Sophie Turner in difesa Finn Wolfhard di Stranger Things

Una Sophie “Sansa Stark” al vetriolo ha preso le difese di Finn Wolfhard, “Mike” in Stranger Things.

Evidentemente ci sono persone che non riescono a comprendere la differenza tra personaggio fittizio e persona reale, lo dimostra il fatto che una coppia è stata subissata di telefonate dopo che il loro numero di telefono è comparso in una serie TV italiana. I chiamanti erano convinti di parlare con il personaggio visto in TV.

Vista la follia di queste persone, non stupisce che gente adulta se la prenda con un ragazzino perché non si ferma a fare delle foto.

Ecco cosa ha scritto su Twitter Sophie Turner:

Cavolo, fa strano vedere degli adulti aspettare fuori dagli alberghi i ragazzini di Stranger Things e poi insultarli se non si fermano a parlare con loro. A) Quale adulto dotato di senno aspetta un bambino fuori da un albergo e B) si offende se il bambino non si ferma?

Non importa se sono attori, sono prima di tutto bambini. Date loro lo spazio necessario per crescere senza avere la sensazione che siano debitori di qualcosa a qualcuno perché vivono l’infanzia dei loro sogni.

PS immaginatevi nei panni di un genitore con un figlio o una figlia tredicenne per mano, quando un adulto arriva e punta la fotocamera del cellulare al bambino. Vorreste fare di tutto per cancellare la foto di quella persona e non far vivere quella situazione a vostro figlio. Non importa se è un attore che ha dato il suo consenso a uno staff di professionisti di filmarlo mentre interpreta un personaggio, questo non significa che abbia dato il consenso a essere seguito e ad avere sempre una fotocamera in faccia. Non fa parte del mestiere, proprio no.

Sicuramente Turner sa cosa vuol dire crescere con gente che ti insegue per fotografarti e ora ha l’età e la forza di passare al contrattacco e spiegare come stare al mondo a chi non l’ha ancora capito. Speriamo di arrivare presto al momento in cui tutto questo non sarà più necessario…

Fonte: Game of Thrones Season

Rispondi