Le mura di York

Le mura di York

Oggi saremo degli importanti architetti, diretti nel nord dell’Inghilterra, per dare alla città di York le mura di cui ha bisogno.

Le mura di York è un gioco edito da Cranio Creations, che ha visto partecipare allo sviluppo Simone Luciani, adatto per 2-4 giocatori, (età consigliata 8+) e dalla durata indicativa di 30 minuti.

Partendo da un setup molto semplice, ogni giocatore creerà all’interno di una cornice la propria città, costituita da quattro maxi tessere che presentano spazi città, monete e vichinghi orientate nell’ordine deciso dai giocatori.

Nella torre lancia dadi accoglieremo la richiesta del re, che ci dirà quali caratteristiche dovranno essere soddisfatte e racchiuse all’interno delle mura. I 3 dadi lanciati ci indicheranno precisamente quanti mercati, pozzi e chiese dovranno far parte della città in costruzione. Ad ogni turno provvederemo a lanciare un dado speciale che ci indicherà il numero e la disposizione dei muretti che dovremmo posizionare per dar vita al nostro progetto.

Le mura potranno essere posizionate con molta libertà all’interno della nostra griglia, (includendo anche più edifici della richiesta del re), in modo da formare un perimetro che includerà non solo  gli edifici richiesti dal re, ma anche spazi moneta e temibili vichinghi.
Procedendo nella costruzione delle mura, verrà quasi naturale approfittare di poter scegliere di ignorare la disposizione dettata dal dado, e al suo posto posizionare un unico muretto, in modo da escludere (o includere) determinati spazi della plancia, o chiudere con più facilità gli ultimi spazi rimasti.

Nel momento in cui un giocatore completerà le proprie mura, continuerà a partecipare ai turni di gioco, prendendo le monete indicate dal dado, invece dei pezzi di mura. Si continuerà così finché tutti i giocatori avranno concluso il proprio progetto.

Si procederà così alla fase punteggio di metà partita, andando a contare il numero di monete guadagnate, presenti all’interno del perimetro, e il numero di vichinghi che hanno fatto breccia nelle vostre mura (rappresentati da simpatici gettoni). Ogni giocatore prenderà le rispettive monete e gettoni vichingo, procedendo poi alla conta; il giocatore che ha “ospitato” il maggior numero di invasori sarà costretto a tenere davanti a sé uno dei gettoni appena nominati, girandolo dal lato invasione e scartando tutti gli altri. Gli altri costruttori manterranno invece tutti i gettoni guadagnati (non pensiate di cavarvela così a buon mercato, se ne riparla a fine partita!).

Si inizierà così il secondo round, eliminando tutte le mura dalle plance, ascoltando una nuova richiesta del re e procedendo nuovamente con le fasi appena descritte, l’unica differenza sarà data a fine round dal conteggio totale dei gettoni vichingo: chi ne avrà di più subirà la classica invasione, chi ne avrà meno, guadagnerà lo scudo del re.

A questo punto, il possessore dello scudo riceverà 3 monete, mentre i possessori del segnalino invasione ne perderanno 5. Il giocatore con il maggior numero di monete verrà decretato il miglior architetto del reame e vincitore della partita.

Le mura di York Plancia

Le mura di York è un titolo molto leggero che si è rivelato un ottimo introduttivo sia per ragazzini che per giocatori alle prime armi. Ha una buona scalabilità senza causare nessun tipo di paralisi da analisi, anzi, avendo a disposizione più copie del gioco, è possibile addirittura unirle per aumentare il numero di giocatori.

Possiamo tranquillamente definirlo un solitario di gruppo, dato che l’unica interazione al tavolo è il conteggio dei vichinghi, ma durante la partita non si sente assolutamente il bisogno di guardare le plance degli altri giocatori per cercare di fare meglio.

Un gioco piacevole anche per il fatto di non avere una strategia dominante. Non sempre infatti può convenire chiudere subito le mura per prendere monete dal dado, ma può essere molto remunerativo costruire mura più grandi (una regola opzionale fa guadagnare monete addizionali per il tratto dritto più lungo) per raccogliere quelle già presenti sulla plancia.

Il prezzo di lancio de Le mura di York potrebbe avergli fatto perdere un po’ di appeal, ma l’offerta “back to shop” attualmente disponibile, lo rende un ottimo acquisto da avere in libreria.

Vi ricordiamo che tra i tanti negozianti, anche gli amici di MagicMerchant.it aderiscono a questa iniziativa!

LudoCoconutClub

Ultimi articoli

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: