Anteprima – Seconda Chance: l’ultima opera di Rosenberg

Il 2018 è stato l’anno dei roll and write, giochi semplici, con poche componenti e facili da portare in giro. Un autore prolifico e famoso come Uwe Rosenberg non ha resistito e ha provato a creare la sua versione.

In Seconda Chance non ci sono dadi, ma ogni turno vengono rivelate due carte puzzle, ogni giocatore dovrà scegliere uno dei due disegni e riprodurlo sul proprio foglio. Nel caso un giocatore non riesca a incastrare nessuna delle due proposte sulla carta, avrà una seconda occasione e potrà pescare un ulteriore disegno che però verrà utilizzato solo da lui. Nel caso nemmeno questa carta possa essere disegnata, il giocatore viene eliminato. I turni si susseguono fino a quando il gioco termina quando qualcuno riempie tutta la propria griglia, finiscono le carte o tutti i giocatori sono eliminati tranne uno.

Leggendo il regolamento si ha l’impressione di essere di fronte a un gioco simile a Patchwork ma meno aggressivo fra giocatori, essendo le carte condivise da tutti e non dovendo lottare per i pezzi migliori. L’autore, oltre al già citato gioco ispirato al cucito, aveva proposto altri giochi con piazzamento di tessere e incastri quali Cottage Garden e Indian Summer e quindi potrebbe essere un nuovo “must” o un gioco che non propone nulla di nuovo, anche se la durata contenuta e l’immediatezza rappresentano di sicuro un punto di forza.

Non vedo l’ora di provarlo per scoprire se entrerà nei giochi che intavolo volentieri.

Rispondi