Verso Play 2018 – GateOnGames

Il nono editore che vi presentiamo nella rotta verso Play è GateOnGames che porta novità targate Thundergryph, trovate il resto della rubrica qui.

Stringendo una partnership con Thundergryph, GateOnGames ha veramente fatto centro. La casa del grifone realizza un gioco più bello dell’altro e quest’anno avremo una novità e mezza a Play.

Partiamo con il video di GDT Live, ci vediamo sotto!

Dead Man’s Doubloons

Benvenuti nel mondo di Dead Man’s Doubloons, un luogo in cui vestirete i panni di leggendari capitani pirata, disposti a tutto pur di far proprio il bottino nascosto sull’isola. A bordo della vostra nave potrete rubare frammenti di mappe del tesoro, dobloni d’oro e gemme preziose ai vostri avversari lanciandovi in epici arrembaggi. Dopo aver trovato il tesoro sull’isola, i capitani faranno infine ritorno ai loro vascelli per combattere un’ultima epica battaglia in alto mare!

Dead Man’s Doubloons è un gioco di Jason Miceli per 2-6 pirati della durata di 45 minuti circa che si svolge su due fronti: sull’isola avrete il vostro capitano che dovete far avanzare fino a raggiungere il tesoro, mentre la vostra nave solcherà le acque circostanti, scontrandosi con le ciurme nemiche.

Il gioco si basa sull’utilizzo di carte, con le quali programmeremo le nostre azioni: se ne pescano cinque, se ne giocano tre coperte e, simultaneamente, ogni giocatore rivela la prima, quindi la seconda e poi la terza, risolvendone gli effetti.

Un gioco ad alta interazione, con componenti fisici spettacolari (ma serviva dirlo? È Thundergryph), tra cui le navi fantasma, che userete se la vostra verrà affondata (sono di plastica semitrasparente, come potete vedere qui sopra).

Benché sia decisamente un gioco lontano dai miei gusti, dalla lettura del regolamento sembra interessante e, se vi piace il tema, qui siamo ad altissimi livelli come componenti e i meeple dei capitano sono deliziosi.

Spirits of The Forest

Di “Spirits” vi avevamo già parlato, in occasione della campagna su Kickstarter: è un altro gioco con componenti molto curate, anche questo arriva da un Kickstarter di Thundergryph, è stato creato da Michael Schacht (reimplementa il suo Richelieu) e 1-4 giocatori per una ventina di minuti dovranno addentrarsi in una affascinante foresta.

Avventuratevi in una placida foresta abitata da una miriade di spiritelli grazie al divertente gioco per famiglia di Spirits of the Forest. Nella veste di un gruppo di essere soprannaturali, dovrete riuscire a raccogliere gli spiritelli che si nascondono nella foresta, in modo da aggiungerli alla vostra ricca collezione. La vita vi affascina, in ogni sua forma, ma catturare questi spiriti non è affatto facile, dovrete infatti avvicinarli quando si trovano ai margini della foresta per raccoglierli quando sono meno nascosti.

Raccogliete quanti più spiritelli possibile, ciascun giocatore otterrà punti in base a quanti spiriti di ognuna delle 9 tipologie avrà raccolto al termine della partita, oltre alle diverse 3 fonti di potere da cui essi attingono linfa vitale. Scegliete attentamente quali spiriti raccogliere di turno in turno, posizionando le vostre gemme su alcuni di essi in modo da proteggerli dalle grinfie dei vostri avversari. Solamente così potrete vantarvi della collezione più variopinta al termine della partita.

Grazie a Gonzalo di Thundergryph, ho avuto la possibilità di giocare a Spirits of The Forest quest’anno a IDEAG, la mia signora mi ha battuto, ma è stata una sfida molto serrata. Spirits mi ha dato l’impressione di dare il meglio di sé in due giocatori, ma lo proverò sicuramente in altre combinazioni, perché ci ha affascinati.

Giunti a questo punto, se siete tra coloro che hanno partecipato alla campagna Kickstarter, potreste avere la fronte aggrottata: “Ma come? Esce a Play?” Ebbene sì, la versione retail di Spirits of The Forest (anche se in un numero molto limitato di copie), sarà presentata a Play.

Se, come immagino, invece di investire 12€ nella scatolina minima, avete investito 30€ per avere l’edizione deluxe o ancora di più per la Collector’s (Vi lascio il link alla pagina su Kickstarter per vedere il ben di dio che ci si poteva portare a casa con 70€), potreste rimanere contrariati.

Sulla scia di Tao Long, anche questo gioco viene presentato in fiera in Italia e un centinaio di persone potranno portarlo a casa prima di chi ha partecipato alla campagna, in quanto le edizioni più di lusso sono ancora in produzione.

Evidentemente le polemiche suscitate da questa scelta nel caso di Tao Long, non hanno fatto cambiare idea a GateOnGames. Vedremo se questo andrà a discapito, invece, del rapporto instaurato tra Thundergryph e i suoi sostenitori. La mia opinione è che il guadagno su 100 scatole di un gioco da 12€ non vale il nervoso dei fan che hanno anticipato i propri soldi per realizzare il progetto, detto questo, se ci riuscite, portatevene a casa una copia immediatamente, sono soldi davvero ben spesi.

Aggiornamento

GateOnGames ci informa che Spirits verrà presentato a Modena, in presenza dell’autore, ma non è detto che sia in vendita. Rimane il fatto che, se lo sarà, vi consiglio di portarvene a casa una copia al volo.

Se volete addentrarvi in una foresta di giochi da tavolo, vi consiglio MagicMerchant.it, anche se, purtroppo, non troverete gli spiriti…

Rispondi