Verso Lucca Comics & Games 2018 – Pendragon Game Studio

Diciassettesimo episodio, oggi saliamo sul dragone di Pendragon Game studio e andiamo in volo verso Lucca C&G 2018, ma prima di tutto ecco il link agli altri episodi.

A Lucca troveremo diverse novità targate Pendragon e, dato che si parlava di viaggi, mi sembra appropriato partire da

Odissea

  • Ideazione: Luca Feliciani
  • Artwork: Massimo Sardi
  • N. giocatori: 3-6
  • Età: 7 +
  • Durata: 45′ circa
  • Prezzo Consigliato: 19,90€

Per raggiungere la madrepatria, dopo la guerra di Troia, l’eroe greco dovrà superare 7 imprese come: sfidare il Ciclope Polifemo, attraversare l’Ade, resistere al richiamo delle sirene, vincere la maga Circe, superare Scilla e Cariddi ed infine sconfiggere i Proci, i pretendenti al trono di Itaca.

In ognuna di queste imprese i giocatori interverranno per facilitare o impedire il successo di Ulisse, aiutandolo e spronandolo attraverso le abilità di Forza, Oratoria, Astuzia, Carisma e Fortuna.

Vi avevo già parlato di Odissea, avendoci giocato a Play quest’anno in una delle anteprime riservate di Pendragon, un gioco di identità nascoste immediato da capire e dalla durata contenuta ma non troppo: ci sono giochi di identità nascoste che durano così poco che non si riesce nemmeno a capire chi stia con chi e non è questo il caso.

Per saperne di più, vi rimando al mio articolo.

Vi abbiamo già parlato anche del secondo titolo di questo articolo

Detective: sulla scena del crimine

  • Ideazione: Przemysław Rymer, Ignacy Trzewiczek, Jakub Łapot
  • Artwork: Ewa Kostorz, Aga Jakimiec, Rafał Szyma
  • N. giocatori: 1-5
  • Età: 16 +
  • Durata: 120′-180′
  • Prezzo Consigliato: 49,90€

Vesti i panni di un detective del XXI secolo e unisciti alla Antares
National Investigation Agency per risolvere i casi più difficili.

La sfida si gioca su cinque casi diversi che all’inizio sembrano del tutto slegati tra loro, ma che invece nascondono una trama molto più ampia e complessa, a metà strada tra finzione e realtà.

Qualche tempo fa Chiara vi aveva presentato una panoramica di questo gioco del buon Ignacy, quando non sapevamo ancora che titolo avrebbe avuto in Italia, se ve lo siete perso, ecco il link al suo articolo.

Per giocare a Detective occorre una connessione a Internet, perché parte degli indizi che vi serviranno per risolvere i casi si troveranno nel database Antares. Detective – Sulla scena del crimine valica il confine del gioco classico in una maniera interessante, da amante dei giochi investigativi, sono davvero curioso di provarlo e vedere l’impatto che ha sull’esperienza di gioco.

Kodama

  • Ideazione: Daniel Solis
  • Artwork: Scott Hartman, Kwanchai Moriya, Mirko Suzuki
  • N. giocatori: 2-5
  • Età: 14 +
  • Durata: 30′
  • Prezzo Consigliato: 17,50 €

Kodama è un gioco di raccolta set e piazzamento rami.

Sì, avete letto bene, rami! Le carte che riuscirete ad accaparrarvi serviranno a realizzare un bellissimo albero. Come vedete nella foto qui accanto, infatti, le carte vanno disposte in modo da far crescere l’albero a partire dalla plancetta che ne ritrae le radici e l’inizio del tronco.

Le regole per disporle sono pochissime, ricordatevi solo che non potete scendere più in basso delle radici, in sostanza. Per fare punti dovrete soddisfare gli spiriti dell’albero posizionando rami con oggetti di loro gradimento.

Il gioco si svolge in stagioni, con degli obiettivi personali da conseguire, che permettono di calcolare in modo diverso i punti dati dalle icone sulle carte. Gli obiettivi non sono tantissimi e, dopo un po’ di partite, inizierete a conoscerli e potrete anche cercare di mettere i rami, ehm, i bastoni fra le ruote ai vostri avversari, cercando di togliere le carte che ritenete siano più remunerative per loro…

Un gioco simpatico, non cervellotico, esteticamente appagante e che vi invoglia a scattare foto su foto alle vostre creazioni, alberi di foggia sempre diversa che il vincitore potrà impreziosire con dei simpatici segnalini.

Avevo parlato quasi due anni fa ai nostri amici di Pendragon di questo gioco, mentre giocavamo a Warehouse 51 (ecco la ludografica del gioco, casomai non lo conosceste), ma non pensavo che la cosa sarebbe andata in porto davvero. Conoscevo questo gioco grazie ai miei amici Il Medico e La Signora degli Alberi, che ora vivono a ben 5 ore di auto di distanza e non ho più occasione di giocarci, per cui penso che ne comprerò una copia!

Chiudiamo con un altro gioco che voglio assolutamente acquistare:

The Expanse

  • Ideazione: Daniel Solis
  • Artwork: Scott Hartman, Kwanchai Moriya, Mirko Suzuki
  • N. giocatori: 2-4
  • Età: 14 +
  • Durata: 60′
  • Prezzo Consigliato: 39,90 €

Saranno le Nazioni Unite o le forze di Marte a controllare le risorse della Fascia? L’OPA riuscirà a rovesciare il giogo di oppressione a cui sono sottoposti e liberarsi da ogni controllo esterno? I misteriosi esperimenti della Protogen avranno successo?

Ogni giocatore si mette alla guida di una di queste fazioni e con l’impiego efficiente di azioni e capacità speciali deciderà il futuro del Sistema Solare.

Sono un grande fan di The Expanse e non posso perdermi questo gioco, se non avete visto la serie TV, sappiate che dopo tre stagioni su Syfy la serie è stata cancellata, soltanto per risorgere e approdare su Amazon e le riprese della IV stagione sono iniziate.

La plancia è divisa in tre aree: i pianeti interni, la fascia, i pianeti esterni. I giocatori sposteranno le proprie risorse per controllare le stazioni e le orbite. Il mercatino delle carte a costi crescenti (quelle uscite da più tempo sono le più economiche) è il motore del gioco, le carte hanno una duplice funzione: danno punti azione oppure innescano eventi, ma attenzione: innescare eventi può dare grandi vantaggi, ma consente ad alcuni dei vostri avversari di sfruttare la carta a loro volta.

Un gioco dove forse il tema non si sente moltissimo, stando a quanto si legge in giro ma, sempre a quanto si legge, è un bel gioco, per cui… anche questo tornerà a casa con me.

We are Beltalowda!

Trovate le novità di Pendragon su MagicMerchant.it

Rispondi