Fantasy Flight Games presenta Fallout: il gioco da tavolo

Dopo quella della presentazione di Legacy of Dragonholt, vi riporto la traduzione dell’articolo di Matt di GameInformer, che ha giocato a Fallout: il gioco da tavolo, appena presentato da Fantasy Flight Games.

I giochi della serie Fallout di Bethesda, danno modo di costruire un mondo e compiere scelte impegnative, all’interno di una storia avvincente e strazianti combattimenti. Questi giochi (e le loro espansioni) hanno offerto la possibilità di tuffarsi in un futuro cupo con strani personaggi e continui conflitti ed esplorazioni. Si dà il caso che questa ricetta sia l’ideale per giochi da tavolo di avventura.

Grazie agli sviluppatori di Fantasy Flight Games ecco che questa idea ha preso forma: il gioco da tavolo di Fallout di Fantasy Flight Games sta per uscire e ho avuto l’occasione di sedermi attorno a un tavolo e giocarci per la primissima volta.

La versione da tavolo di Fallout si rifà ai successi di Bethesda come ispirazione sia per la modalità di gioco, sia per il tono, ma si ritaglia una sua narrazione e delle proprie meccaniche che si adattino all’esperienza che un gioco da tavolo deve dare.

Da uno a quattro giocatori (si può giocare anche in solitaria) scelgono uno dei cinque esploratori a disposizione, da uno scaltro abitante della Zona Contaminata, a un robusto membro della Confraternita d’Acciaio.

I giocatori si spostano su una plancia modulare a esagoni di uno dei vari scenari e configurazioni, ognuno dei quali è tratto dai giochi di Fallout di Bethesta o dalle loro espansioni. Nel mio caso mi sono avventurato nel Commonwealth di Fallout 4.

Indipendentemente dallo scenario, i giocatori competono per ottenere influenza, alleandosi con fazioni, radunando alleati, acquisendo armi e armature e facendo aumentare il livello dei propri personaggi attraverso una meccanica innovativa, il sistema di progressione SPECIAL mutuato dai videogiochi, dove l’acquisizione di punti esperienza consente lo sviluppo progressivo di abilità come Percezione o Carisma o di potenti bonus che possono garantire un vantaggio decisivo in alcuni momenti cruciali.

Le battaglie e gli altri conflitti vengono risolti tramite una interessante meccanica di dadi personalizzati, che mostrano sia i numeri dei successi nelle prove, sia il sistema di puntamento SPAV con le parti del corpo ritratte sulle facce dei dadi.

La caratteristica più innovativa del gioco di Fallout targato Fantasy Flight, tuttavia, è il sistema di decisioni. In tutta la partita incontri e carte missione offrono scelte su come confrontarsi con una situazione. Le scelte hanno conseguenze immodificabili, a seconda della strada che prenderete, verranno estratte nuove carte numerate da un archivio di carte e verranno inserite nel mazzo di pesca, per introdurre incontri e cambiare l’intero corso dell’avventura per voi e gli altri giocatori. In un caso potreste trovarvi a scegliere di liberare alcuni super mutanti imprigionati, dopodiché le carte degli incontri dei super mutanti vengono inserite nel mazzo di pesca, dato che queste creature giganti vagheranno in quella zona.

Grazie a questo sistema, anche giocando una seconda volta uno scenario, si possono avere incontri molto diversi, nuovi risultati per le missioni e nuovi alleati e nemici. Le storie iniziano a nascere attorno al tavolo mentre i giocatori commentano lo svolgersi della sessione e gli intrecci tra i filoni narrativi. I cenni ai videogiochi assumono una nuova dimensione con il procedere della storia, con una rigiocabilità molto alta.

Come il videogioco che l’ha ispirato, il gioco da tavolo di Fallout targato Fantasy Flight Games è pieno di umorismo satirico, che bilancia l’atmosfera cupa dell’ambientazione. I dialoghi delle missioni e le carte riportano spesso divertenti cenni alle ben note armi e all’equipaggiamento dei videogiochi o personaggi memorabili come il maggiordomo robot Codsworth. Dopo una partita non vedo l’ora di riprovare il gioco e vedere come potrebbe essere l’avventura adottando scelte differenti.

Fantasy Flight sta lavorando al completamento di Fallout e dovremmo vederlo sugli scaffali nei prossimi mesi.


L’articolo originale di Matt Miller si trova su GameInformer.com

Nota: nel caso riscontriate errori di terminologia di Fallout, segnalatemeli, non sono un videogiocatore, pertanto qualcosa potrebbe essermi sfuggito.

Rispondi