Anteprima: Spirits of the Forest su Kickstarter

Un design delicato come la rugiada su una foglia, regole rapide come un soffio di vento, strategia insidiosa come una ragnatela… parliamo di Spirits of the Forest, progetto Kickstarter di Thundergryph Game.

Una volta ogni cento anni, un vento mitico solleva il velo tra il mondo degli spiriti e il nostro: capricciosi serafini, attratti dal vigore di un’antica foresta, scendono attraverso le nuvole così da poter riprendere il loro centenario gioco ancora una volta…

Così si apre la presentazione di Spirits of the Forest, un gioco di Michael Schacht, splendidamente illustrato da Natalie Dombois e pubblicato da ThunderGryph Games, una presentazione che accenna al carattere delicato e affascinante insito nella componentistica del gioco.

Ma andiamo con ordine.

Spirit of the Forest è un gioco astratto da 1 a 4 giocatori, adatto ad un pubblico dai 14 anni in su e della durata di circa 20 minuti a partita; in esso i giocatori impersonano i quattro elementi che nutrono e sostengono la Natura, in una gara di accaparramento dei 9 tipi di Spiriti presenti e dei 3 tipi9 di Energie che utilizzano.

Il gioco si svolge a turni in cui i giocatori effettuano le loro prese e giocano le gemme a loro diposizione finché non ci saranno più tessere disponibili per i giocatori. A quel punto verranno conteggiati i Punti Natura e si stabilirà il vincitore.

Partiamo dalla componentistica per poi parlare più specificamente delle regole: faremo riferimento alla versione Retail, rimandando la scoperta della ricca componentistica aggiuntiva e altre interessanti notizie alla sua pagina di Kickstarter.

Cosa troviamo nella versione retail

Le tessere Spirito rappresentano i 9 Spiriti presenti nella foresta, ognuno dei quali è associato ad un colore e ad un aspetto della natura: Rami (verde-marrone), Rugiada (azzurro), Fiori (grigio), Frutti (amaranto), Foglie (viola), Muschio (verde), Funghi (marrone), Ragnatele (blu scuro) e Viticci (arancione). Riportano inoltre un numero che rappresenta il numero di simboli “Spirito” di quel particolare aspetto sono presenti nella totalità delle tessere. Alcune di esse riportano anche uno dei simboli delle tre Energie naturali coinvolte: l’impetuoso Fuoco, la sovrannaturale Luna e il nutriente Sole. Sono queste tessere che dovranno essere collezionate dai giocatori se vogliono vincere la partita.

Le Gemme sono usate tatticamente dai giocatori posizionandole sulle tessere “Spirito” o rimuovendole dal gioco in casi particolari, come vedremo in seguito.

I segnalini Favore possono rappresentare uno degli aspetti degli spiriti (Rugiada, Funghi, ecc.), una delle tre energie, entrambi i tipi usati a fine partita insieme alle tessere “Spirito” per calcolare i Punti Natura, oppure un simbolo “+” che può essere usato in qualsiasi momento per recuperare una gemma precedentemente eliminata dal gioco.

Setup

Ogni giocatore prende 2 Gemme (se si sta giocando in 3 o 4) o 3 Gemme (se si sta giocando in 2) dello stesso colore (nel solitario le gemme non servono, si usa invece la plancetta).

Si mescolano le 48 tessere e si posizionano, in quattro file da 12, al centro del tavolo di gioco: questa sarà la nostra foresta. A questo punto si prendono poi 14 segnalini Favore a caso e li si posizionano come rappresentato in figura qui sotto (gli altri si ripongono, senza guardarli, nella scatola).

Mentre le tessere Spirito sono a faccia in su, le tessere Favore sono a faccia in giù, segrete.

Le tessere alle estremità di ogni fila orizzontale sono considerate il margine della foresta: ricordatevelo bene perché è solo dalle estremità che possono essere prese le tessere “Spirito”.

L’ultimo ad aver fatto una gita nel bosco comincia la partita.

Il gioco

Le regole non impegneranno molto le vostre meningi, in modo da dedicare tutta la vostra attenzione a tattiche di presa e calcolo di Spiriti! Ogni giocatore, a partire dal primo giocatore e in senso orario, può:

  • prendere una carta che riporta due simboli Spirito

oppure

  • prendere un massimo di due carte che hanno lo stesso simbolo Spirito (ma uno solo per carta)

Come detto ogni presa potrà avvenire solo dai margini della foresta (le carte alle estremità delle file). Quando un giocatore prende una o due tessere, le organizza davanti a sé incolonnandole, a faccia in su, per colore e in modo che siano visibili solo i simboli Spirito e/o Energia presenti su di esse. Se prende tessere che hanno un segnalino Favore lo guarda di nascosto e lo pone, a faccia in giù, di fronte a sé. Come detto alcuni hanno effetto a fine partita, altri durante la partita stessa.

Una volta prese le tessere, un giocatore, prima di passare la mano al successivo, può decidere di porre una delle sue Gemme su una tessera Spirito (anche se ha un Favore) che non abbia già una Gemma sopra. Se un giocatore vuole prendere una tessera Spirito che ha sopra la gemma di un avversario, dovrà eliminare dal gioco una delle proprie Gemme, che si trovi su una tessera o meno (l’avversario riprende la propria).

Quando tutti hanno effettuato le loro prese (o hanno passato se non possono farlo), il segnalino Primo Giocatore passa al giocatore a sinistra e il gioco riprende.

I turni vanno avanti fino a quando non ci sono più tessere Spirito in gioco. Quando ciò avviene si rivelano i segnalini Favore Spirito/Energia e si procede al calcolo dei Punti Natura secondo un metodo di maggioranze: solo chi ha la maggioranza di simboli di un determinato Spirito/colore (contando anche i segnalini Favore/Spirito) può conteggiare il numero di simboli (di quello Spirito) che possiede (gli altri conteggiano 0 punti), inclusi i segnalini Favore/Spirito; ogni giocatore riceve poi 3 punti di penalità per ogni tipo di Spirito di cui non possiede nemmeno un simbolo. Allo stesso modo si procede con i simboli Energia, con la differenza che nelle maggioranze non vengono contati i segnalini Favore/Energia (vengono calcolati dal giocatore che ha la maggioranza di tessere che li raffigurano).

Il gioco in solitario ha sostanzialmente lo stesso svolgimento ma i segnalini Favore/Spirito non vengono usati e se ne posizionano tre sulla plancetta come bonus per l’avversario “fittizio”, le tessere “Spirito” sono giocate coperte a parte i margini della foresta e si prende una tessera alla volta, mentre quella all’estremità opposta si dà all’avversario fittizio.

Conclusioni

Già solo per il tema e la grafica, con me ha guadagnato un milione di punti, ma non ho ancora avuto modo di giocarci, quindi non posso sbilanciarmi troppo: mi sembra un gioco ben strutturato e per nulla scontato, con quelle regoline immediate che anche in solitario possono farlo diventare una specie di droga.

La grafica è veramente troppo bella, la adoro… e mi sembra che renda il gioco godibile sia “meccanicamente” che “emotivamente”.

Se siete interessati, avete ancora due settimane per partecipare al finanziamento su Kickstarter, con 30€ potrete ottenere la versione deluxe.

Rispondi