Geek.pizza

Cowabunga!

Little Rocket Games cattura the Beast!

Little Rocket Games cattura the Beast!

No, non ci siamo bevuti l’ultimo barlume di sanità mentale che ci restava! Little Rocket Games annuncia la distribuzione italiana del gioco Beast! Non sapete cos’é? Allora continuate a leggere…

Ci è appena giunta in redazione la notizia che, grazie ad un accordo con la casa editrice Studio Midhall (casa editrice con sede a Malmö, in Svezia, e orientata ai giochi con un gameplay asimmetrico e poca o nessuna casualità), la Little Rocket Games porterà in Italia questo affascinante fantasy tutto da scoprire: Beast, la cui campagna KS è ancora aperta per pochissimi giorni ma è andata fortissimo e i suoi finanziatori “nostrani” riceveranno il gioco già nella versione italiana della Little Rocket Games.

IL GIOCO

Beast è un gioco di draft e gestione mano, di Aron e Elon Midhall (Aron ne ha curato anche il lato artistico) per 2 – 4 giocatori dai 14 anni in su e della durata media di 60 – 120 minuti.

Benvenuti nella Distesa del Nord, un luogo dove la natura è ancora inesplorata, mistica e pericolosa.
Quando gli umani arrivarono per la prima volta, pensarono di aver trovato un paradiso incontaminato, pieno di foreste abbondanti, laghi ricolmi pesci e acqua dolce che scorre dalle montagne.
Ma man mano che i loro insediamenti si espansero e le foreste circostanti si assottigliarono, la natura stessa li respinse. Sono emerse grandi creature conosciute come Beast che, con le loro zanne, artigli e poteri mistici, si sono rivelate un’incredibile minaccia per gli umani. Per proteggere gli insediamenti, gli uomini hanno arruolato cacciatori specializzati, incaricati di rintracciare e uccidere le Bestie prima che troppi di loro muoiano.

Beast

E’ così che il gioco si sviluppa attorno alla sfida fra la terribile Bestia e i Cacciatori che dovranno cooperare per sconfiggerla e tenere al sicuro il proprio villaggio. Non sono mai stato un gran fan dei giochi a movimento nascosto, mi è sempre sembrata una meccanica un po’ artificiosa e raramente l’ho vista risolta in modo soddisfacente, ma devo dire che trovo interessante il modo in cui questo aspetto del gioco è stato sviluppato.

The Beast – Il Movimento nascosto

La Bestia usa un mazzo di carte direzione per muoversi su foreste, paludi e caverne, usando l’astuzia e l’inganno per nascondere le sue tracce ai cacciatori. Tuttavia, ogni volta che un cacciatore si sposta su un luogo in cui è stata precedentemente la Bestia, appare una scia.

Solo quando un Cacciatore cerca un luogo o la Bestia stessa attacca un bersaglio ignaro viene rivelata la posizione effettiva della Bestia. Inoltre, ogni cacciatore ha una sola possibilità di muoversi in ogni round, rendendo la decisione tesa e difficile. I cacciatori raramente hanno informazioni complete sulla posizione effettiva della Bestia.

Draft asimmetrico

Ogni azione che un giocatore compie in questo gioco viene eseguita attivando una carta dalla sua mano (fino a un massimo di due carte per turno). Ciò significa che se un giocatore vuole cercare, attaccare o muoversi, deve avere una carta in mano che gli permetta di farlo.

Prima di ogni round, sia i Cacciatori che la Bestia partecipano a un draft per le carte più importanti. Tutte le carte azione possono essere utilizzate sia dalla Bestia che dai cacciatori.

The Hunters – Soprattutto il lavoro di squadra

Per vincere in questo gioco, si deve cooperare in ogni fase del percorso se giochi come cacciatore o superare abilmente i tuoi avversari se giochi come Bestia. Da soli, i cacciatori non sono mai più forti della Bestia. Solo quando i cacciatori comunicano, elaborano strategie e combinano le loro azioni possono abbattere la Bestia prima che sia troppo tardi.

Il gioco sarà disponibile nei negozi italiani orientativamente intorno a Ottobre 2022.

Luca "il ludografico"

Il Ludografico (all'anagrafe Luca Canese) è un graphic designer e modellista, con una passione smodata per i giochi da tavolo, i libri, la storia antica, i boschi, gli orsi, gli unicorni, i giochi di Ryan Laukat, le opere di Paolo Chiari e i libri pop-up di Robert Sabuda. Scrive articoli bizzarri su vari aspetti del mondo dei GdT, realizza recensioni grafiche (le Ludografiche) dei giochi che ha provato, crea giochi sotto l'egida della LuxLu GD (con il suo collega Luigi Maini), lavora come grafico freelance per le aziende e agenzie, collabora con lo studio Labmasu come progettista di organizers per giochi da tavolo e con la 4Grounds per la progettazione di navi di legno. E trova pure il tempo per giocare e badare alla sua casa. Consumato (e a volte scostumato) master e giocatore di GdR, passa da Eberron agli oscuri miti lovecraftiani con nonchalance, mentre la sua casa è invasa (oltre che da libri fantasy, di illustrazioni, di storia, Funko Pop e altre cose strane) da miniature dipinte e non dei più svariati giochi.

Ultimi articoli

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: