Board Game Creative Kit su Kickstarter

Avete mai pensato di creare un gioco da tavolo? Immagino di sì. E con che materiale si costruisce un prototipo? Ecco a voi il Board Game Creative Kit.

Il progetto nasce a Cracovia, in Polonia da Games Factory, ho avuto modo di scambiare due chiacchiere con Marcin, ecco cosa ci ha raccontato.

Ciao, vuoi presentarti? Raccontaci chi sei.

Ciao, mi chiamo Marcin e lavoro a Games Factory come sviluppatore di giochi. Lavoro nel mondo dei giochi da tavolo da alcuni anni, Games Factory è la terza casa editrice con cui collaboro, dopo aver fatto esperienza con Fabryka Kart Trefl Kraków e Portal Games.

Sono co-autore, assieme a Viola Kijowska, di alcuni giochi, tra cui il nuovo titolo di Portal, Alien Artifacts e nel cassetto ho almeno una decina di prototipi mai completati che, si spera, prima o poi vedranno la luce del sole.

Com’è nata l’idea del progetto su Kickstarter? Che obiettivi avevate in mente?

L’idea è uscita un giorno in ufficio, uno dei miei colleghi pensava di creare una scatola piena di elementi necessari alla creazione di un gioco e l’idea mi ha subito colpito. Succede spesso, no? Inciampi in qualcosa di ovvio e ti dici “Ma certo!”, è stato così anche per il Board Game Creative Kit, ero sicuro che fosse una buona idea.

Abbiamo cercato su Kickstarter e Indiegogo, per non copiare idee altrui e la cosa più simile che abbiamo trovato è stata la White Box, che ha raccolto oltre $100.000 durante la sua campagna. Se guardi cosa contiene ti rendi subito conto cheè un’ottima guida alla creazione dei giochi da tavolo, oltre 20 saggi, esempi e suggerimenti raccolti dagli autori in un regolamento ideale per i novizi della progettazione di un gioco da tavolo. Noi avevamo in mente una cosa diversa, volevamo creare una scatola con un sacco di componenti che di norma non sono facili da reperire e abbiamo stilato una lista delle cose più utili e da quella abbiamo scelto il contenuto.

Si potrebbe anche dire che è un oggetto inutile, si può fare in casa, no?

Sì, è vero, alcune parti si possono realizzare a mano, si può andare in una cartoleria e comprare cartoncino per la plancia, si può tagliare il manico di una scopa per fare dei dischetti o distruggere i gioielli della mamma per avere cubetti e si possono usare molti elementi che si trovano facilmente in qualche negozio di fai da te. L’idea dietro al Board Game Creative Kit è un po’ diversa, con questo oggetto si può realizzare un prototipo di alta qualità che farà risaltare il vostro gioco agli occhi degli edtori.

Il contenuto della scatola ha lo scopo di rendere la creazione dei prototipi più semplice e rapida. Alcuni elementi non sono così facili da realizzare, come dei gettoni a forma di stella (utilissimi come PV) o degli esagoni delle dimensioni corrette. È tutta questione di abilità e creatività che si mescolano con i componenti a propria disposizione.

Che ne pensi del gioco da tavolo in Polonia?

Il mercato polacco è sicuramente nella top 5 europea. Tutti conoscono il primato tedesco, grazie a una cultura ludica molto ben radicata e anche il mercato francese va sicuramente citato: hanno una cura per l’aspetto dei giochi molto più elevata di altri paesi.

In Polonia c’è una fortissima espansione del mondo del gioco da tavolo: lo dimostrano i nostri editori con respiro internazionale (Rebel.pl, Portal Games, Granna, Trefl, Board&Dice, Phallanx) nel cui catalogo troviamo titoli che vendono in tutto il mondo.

Oltre a questo abbiamo delle startup che hanno avuto un successo incredibile su Kickstarter, ad esempio Awaken Realms con lo spettacolare of Hellas (campagna da oltre 1.7 milioni di sterline). Il successo di queste aziende si basa soprattutto sulla pubblicazione di giochi ben concepiti e testati accuratamente, è per questo che crediamo che il Board Game Designer Kit sia uno strumento che consentirà di creare prototipi ancora più interessanti.

Quando ci siamo sentiti eri di fretta perché avevi un… appuntamento importante, parliamone un attimo. Ti è piaciuta Stranger Things 2? Qual è il tuo personaggio preferito?

Hmm, domanda interessante. Non riesco a dare una risposta precisa, preferirei scegliere dei momenti più che dei personaggi. Sono rimasto incollato a Stranger Things sin dal primo episodio della prima stagione, con quattro ragazzini che giocavano a D&D, da giocatore di ruolo di vecchia data (ho giocato di ruolo per circa 25 anni), me ne sono innamorato subito. Oltre a questo ci sono un sacco di riferimenti alla mitologia di Cthulhu, che ho molto a cuore. Stranger Things è un fenomeno culturale, mi spiace che la seconda stagione sia già finita, specialmente perché era più bella della prima.

Ok, questa è la domanda a cui nessuno scappa qui! La campagna si è conclusa, il progetto è finanziato ed è ora di festeggiare con giochi da tavolo e pizza. Che pizza scegli?

Non ci sarà tempo per festeggiare (beh, dai, magari un pochino). Si comincia subito con il “Late pledge manager” [che permette ai ritardatari di partecipare al progetto n.d.Francesco] e l’avvio della produzione dei Board Game Creative Kit. Abbiamo promesso di inviarli alla fine di gennaio e vogliamo mantenere la promessa. Nel frattempo si preparerà il prossimo progetto Kickstarter, questa volta sarà un gioco e partirà nel primo trimestre del 2018. Per quanto riguarda la pizza… mi piacciono tutte, beh, eccetto l’hawaiana, diciamo. Pizza e giochi da tavolo sono sicuramente una bella accoppiata!


Ringraziando Marcin, che spero di incontrare di persona a Play 2018, e che non ama la pizza con l’ananas (BRAVO!) vi lascio il link alla pagina del progetto su Kickstarter, ci sono ancora 8 giorni per partecipare.

Per praticità, ecco la traduzione della lista del materiale del kit.

  • Una scatola con custodia, 29.7 x 29.7 cm
  • 6 fustelle con 260 tra gettoni e tessere di varia forma e dimensione, dai classici tondi (alcuni persino forati), alle tessere stile Carcassonne a “piastrelle” quadrate giganti (14 x 14cm), passando per gli intramontabili esagoni.
  • 1 plancia quadrata 56 x 56 cm
  • 1 plancia rettangolare 40 x 28 cm
  • 4 plancette 28 x 14 cm
  • 4 schermi del giocatore
  • 24 dadi a sei facce (sei dadi per quattro colori)
  • 24 pedoncini di plastica (sei, per quattro colori)
  • 60 cubetti di legno (15, per quattro colori)
  • 60 cubi di legno (sempre 15, per quattro colori, ma di dimensioni superiori)
  • 40 dischi di legno (10, per quattro colori)
  • 40 meeple (10, per quattro colori)
  • 110 carte “poker” (63 x 88 mm)
  • 110 carte “mini euro” (48 x 63 mm)
  • 1 sacchettino di stoffa
  • 5 segnalini di legno (fuoco, scoiattolo, gatto, trenino, sciabola)
  • 12 basette di plastica
  • 12 dadi bianchi
  • 204 adesivi bianchi da applicare ai dadi
  • 12 bustine “ziplock” in tre dimensioni diverse
  • 1 foglio adesivo con i contatti dell’autore (4 adesivi)
  • 5 PDF per vari template per monete, layout di carte, terreni, pavimenti e risorse
  • Oltre a tutto questo, troverete anche un libriccino con informazioni riguardanti gli editori di tutto il mondo.

Insomma, se siete in cerca di uno strumento per evitare di fare prototipi di alto livello e non siete il mio amico Francesco Testini (che fa prototipi praticamente pronti per la pubblicazione), questo è lo strumento per voi.

Rispondi