Verso Play 2017 – Gianluca Santopietro

Nella quindicesima puntata del viaggio verso Play 2017 vi parliamo di uno degli ospiti: Gianluca Santopietro. Il consueto link alle puntate precedenti e siamo pronti a partire!

Conoscevo Gianluca Santopietro solo di nome, finché l’altro giorno non ho avuto occasione di fare una lunga chiacchierata telefonica chiusasi con la promessa di riuscire, prima o poi, a chiacchierare davanti a una birra.

Gianluca sarà presente nell’Area Ospiti di Play non solo per farvi provare il prototipo di un suo gioco, ma anche per farvi giocare a giochi già usciti assieme a uno degli autori, una cosa a cui tiene particolarmente e che io trovo molto interessante. Giocando con un autore si può scoprire il perché esiste una certa regola che magari ci sembra bizzarra o qualche simpatico retroscena.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Potrete fare una partita con Gianluca a Lettere da Whitechapel con l’espansione Dear Boss, appena uscita (Ricordate? Ne avevamo parlato qualche tempo fa) o a Kingsport Festival – Il gioco di carte, ma non solo. Qui sotto vedete in anteprima alcune immagini di un suo nuovo gioco: Pride And Prejudice, chiaramente ispirato a Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen. Si tratta di un giochino (definizione sua) di carte che potrebbe ricordare il classico gioco della scopa, con alcune variazioni sul tema, oltre a ripulire il tavolo, infatti, dovremo cercare di mettere insieme le coppie giuste, rispettando le vicende del libro. L’idea è quella di regalare un’esperienza divertente agli amici intorno al tavolo che non sono avvezzi ai giochi, ma che possono ritrovare un che di familiare nei personaggi ritratti sulle carte.

Tra le altre cose, abbiamo parlato del futuro prossimo e un po’ meno prossimo.

Partiamo da Whitehall Mystery (v. immagine di copertina), un altro gioco firmato dal duo Santopietro\Mari che potremmo quasi definire il sequel di Lettere da Whitechapel. Nell’ottobre del 1888, nei pressi di Whitehall, durante la costruzione di quello che sarebbe poi diventato noto come Scotland Yard, venne rinvenuto un cadavere e il mese prima sulle rive del Tamigi era stato trovato un braccio mozzato. C’è un altro assassino a piede libero?

Avremo probabilmente modo di provare questo gioco quando uscirà, la cosa interessante è che rispetto a Lettere da Whitechapel la durata è più contenuta, ma l’accuratezza storica non ne ha risentito. Le meccaniche base sono le stesse, ma scoprirete che sono state arricchite.

Non manca molto all’uscita, ma 99,9 su 100 non sarà disponibile a Play. Benché il gioco sia fatto e finito, per portarlo sugli scaffali a un prezzo abbordabile, sono stati stretti diversi accordi internazionali che hanno richiesto parecchio tempo.

Il futuro meno prossimo, invece, è Maranello: la sua Scuderia.

Si tratta di un gioco che celebra Enzo Ferrari e nasce dalla lettura di una biografia del padre della Rossa. Nel gioco si vestiranno i panni del presidente di una fabbrica d’automobili sportive. Ingegneri e meccanici saranno fondamentali per vincere il gioco, perché oltre alla realizzazione delle auto, occorrerà scegliere in quali competizioni farle gareggiare. Essere famosi negli Stati Uniti, ad esempio, darà modo di vendere più modelli oltreoceano.

Insomma, un gioco articolato che richiede un attento studio perché oltre a bilanciare le meccaniche, è fondamentale che sia accurato dal punto di vista storico, cosa a cui Gianluca tiene particolarmente!

Vi ricordo che trovate l’Area Ospiti nel settore A13.

Rispondi