Geek.pizza

Cowabunga!

Febbraio: le 7 novità targate Asmodee

Febbraio: le 7 novità targate Asmodee

Quello di febbraio si annuncia come un periodo molto caldo, nonostante la stagione, per le novità che Asmodee presenta (e a volte ri-presenta) al suo pubblico. Andiamo a vederle una ad una.

Time Stories Revolution – Experience

Partiamo con un titolo che già conosciamo e che ci porta a vivere avventure veramente conivolgenti. Diciamo subito che Time Stories Revolution – Experience non include alcuna missione e non è un prodotto standalone: è infatti necessario
possedere almeno una missione TIME Stories Revolution per poter giocare e abbinare Experience alla sua prima missione (ma è possibile aggiungerla anche dopo aver giocato una o più missioni).

I giocatori sono in missione per salvare l’umanità. Il continuum spazio-temporale e la struttura stessa della realtà sono in pericolo! Una manciata di uomini, donne ed esseri extraterrestri sono l’unico scudo contro questa minaccia.

In EXPERIENCE scopriranno cosa succede tra le missioni di TIME Stories Revolution. Dovranno migliorare le abilità dei loro agenti, influenzare gli eventi futuri, prendere delle decisioni cruciali per proteggere la linea temporale, movimentare le missioni e scoprire i segreti dell’universo di TIME Stories!


Info tecniche:
Da 2 a 4 giocatori | Durata media di una partita 180’ | Età suggerita 12+ | Genere: Light Game | Studio: Space Cowboys | Autore: Manuel Rozoy


Time Stories Revolution – Progetto Hadal

Rimaniamo in Time Stories con un nuovo ciclo di missioni per riscoprirne l’universo! Le regole del gioco sono cambiate, ma l’impegno dell’Agenzia per la salvaguardia dell’umanità e del continuum spazio-temporale è sempre lo stesso.
Stavolt il gioco è completo, standalone e fa parte del ciclo TIME Stories Revolution, le cui missioni possono essere giocate in qualsiasi ordine.

Info tecniche:
Da 2 a 4 giocatori | Durata media di una partita 180’ | Età suggerita 12+ | Genere: Light Game | Studio: Space Cowboys | Autori: Manuel Rozoy, Melissa & Kevin Delp


Arkham Horror LCG – Una luce nella nebbia

Spostiamoci adesso in un altro mondo… o meglio, in uno degli altri mondi di questo titolo: il nostro! Perché se ad insidiarlo una volta era il tempo, ora lo sono esseri da altre dimensioni in Arkham Horror LCG. Una luce nella nebbia è lo Scenario VI (carte 220–260) della campagna La Cospirazione di Innsmouth. Questo pack contiene 60 carte, comprese nuove carte giocatore ideate per espandere i mazzi esistenti, e un nuovo scenario che può essere giocato sia in modalità autoconclusiva che come parte della campagna La Cospirazione di Innsmouth.

Info tecniche:
Da 1 a 4 giocatori | Durata media di una partita 120’ | Età suggerita 14+ | Genere: Core Game | Studio: Fantasy Flight Games | Autori: Matthew Newman e Jeremy Zwirn con Josiah “Duke” Harrist


Su una scala 1 a T-Rex

Arriva dai creatori di Exploding Kittens, insieme a Wolfgang Warsch, un gioco per chi è davvero (davvero) tremendo… come mimo.

Il gioco è molto semplice:

  • Ogni giocatore riceve un’azione e tutti dovranno effettuare le proprie azioni nello stesso momento.
  • Le azioni da effettuare non sono segrete: tutti i giocatori sanno cosa stanno facendo gli altri MA… non sanno quanto intensamente effettuano l’azione su una scala da 1 a 10.
  • Il vincitore è il giocatore che indovina l’intensità della performance degli altri. In mezzo a tutto quel ruggire, ballare, miagolare e fare lo jodel, dovrà trovare qualcuno del suo stesso livello.

Info tecniche:
Da 2 a 8 giocatori | Durata media di una partita 15’ | Età suggerita 7+ | Genere: Party Game | Studio: Exploding Kittens | Autore: Wolfgang Warsch


Fin qui le novità intese come nuove uscite. Che siano già pubblicate alla data di questo articolo, o che lo debbano ancora fare, poco ci importa dato che stiamo parlando dell’intero mese di febbraio. Ma Asmodee segnala anche degli attesissimi ritorni che sicuramente possono essere interessanti almeno quanto le novità!

Novità targate Asmodee

Gloomhaven

Un titolo che non ha fatto in tempo a rientrare nel capiente magazzino Asmodee che è già nuovamente esaurito con i preordini.

Per chi ancora non lo conoscesse (tipo il fruttivendolo sotto casa mia e la vecchietta che mi vende il giornale) Gloomhaven è un gioco collaborativo di combattimenti tattici in un mondo fantasy inedito e in costante evoluzione. Ogni giocatore riveste il ruolo di un incallito mercenario che persegue i propri obiettivi personali. E fin qui, mi sembra che ad ogni dungeon crawler possa essere appiccicata sta descrizione. Ma sentite questa: insieme, i giocatori, affrontano una campagna di scenari che reagisce e cambia in base alle loro azioni, generando un’esperienza di gioco ricca di tesori da scoprire, avventurieri da condurre al completamento di missioni personali e scelte irrevocabili. Ogni scenario propone ai giocatori una serie di cruciali decisioni tattiche in cui le carte capacità possono essere usate in vari modi e l’uso della capacità giusta al momento giusto può fare la differenza tra il successo e il fallimento.
Gloomhaven offre una meccanica di combattimento scorrevole e priva di dadi contro una schiera di nemici dotati di schemi comportamentali automatizzati e personali. In questa scatola i giocatori troveranno una campagna fantasy pienamente sviluppata e un’esperienza di gioco incredibilmente vasta e approfondita.

Info tecniche:
Da 1 a 4 giocatori | Durata media di una partita 120’ | Età suggerita 14+ | Genere: Core Game | Studio: Cephalofair Games | Autore: Isaac Childres


Mice and Mystics

Poteva mancare questa perla del dungeon crawler in tutto il suo splendore? Sarà che adoro le graphic novel di David Petersen “La Guardia dei Topi”, che me la ricorda tanto, questo gioco ha sempre esercitato un fascino particolare su di me, tanto da farmene fare una Ludografica dedicata (che trovate qui).

In Mice & Mystics i giocatori interpretano gli eroi fedeli al buon re Andon che, per sfuggire alle grinfie della perfida Vanestra, si sono tramutati in topi! Dovranno collaborare per salvare un regno in pericolo. Affronteranno innumerevoli avversari come ratti, blatte, ragni e ovviamente la loro paura più grande: Brodie, il gatto del castello.

L’ambiente interattivo, in costante evoluzione, offre una ricca trama che i giocatori contribuiranno a creare nel corso della partita. Durante il loro viaggio, i topi raccoglieranno le briciole di preziosi formaggi che consentiranno loro di potenziarsi con incredibili nuove abilità e superare ostacoli apparentemente insormontabili.
Quest’avventura cooperativa, un po’ fiaba e un po’ gioco, offrirà a qualsiasi gruppo di amici o familiari un’avventura indimenticabile di cui parleranno per anni… sempre che riescano a cavarsela!

Info tecniche:
Da 1 a 4 giocatori | Durata media di una partita 90’ | Età suggerita 7+ | Genere: Light Game | Studio: Plaid Hat Games | Autore: Jerry Hawthorne


Pandemic Legacy – Season 1

Chiudiamo con un “signor gioco” che mi fa tornare in mente un film (ma solo per il titolo): Sometimes they come back!

E infatti Pandemic Legacy – Season 1 is back!
Un anno. Una squadra. Una speranza. Pandemic Legacy prende il via in quello che potrebbe diventare uno dei peggiori anni della storia dell’umanità. Fare in modo che non lo sia veramente è compito dei giocatori, che dovranno unire le forze per salvare il mondo.
Diversamente da Pandemia, le azioni effettuate durante una partita di Pandemic Legacy hanno effetto anche sulle partite future. I personaggi cambieranno. Alcuni potrebbero
essere perduti. Emergeranno eroi. E, naturalmente, ci sono le malattie, che partono sotto controllo, ma presto…

Info tecniche:
Da 1 a 4 giocatori | Durata media di una partita 60’ | Età suggerita 14+ | Genere: Light Game | Studio: Z-Man Games | Autori: Matt Leacock, Rob Daviau


Ve lo dico o lo sapete già? Io ve lo dico, non si sa mai: trovate questi titoli e molte interessanti offerte su MagicMerchant.it

Luca "Il ludografico"

Il Ludografico (all'anagrafe Luca Canese) è un graphic designer e modellista, con una passione smodata per i giochi da tavolo, i libri, la storia antica, i boschi, gli orsi, gli unicorni, i giochi di Ryan Laukat, le opere di Paolo Chiari e i libri pop-up di Robert Sabuda. Scrive articoli bizzarri su vari aspetti del mondo dei GdT, realizza recensioni grafiche (le Ludografiche) dei giochi che ha provato, crea giochi sotto l'egida della LuxLu GD (con il suo collega Luigi Maini), lavora come grafico freelance per le aziende e agenzie, collabora con lo studio Labmasu come progettista di organizers per giochi da tavolo e con la 4Grounds per la progettazione di navi di legno. E trova pure il tempo per giocare e badare alla sua casa. Consumato (e a volte scostumato) master e giocatore di GdR, passa da Eberron agli oscuri miti lovecraftiani con nochalance, mentre la sua casa è invasa (oltre che da libri fantasy, di illustrazioni, di storia, Funko Pop e altre cose strane) da miniature dipinte e non dei più svariati giochi.

Ultimi articoli

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: