Dylan Dog: la nuova ristampa dei numeri di Tiziano Sclavi

La Bonelli ha lanciato una nuova ristampa per i fumetti di Dylan Dog: ” Il Dylan Dog di Tiziano Sclavi”, dove raccoglie tutti i numeri scritti dal suo creatore.

Dal 3 maggio è disponibile in edicola la nuova interessante ristampa di Dylan Dog, intitolata: ” Il Dylan Dog di Tiziano Sclavi”, una nuova collana a cadenza mensile che, come si intuisce dal nome, è una nuova raccolta di tutte le storie sceneggiate dal creatore dell’indagatore dell’incubo in versione a colori.

La ristampa di ogni classico del fumetto porta con sè i pareri  favorevoli e contrari da parte dei fan più accaniti. Purtroppo, trovandomi oltreoceano non ho la possibilità di comprarne una copia e darvi la mia opinione su questa edizione, ma posso dirvi che la trovo una gran bell’idea. Una collezione di tutti gli albi firmati da Sclavi era esattamente il progetto che avevo iniziato prima di partire per cui non posso che esserne entusiasta.

Il primo numero rilasciato è Attraverso lo Specchio (Dylan Dog #10), una tra le mie storie preferite, che sarà seguita da Golconda! (Dylan Dog #41).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come gli appassionati avranno notato, la nuova edizione non segue l’ordine di pubblicazione della serie originale, ragion per cui non è presente alcuna numerazione sulla copertina degli albi. Questa scelta permette di ordinare la propria collezione a piacere ma anche di acquistare liberamente soltanto le storie a cui si è più interessati.

Ma estrapoliamo qualche informazione da chi ha letto questa nuova edizione sulla qualità della stampa. Sembra che la copertina sia fatta con un’ottima cartonatura e che la carta di stampa sia di una qualità elevata. La dimensione degli albi della ristampa è maggiore a quella dei classici numeri, per un ragionevole prezzo di 4,90 euro a numero.

Le pagine totali del primo numero più di 100, perchè oltre alla storia, si possono trovare approfondimenti e curiosità sull’indagatore dell’incubo, accompagnate da un disegno inedito di Casertano.

Un punto che lascia perplessa una purista come me è la scelta di ristampare tutte le storie a colori. Mi sono affezionata al bianco e nero di Dylan Dog e non so che effetto mi possa l’impatto con i miei albi preferiti a colori. Ho letto alcuni numeri dei Dylan Dog Color Fest, ma sempre consapevole che fossero storie fuori serie, e non ho mai letto la serie a colori lanciata dal La Repubblica. Chissà che impatto avrebbe leggere le storie a cui mi sono tanto appassionata nella versione a colori. Apprezzo però la scelta di usare uno stile di colorazione non troppo vivace, che ricorda la carta invecchiata, per questa ristampa, in modo da non creare troppo distacco con l’atmosfera del Dylan originale.

Bonelli ha annunciato che l’uscita di luglio sarà Johnny Freak (Dylan Dog #81), una delle storie più belle e tristi dell’indagatore dell’incubo, che credo sia uno tra gli albi più attesi. Chissà se includeranno nella ristampa anche Dopo un Lungo Silenzio (Dylan Dog #362), il bellissimo ultimo albo firmato da Sclavi. Sarebbe un modo perfetto per concludere questa nuova edizione in onore della sua opera.

Via Bonelli e Comicus.

Rispondi