Anteprima: The Long Road

A Play abbiamo avuto l’occasione di provare The Long Road, gioco Uplay del mitico duo Canetta\Niccolini, lubrificate Colt e Winchester, perché si parte!

Mentre girovagavo per i padiglioni di Play, vedo Marco e Stefania chiacchierare, li saluto e ho l’occasione di conoscere la simpatica Alessandra, che si dileguerà da lì a poco, lasciandomi in balia di quei due terremoti dei genitori.

Recuperata la dolce metà e i nostri amici (tra cui Il Medico), ci mettiamo a un tavolo con Marco e Stefania, che tirano fuori da una borsa una scatola una versione quasi definitiva di The Long Road.

The Long Road uscirà sotto la bandiera di Uplay.it edizioni, si tratta di un gioco per 2-4 cowboy della durata di un’oretta scarsa di cui Marco e Stefania ci avevano fatto intravedere a IDEAG 2018 a Parma. Da amante del genere western e da fan di questo duo di autori, non vedevo l’ora di poterlo provare, ed ecco che è arrivata l’occasione.

Purtroppo, dato che eravamo in 4, esclusi gli autori, non abbiamo potuto assistere a una sfida tra Federica e Stefania, due acerrime rivali al tavolo da gioco!

Preparazione

Nella scatola troverete un mazzo di carte, dei cappelli da cowboy in legno, un mucchietto di monete e alcune armi di cartoncino, oltre a una stella da sceriffo per il primo giocatore.

Ogni giocatore riceve dei segnalini cappello da cowboy in legno, un mazzetto di carte del colore corrispondente (tutti contengono le stesse carte) e un mazzetto di carte Personaggio, queste ultime possono essere divise in mazzetti seguendo la lettera indicata in fondo sul fronte, o mescolate e divise tra i partecipanti con un draft. Per le prime partite, ovviamente, vi consiglio di seguire le lettere, in modo da bilanciare i mazzetti. 

In ultimo, ogni giocatore riceve segretamente una carta personale con una caratteristica che rende asimmetrico il gioco, a fine partita ognuno riceverà più o meno punti bonus in funzione della propria caratteristica. 

Sul tavolo si posizionano 3 mazzetti di carte carovana, durante la partita dovremo fare transitare queste carovane attraverso diversi luoghi (le carte del nostro colore) e cercare di ottenere più monete possibile dalla vendita delle vacche. 

Ogni carovana parte con un certo numero di bonus (monete e pugnali) e ci dice sin da subito quanto varranno le due tipologie di vacche che potremo vendere all’arrivo. 

Nell’esempio di cui sopra, le vacche della prima carovana valgono 1 (bianche), 2 (nere), quelle della seconda 2 (bianche) e 1 (nere), le ultime 1 (bianche) e 4 (nere). I bonus vengono posizionati sulla carta accanto, che verrà rivelata quando la carovana verrà conteggiata.

La partita

Il flusso di gioco è molto semplice: ogni giocatore, nel proprio turno deve giocare una carta dalla propria mano (tre carte) seguendo una semplice regola di posizionamento. Le tre carovane sono contraddistinte da un simbolo: cactus, teepee, canyon. Se la carta che vogliamo giocare ha uno di questi simboli, va aggiunta alla carovana corrispondente, mentre se si tratta di una carta Incrocio, possiamo scegliere dove posizionarla. (v. immagine sotto)

Queste carte riportano un certo numero di vacche sull’angolo in alto a sinistra, un potere da attivare al momento dell’utilizzo della carta e, eventualmente, un’icona “cartelli” in basso a sinistra. Se questa icona è presente, otterremo una delle ricompense sulla carta carovana (comprare un pugnale costa 2 monete, quindi portatevi a casa prima quelli e poi le singole monete). 

The Long Road – Sulla prima carovana restano due ricompense, sulla seconda e sulla terza soltanto una. La prossima carta con l’icona cartelli, aggiunta alla seconda o terza carovana, innescherà la vendita delle vacche.

Quando si gioca una carta in una carovana, è possibile giocare un personaggio dalla propria mano, coperto, accanto alla carovana in questione e indicarlo come proprio posizionandovi sopra uno dei cappelli da cowboy del proprio colore. I personaggi hanno due caratteristiche: un valore di forza e un’abilità speciale. Per potenziare la forza di un personaggio è possibile acquistare pugnali, pistole e fucili, che andranno giocati sulla carta coperta: solo voi saprete (se avete una discreta memoria) quale punteggio di forza avrà in totale il vostro personaggio.

Una volta che tutti i bonus di una carovana sono stati raccolti, la partita si arresta e si procede alla vendita delle vacche, in ordine di forza dei personaggi, ecco il motivo per cui siamo incentivati a potenziare con le armi i personaggi che posizioniamo segretamente: quelli con la forza più bassa hanno abilità più forti e viceversa. Attenzione, però, le armi costano: dovrete valutare se il gioco vale la candela, ovvero se il bottino che porterete a casa sarà superiore alla spesa in armi! 

In ordine di forza, dunque, attiveremo i personaggi e sceglieremo una delle carte giocate alla destra della carovana. Scelta la carta, venderemo le vacche al prezzo riportato sulla carta carovana e ci terremo la carta in questione.

Nell’esempio qui sotto, la mia guida (cappello rosso) ha una forza di 20, sarà quindi il primo personaggio a essere attivato. Prenderà 2 monete per canyon presente nella carovana grazie alla sua abilità (ed essendo il primo, nessuno ha avuto occasione di sottrarre carte da quella carovana, quindi ho potuto raccogliere 6 monete) e venderà per primo le vacche di una carta. Noterete dall’immagine precedente, che la prima carta di questa carovana ha 2 vacche bianche e 1 nera, che ho potuto vendere per 9 monete.

9 + 6 = 15. Ho investito 10 monete in armi (il pugnale l’ho ottenuto gratuitamente dalla carovana), ergo ho portato a casa 5 monete, ma la carta che ho scelto grazie alla mia guida, mi frutterà ulteriori 6 monete a fine partita. Ne è valsa la pena!

La guida ha una forza base di 5, ma con un pugnale (+2), una Colt (+5) e un Winchester (+8) arriva a 20.

Le carte personaggio torneranno in mano ai giocatori in ordine opposto a quello dato dalla forza, l’ultimo quindi avrà la possibilità di scegliere il personaggio più forte.

La partita ha termine dopo che 5 carovane sono state “chiuse” e la nostra carta segreta ci darà monete extra, se saremo riusciti ad accaparrarci carte della tipologia indicata. Al termine di questo conteggio, chi avrà più monete, sarà dichiarato vincitore. 

Considerazioni

Probabilmente la spiegazione di questo gioco lo fa apparire più complesso di quanto non sia in realtà, ma quando avrete modo di provarlo, scoprirete che fila liscio come l’olio. Se da una parte c’è una scommessa sulla reale forza delle carte giocate segretamente dai vostri avversari, dall’altra c’è una certa pianificazione nella gestione della mano. Tre carte non sono molte, ma si riesce a gestire discretamente la (s)fortuna. Come in ogni titolo dove si giocano carte segretamente, avere la faccia tosta aiuta, ma in questo caso non è strettamente necessario, visto che la mia dolce metà, zitta zitta, ha asfaltato tutti (io sono arrivato ultimo, con Marco che mi ha deriso senza alcuna pietà, mi vendicherò non appena possibile). 

The Long Road non sembrava essere un gioco per me, data l’apparente scarsa controllabilità, ma mi sono divertito a giocarci e, se non fosse stato che il tempo non era dalla nostra parte, avrei chiesto volentieri un secondo giro. Certo, se siete degli amanti del controllo totale, vi consiglierei un altro gioco di Marco e Stefania, come Zhanguo; se invece vi piace l’idea della scommessa da saloon, del bluff e, al contempo, vi piace pianificare un po’, vi consiglio decisamente di provarlo.

Se vogliamo trovare un punto debole, mi sarei aspettato delle “longhorn” in copertina, vista anche la grafica del titolo, ma non ha nulla a che vedere con le meccaniche.

The Long Road uscirà a fine anno grazie a Uplay.it edizioni e non appena uscirà, potrete trovarlo su MagicMerchant.it.

Rispondi