L’intervista: Luca Feliciani, autore di Mythomakya

Girovagando per internet ho notato un gioco a tema olimpico edito da Pendragon, ho contattato l’autore e, anche se non sono riuscito a farlo sbottonare moltissimo, abbiamo fatto due chiacchiere sul suo gioco: Mythomakya

Ciao Luca, presentati per i nostri lettori, chi sei? Cosa fai?

Ciao e grazie per avermi contattato! Mi chiamo Luca e sono una persona a cui piace giocare. Detta la cosa più banale del mondo, nel concreto, sono un impiegato nel settore privato, padre di famiglia e amante di diverse cose tra cui lo sport e, appunto, il mondo del gioco e del fumetto.

Mythomakya AchilleSei l’autore di Mythomakya, ci racconti come è nato questo gioco?

La storia di Mythomakya è un po’ particolare. All’inizio, attratto dal crowdfunding e dal suo rendere possibile l’impossibile, ho pensato di realizzare uno dei miei più grandi sogni: quello di far vivere esperienze divertenti tramite un mio gioco. Paradossalmente, il punto di arrivo è che il gioco non è stato (e non sarà) finanziato tramite crowdfunding! Infatti, in tutto questo percorso e grazie a diverse persone che ho conosciuto, ho realizzato che l’organizzare una campagna di crowdfunding è tanto impegnativa quanto la realizzazione del prodotto stesso. Contestualmente, l’incontro che ha svoltato tutto è stato quello con la Pendragon Game Studio, una realtà fatta di professionisti del settore con i quali si è subito creata un’ottima relazione. Insieme a loro, abbiamo deciso di non usare risorse per la campagna di crowdfunding ma di focalizzarci sul fare il miglior gioco possibile!

Una delle ambientazioni più inflazionate dopo il Signore degli Anelli e tuttavia la mitologia greca ha un fascino intramontabile, ci racconti perché hai scelto questa ambientazione?

Oltre al far vivere un’esperienza divertente, alcuni giochi da tavolo sono in grado di raccontare belle storie. Le storie possono essere nuove o prese in prestito da qualcun altro. Nelle interminabili serate in cui cercavamo di capire quale fosse la miglior storia da raccontare, un mio amico mi ha suggerito la mitologia. Ora, prescindo dal fatto che tutti noi da bambini siamo stati affascinati da queste storie e che quindi ero emotivamente coinvolto. Il punto che mi ha colpito è che era un’ambientazione tanto adatta quanto semplice da raccontare… tutti conoscono Zeus. In sostanza, quindi, abbiamo preferito interpretare una storia nota, piuttosto che raccontarne una nuova. A rafforzare questa scelta è stata poi la collaborazione con Mirka Andolfo, l’llustratrice di Mythomakya. Lei è bravissima a dare una forma nuova ai personaggi, lo si vede da tutti i suoi lavori nel campo del fumetto. In questo senso, la sfida di interpretare la mitologia l’ha subito affascinata ed è nata una bella collaborazione.

Del gioco non si sa veramente niente, si sono solo visti dei disegni, cosa puoi raccontarci?

In realtà, al momento non posso raccontare moltissimo. Diciamo che, avere Mythomakya, significa avere due giochi che si basano su una stessa meccanica. La differenza è che uno dei due è molto semplice e molto “per tutti” (bambini inclusi); l’altro è più adatto a giocatori un pochino più esperti. In generale, sono giochi rapidi e si può giocare da 2 a 6 giocatori. Per avere altre informazioni, devi restare sintonizzato sulla nostra pagina Facebook!

Mythomakya MinotauroDimmi che, una volta imbustate, le carte stanno ancora nella scatola, per favore!

Dipende dalle bustine!!! A parte gli scherzi, un po’ di spazio ci sarà!

A chi piacerà Mythomakya?

Bella domanda! Speriamo a tante persone! A parte gli scherzi, mi piacerebbe che Mythomakya piacesse non tanto (anzi, non solo) a gamers abituali ma anche a persone che sperimentano per la prima volta un gioco diverso dal Monopoly.

Quando uscirà il gioco?

(Sono giapponese!) Anche su questo non sono in grado di risponderti. Per Natale dovreste essere in grado di poterlo regalare. Speriamo però di riuscire a pubblicarlo anche prima!!!!

Hai già pronta l’espansione a tema Saint Seiya (Cavalieri dello Zodiaco)? Qual è il tuo Saint preferito? Io sono un fan di Hyoga (Crystal).

Sarebbe stupendo, ottima idea! Sono stato un grande fan dei Cavalieri dello Zodiaco e forse i più attenti se ne accorgeranno anche tramite Mythomakya. Il mio preferito era, e rimane Phoenix!

Sei invitato sull’Olimpo a cena, puoi ordinare la tua pizza preferita, quale scegli?

Più che la pizza sarebbe interessante la compagnia; se non ci sono le bellezze dell’olimpo, mi spingerei a far baldoria con una bella salsiccia e cipolla!

Nel salutare Luca vi lascio un paio di link, uno alla pagina Facebook del gioco, uno alla nostra pagina, se volete leggere altre interviste e recensioni di giochi lasciateci un “mi piace”.

Rispondi