racconto che parla di un reietto, il Nero, che si ritrova a lavorare come garzone per Giotto, uno dei più grandi pittori italiani e di come gli altri garzoni pensavano che il suo sangue contenesse oro.

Il secondo è Il Tocco di Roscia di Michele Piccolino, che ci racconta la storia di Roscia, un critico enogastronomico e della maledizione che si è tirato addosso bevendo un vino da un monaco. Una maledizione che l’ha consumato fisicamente e psicologicamente fino a portarlo al suicidio.

L’ultimo è Re Mida di Massimiliano Malerba, un racconto ambientato a Roma, che propone soluzioni surreali allo stile di vita caotico e stressante della capitale. Come abbiamo fatto a non pensare alla possibilità di vivere in case mobili super-tecnologiche per poter sfuggire al caos di Roma e recuperare qualche ora di vita? Un racconto che ho sentito particolarmente vicino, avendo passato molte ore sul Grande Raccordo Anulare.

È stato davvero piacevole leggere questa raccolta di racconti e conoscere alcuni nuovi autori che penso siano ricchi di talento.

Per cui, affrettatevi, fino al 20 Marzo inviate i vostri scritti per il XXIII Trofeo RiLL, attendo con ansia la raccolta di racconti del 2017 per poterla leggere e recensire!

Rispondi