Anteprima: Zombie Tsunami su Kickstarter

Zombie Tsunami nasce come app, ma grazie a Lucky Duck Games è diventato anche un gioco da tavolo, che sta spopolando su Kickstarter.

Zombie Tsunami è un gioco per 3-6 orde di zombie della durata di una mezz’ora circa. Il gioco si propone di trasporre in componenti fisiche l’app che forse conoscete o forse no (io, ad esempio, non l’avevo mai sentita), il punto è che non dovrete combattere gli zombie, sarete voi gli zombie. L’orda più numerosa dopo 3 round di gioco garantirà la vittoria a chi la controlla.

Con circa 26€ potete accaparrarvi l’edizione base, mentre con 35 potrete avere anche la Zombird Expansion e aggiungere le carte degli uccelli non morti al gioco.

Nella scatola

20 carte strada, 20 carte negozio, 7 carte bonus segreto, 72 dadi zombie, 48 gettoni (di quattro tipologie) e una plancetta strada in cartone.

Il setup

Ogni giocatore riceve 3 gettoni votazione, uno per colore e una carta bonus segreto (l’obiettivo per questo round). Si rivelano carte negozio in funzione del numero dei giocatori, si ripongono nella scatola due carte strada (per dare un po’ di longevità al gioco) e si forma il mazzo strada, che verrà utilizzato nei tre round.

La partita

La partita è suddivisa in tre round e vincerà il giocatore che controllerà più zombie.

All’inizio di ogni round i giocatori ricevono due zombie e un obiettivo segreto, dopodiché si parte. Si rivela la prima carta strada e tutti i giocatori dovranno risolverla simultaneamente prima di passare alla carta successiva. Tra alcune carte sono rappresentate icone moneta o zombie, ogni giocatore riceve quanto indicato sulla plancia prima di risolvere la carta successiva.

Le carte strada possono essere:

  • Carte salto – ogni giocatore lancia i propri cubetti zombie come fossero dei dadi, quelli che atterrano con la faccia dello zombie verso l’alto sono perduti (fatto salvo il numero massimo indicato sulla carta)
  • Carte spinta – è il momento di travolgere un veicolo, auto, camion o aereo che sia e qui arriviamo alla parte cooperativa del gioco: per spingere il veicolo servono tanti zombie quanti indicati dalla carta, molto probabilmente i nostri non saranno sufficienti, dovremo quindi cooperare con gli altri giocatori. Rivelando simultaneamente uno dei tre gettoni alleanza. Federica voterà veramente “rosso” come ha promesso di fare, oppure no? In linea di massima non ci sarebbe ragione di mentire, perché una volta rivelati i gettoni votazione, avremo delle squadre che sommeranno il numero dei loro zombie e solo coloro che ne avranno il numero indicato dalla carta la supereranno indenni, le squadre con un numero inferiore ne perderanno 2 prima di poter procedere oltre il veicolo. Alcune carte bonus, tuttavia, richiedono espressamente che vi troviate in una situazione spinosa per attivarsi, ecco spiegato perché qualcuno potrebbe non dire la verità…
  • Carte zombie/moneta: ogni giocatore riceve una delle due risorse, a scelta.
  • Civile / bomba: ogni giocatore riceve un “gettone umano” oppure lanciare una bomba sulla riserva di un avversario. Gli umani si trasformeranno in zombie a fine turno, ma una bomba li spazzerà via tutti, se verrete colpiti prima.

Ci sono poi le carte negozio, che potrete acquistare con le monete raccolte, vi conferiranno oggetti extra da usare per potenziare la vostra orda oppure danneggiare quelle altrui. Sarà il giocatore con meno zombie a scegliere per primo se e cosa acquistare, potrebbe essere quindi vantaggioso non essere in vantaggio in certi momenti della partita.

Conclusioni

Zombie Tsunami sulla carta sembrerebbe un gioco rapido e divertente, se avrò occasione di provarlo sicuramente non mi farò sfuggire l’occasione. Certo, non è uno di quei giochi dove c’è da spremersi le meningi per pianificare le mosse e personalmente non amo giochi con un alto tasso di casualità, come probabilmente saprete, ma con la giusta compagnia apprezzo anche i giochi più “casual”. Zombie Tsunami ha dalla sua diversi fattori positivi, anche senza considerare il traino dell’app. La grafica e i materiali lo rendono sicuramente molto accattivante, inoltre la velocità con cui si spiega e si apparecchia aiutano certamente a renderlo appetibile ai giocatori meno esperti.

Credo di non essere l’unico a pensarla così, perché su Kickstarter hanno raccolto oltre quattro volte la cifra richiesta, sbloccando ben 8 “stretch goal” e mancano ancora due settimane.

Se vi ho incuriositi, ecco il link alla campagna.

Rispondi