Unicorn Fever – Recensione

Unicorn Fever – Recensione

Ehi, un arcobaleno! Davvero? Si si, guarda, stanno arrivando i primi Unicorni. Cavolo, corro subito a prendere i miei risparmi! Questa volta ad Unicorn Fever, la corsa più assurda di Unicorni, vincerò io!!!

Unicorn Fever è un gioco edito da Cranio Creations, per 2-6 giocatori, (disposti a tutto pur di vincere), della durata indicativa di 60 minuti e per un pubblico di almeno 14 anni.

Il gioco viene da una campagna Kickstarter molto positiva, creata da Horrible Guilds, (famosa per il suo Dungeon Fighter), che ha visto anche una versione “super pimpata”, che, purtroppo, non siamo riusciti a sgraffignare.

Tranquilli, questa versione retail ha tutte le carte in regola per stupirvi e farvi gridare al tavolo come se foste sugli spalti di un Ippodromo dopo aver scommesso la propria casa su un piazzamento alquanto azzardato!

Andiamo però con ordine, come si gioca? Dopo un breve setup, e le immancabili battute sugli unicorni obesi, il gioco si svilupperà in 4 round, dove avremo a disposizione tre azioni a testa, alla fine delle quali lo scommettitore con più gloria, (punti vittoria), e meno sale in zucca, sarà il vincitore.

Come nella realtà, ogni gara necessita di una preparazione, che in questo caso sarà tutt’altro che atletica.
Avremo il piacere di “pompare”, (o in alcuni casi, “spompare”), gli unicorni con delle deliziose carte magia, che li faranno balzare in cima o in fondo alla classifica, fargli fare sprint strepitosi, commettere una falsa partenza o, ancora, bloccarli proprio sulla linea del traguardo.

In questo parapiglia generale, ci verranno ad aiutare delle piccole str… ane creature, che ci offriranno dei contratti molto vantaggiosi per aumentare le nostre possibilità di vittoria.
Una volta concluse le scommesse, corriamo a prendere i posti migliori per gustarci la corsa!

Tra colpi di scena e imprevisti dell’ultima magia, vedremo gli unicorni darsi battaglia lungo l’arcobaleno, per riuscire ad infilarsi per primi nel pentolone pieno d’oro e aggiudicarsi, così, un buon piazzamento.

Unicor Fever è sicuramente un upgrade ben riuscito (ricordiamo che nasce dal gioco Horse Fever, sempre di Cranio Creations).
Una grafica coloratissima e delle miniature irriverenti, lo rendono divertente, allegro e in grado di far sedere al tavolo anche i non amanti di scommesse, boardgame e, (siate maledetti!), chi odia gli unicorni.

Nonostante durante la corsa le uniche azioni saranno girare le carte con gli avanzamenti e lanciare i dadi per gli sprint, i giocatori si ritroveranno sempre concentrati sulla gara, tifando e infierendo ad ogni passo di questi unicorni scalmanati.


Oltre alla grafica, anche i materiali sono di buona fattura: le carte hanno un bello spessore, così come le monete e tutti i vari gettoni; le miniature riproducono fedelmente le immagini stampate sulle carte personaggio, trasmettendo i tratti più rappresentativi di ognuno di essi.

Unicorn Fever ti regala momenti spensierati, facendo passare in secondo piano anche la possibile sconfitta, una chicca da non farsi scappare!

Vogliamo scommettere che troverete il gioco su MagicMerchant.it ?

Jack Dryke

Jack Dryke, sul pianeta Terra viene comunemente chiamato Giacomo. Membro del LudoCoconutClub, dove si fregia del colore blu rubato con occhioni dolci alla sua ragazza Giulia (Meeple giallo). Amante dei Giochi da Tavolo, Video Games, Cinema.

Ultimi articoli

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: