Verso Play 2018 – Devir

Ormai ci siamo, mancano pochi giorni e ci teniamo a darvi la maggior quantità di riferimenti possibili! Passiamo al diciannovesimo appuntamento con Devir, che porta al Play tre novità e una serie di dimostrazioni.

Ci siamo dati da fare, abbiamo raccolto materiali e pubblicato articoli: se ve ne siete persi qualcuno, potete consultarli cliccando direttamente qui! Se invece volete dar mano alle vostre risorse e accaparrarvi qualche bel gioco indipendentemente dal Play, il vostro sito di riferimento è MagicMerchant.it.

Quest’anno Devir si presenta con tre diverse novità piuttosto peculiari: andiamo a vederle di seguito!

Dungeon Raiders

Cominciamo per gradi: Dungeon Raiders non è una novità assoluta, in quanto la  prima edizione è datata 2011, ma quest’anno il celebre e amato titolo torna con una nuova veste grafica rinnovata grazie alla mano di Albert Monteys, regole aggiornate grazie al feedback di questi anni e una nuova modalità di gioco per prolungarne la longevità e aumentarne l’interesse.

Gioco semi-cooperativo per 3-5 giocatori ognuno dei quali assume il ruolo di un diverso avventuriero che si cala in un dungeon pieno di mostri, trappole e tesori, e deve allearsi con gli altri giocatori per sopravvivere nella prigione sotterranea. Ma, come abbiamo detto, non ci troviamo di fronte ad un gioco cooperativo: solo chi riuscirà a sopravvivere uscendo dal dungeon con più oro sarà il vincitore.

 

 

Gretchinz!

Passiamo ad un altro genere e parliamo di un gioco che è un nuovo spin-off (chiamiamolo così) del poliedrico e multisfaccettato mondo di Warhammer 40.000: Gretchinz! è un folle gioco di corse automobilistiche che ha per protagonisti i verdi e pazzi “pikkoletti” dell’esercito degli Orki… che qui sfodereranno tutta la loro perfidia (e la loro stupidità) in una gara all’ultimo colpo e all’ultimo sangue.

I giocatori (da 2 a 4, 8 anni in su) prenderanno il controllo di questi pazzi velocisti e per vincere, dovranno giocare le loro carte con astuzia e coordinare attacchi e movimenti prima che gli avversari facciano lo stesso per sorpassarli.

Partite veloci (20 minuti circa), una grafica inconfondibile, dadi da tirare e carte da giocare… e i malandati mezzi dei pelleverde da costruire con il cartoncino rendono questo gioco una vera chicca per gli appassionati di… mamma GW!

 

Fanhunter: Assault

E arriviamo alla terza novità: Fanhunter: Assault è un gioco di carte ambientato nell’universo Fanhunter (creato dal fumettista Cels Piñol), in cui tutte le forme di cultura geek e intrattenimento sono state proibite e i bravi membri della Resistenza lottano per il loro diritto a divertirsi.

I giocatori (da 2 a 6, 13 anni in su) si metteranno proprio nei panni di membri della Resistenza e il loro obiettivo sarà ottenere il numero massimo di reliquie e oggetti proibiti confiscati dai Fanhunters

Per rendere l’esperienza di gioco più coinvolgente è prevista una modalità “storia” (che include anche un setting italiano) e la possibilità di sbloccare i capitoli mentre avanzano nel gioco. Creato da Pak Gallego, l’autore più riconosciuto dei giochi di carte spagnoli del momento (che sarà presente al Play per il lancio del gioco e si renderà disponibile allo stand Devir per fare qualche partita), e con illustrazioni esclusive di Cels Piñol a colori, Fanhunter: Assault garantisce partite eccitanti e pazze.

Oltre alle sopracitate novità, allo stand Devir saranno eseguite demo di best-sellers come Labirinto Magico, che sfida piccoli apprendisti maghi a trovare degli oggetti persi nel labirinto del loro maestro prima che lui se ne accorga, Holmes: Sherlock & Mycroft, un gioco ambientato nella Londra dei romanzi di Arthur Conan Doyle, e La Caccia all’Anello, gioco di movimento nascosto, deduzione e avventura che porta i giocatori in un viaggio alla Terra di Mezzo, ricreando i primi capitoli della saga Il Signore degli Anelli. Ci saranno anche dimostrazioni del dungeon crawler cooperativo Sword & Sorcery, su appuntamento.

Rispondi