13 cose che forse non avete notato nell’ultimo trailer di Star Trek: Discovery

Nell’ultimo trailer di Star Trek: Discovery ci sono tredici particolari interessanti che possono essere sfuggiti anche ai fan più attenti: vediamoli insieme!

 

1- Un’altra nave della Flotta Stellare in battaglia?

Nelle prime scene del trailer si sente Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) pronunciare la battua: “Tutta la vita è nata dal caos” e vediamo la U.S.S. Europa prossima ad essere distrutta. Non è chiaro se questa battaglia avvenga all’inizio della serie, giustificando l’intervento della U.S.S. Shenzhou, o se succeda piuttosto a guerra iniziata. Ritroviamo la stessa nave al minuto 1:44

2- Michael Burnham è una sopravvissuta

Vediamo Burnham riprendere i sensi in una sezione della nave protetta da un campo di forza (non ha l’aspetto di una capsula di salvataggio – mostrata più avanti al minuto 2:14 – ma piuttosto di un supporto vitale d’emergenza). Che la U.S.S. Shenzhou sia stata distrutta?

3- Graffiti sulla sabbia

Non è proprio una procedura standard, ma sembra che la Shenzhou disegni di proposito l’emblema della Flotta Stellare sulla superfice di un pianeta desertico.

4- I Klingon sono nel caos

Sarek (James Frain) dice a Burnham: “L’Impero Klingon è nel caos da generazioni.”

L’ultima volta che abbiamo visto i Klingon in Star Trek: Enterprise stavano subendo le conseguenze del virus eugenetico che ha portato alla scomparsa delle loro creste nella Serie Classica. Che sia questo ciò a cui si riferisce Sarek?

5- La nave Klingon

Nel trailer possiamo dare una prima occhiata alle navi Klingon riprogettate per Discovery. Tuttavia il vascello che vediamo al minuto 0:49 ha sostanzialmente la stessa struttura degli incrociatori D7 visti nella Serie Classica. Sembra anche che possano atterrare (minuto 0:37)

6- I Klingon parlano in Inglese

Nonostante l’annuncio dato alla Comic-Con di San Diego, dove è stato detto che i Klingon parleranno nella loro lingua madre e saranno sottotitolati, nel trailer sentiamo un Klingon parlare in inglese. Forse parlano in inglese solo con i membri della Federazione?

7- Piante cattive

Al minuto 0:56, Burnham entra in una stiva di carico piena di un qualche tipo di piante, ostentando sorpresa e paura. Si tratta del carico trasportato da Mudd o sono forse il misterioso esperimento scientifico del Tenente Stamets, l’astromicologo a bordo della Discovery?

8- Un nuovo modo di volare

Poco prima di vedere la Discovery entrare in curvatura, sentiamo il Capitano Lorca (Jason Isaacs) dire: “Stiamo realizzando un nuovo modo di volare”. Significa che la Discovery è equipaggiata con una nuova tecnologia?

9- Mudd la Minaccia

Onestamente, nella Serie Classica Harry Mudd non ha mai costituito un pericolo per Kirk ed il suo equipaggio (forse per i loro portafogli), ritagliandosi il ruolo di spina nel fianco, tutto al più. Bastano due battute pronunciate da Rainn Wilson nei panni di Mudd per capire quanto più sinistra e minacciosa sia questa versione del personaggio, rispetto all’originale.

 

10- Burnham è una guerrafondaia?

Verso la fine del trailer, il Capitano Lorca dice a Burnham:  “Ha contribuito a far scoppiare una guerra. Non vuole aiutarmi a farla finire?”.  Nel trailer precedente abbiamo visto Burnham ed un Klingon iniziare un combattimento corpo a corpo: sembra che lei o qualche altro membro dell’equipaggio della Shenzhou abbiano provocato i Klingon spingendoli a dichiarare guerra.

 

11- Riecco i Tubi di Jefferies

Non sarebbe Star Trek senza qualcuno che striscia dentro un Tubo di Jeffries.

 

12- Flashback

Al Comic-Con di San Diego è stato anticipato al pubblico che Burnham è la sorella adottiva di Spock ed è stata cresciuta su Vulcano da Sarek ed Amanda. Abbiamo visto brevemente la Burnham da bambina nel primo trailer, e la ritroviamo anche qui in due occasioni: al minuto 1:36 Sarek le si avvicina per soccorrerla e al minuto 2:13 lo stesso Sarek sembra voler tentare una fusione vulcaniana con lei. Si può dedurre che nella serie verrà fatto un uso importante dei flashback.

13- Burnham avrà la peggio

Il trailer termina con una scena nefasta: Burnham che fluttua alla deriva nello spazio, all’interno di una tuta spaziale danneggiata. L’abbiamo vista indossare quella tuta nel trailer precedente, poco prima di un combattimento ravvicinato contro un Klingon. Sembra che il Klingon abbia vinto.

Non resta che aspettare la fine dell’estate per fugare ogni dubbio: Star Trek: Discovery arriva in Italia il 25 settembre su Netflix!

Per restare aggiornati su tutto ciò che riguarda l’universo di Star Trek, tenete d’occhio il blog TG TREK!

Rispondi