Ludopedia: la longevità è davvero così importante?

Si parla tanto di longevità dei giochi, ossia di quante partite puoi farci senza che il tuo interesse nei suoi confronti vada a scemare per noia. Ma è davvero così importante che un gioco sia “longevo”?

Per molti un gioco deve avere un alto valore di rigiocabilità, altrimenti è un po’ come comprarsi la carta igienica di seta: spendi un botto di soldi per una cosa che usi una volta e poi la butti nel water. Paragoni aulici a parte, la longevità è uno di quegli aspetti sfuggenti che diventa difficile da valutare senza che si porti dietro anche la gradevolezza del prodotto cui si riferisce.

Ad esempio in un gioco come 3 Segreti la rigiocabilità (del singolo caso) è pari a 0: una volta esauriti i casi o uno ha una memoria da pesce rosso oppure è impossibile riutilizzarli e ti devi comprare un add-on. Ma 3 Segreti costa 10,90, una inezia se paragonato a titoloni ben più vampireschi (in termini di soldi), quindi accetti la longevità nulla per una discreta (alla fin fine) quantità di casi da risolvere e una spesa minima.

Altri titoli, come ad esempio Super Fantasy, o Arkham Horror LCG sono più difficili da valutare in base alla loro longevità, perché a ben guardare anche la loro, pur non essendo zero è molto bassa: in entrambi i casi una volta risolta la storia, è morta lì… soprattutto in Arkham Horror che è più “investigativo”.

Nel considerare questi giochi mi aiuta molto pensare a Neverwinter Nights, il gioco per computer: la sua longevità potrebbe essere molto vicina allo zero (e per molti è sufficiente per mollarlo dopo poche partite) ma io ci ho giocato un miliardo di volte e ogni tanto mi rifaccio un personaggio e ci rigioco di nuovo. Ma perché una volta cambi personaggio, una volta cambi classe, una volta fai scelte diverse, una volta usi oggetti diversi e così via: ben sapendo che alla fin fine la storia è quella, il fatto di viverla in modo diverso può essere motivo sufficiente per mettersi alla prova e tentarla di nuovo. Ecco che una apparente “bassa longevità tecnica” è poco significativa perché il gioco si presta ad essere giocato e ri giocato più volte.

Quindi anche Super Fantasy ha una sua buona longevità dato che le squadre di eroi possono essere composte in modo diverso e le missioni possono essere affrontate anche singolarmente, con modalità diverse e con equipaggiamenti che, a parte quelli iniziali, non sono mai gli stessi.

E Arkham Horror LCG? Anche quello ha una longevità accettabile? In parte sì: la sola scatola base è un po’ poco, dato che ti permette di fare partite solo scambiando i personaggi e qualche equipaggiamento, ma già inserendo qualche pack di espansione le cose diventano più varie, le opzioni aumentano e già completando la prima tranche (L’Eredità di Dunwich) ci si ritrova con un buon gioco, ben strutturato, con molte opzioni e con il quale giocherà volentieri ben più di una volta.

Ad esempio un gioco come Le Leggende di Andor, che è una sorta di puzzle, ha una rigiocabilità bassissima a causa del fatto che l’aleatorietà è demandata solo ai tiri di dado e le scelte tendono ad essere sempre le stesse… eppure il gioco costituisce una storia, le illustrazioni sono splendide e l’atmosfera che lo accompagna è molto bella… tutte cose che rendono la sua scarsa longevità una aspetto veramente secondario (almeno per il sottoscritto).

In ultima analisi, la rigiocabilità/longevità di un gioco è una cosa molto relativa se pensiamo a quante volte giochiamo ai giochi più “rigiocabili”: per uno che ne possiede due o tre la rigiocabilità è fondamentale, ma per uno che ne ha una decina, una ventina… una sessantina… che un gioco sia rigiocabile o no non dovrebbe fare una gran differenza: la scelta è così ampia che non riuscirebbe nemmeno a sfruttarla una sua ipotetica incredibile ri-giocabilità.

Per questo, secondo me, a meno che un gioco non abbia una longevità pari a 0 e abbia un costo elevato, non dovrebbe essere presa in considerazione nella scelta di un gioco adatto a noi, a meno che non sia il primo e unico che ci vorremmo comprare…

A proposito… su MagicMerchant.it trovate veramente un casino di giochi dalla longevità variabile…

Rispondi