ThunderGryph: il punto sulla casa editrice e uno sguardo al 2019

Facciamo il punto sulla situazione di ThunderGryph, l’azienda che si è distinta per giochi da tavolo dall’estetica mozzafiato e dal gameplay avvincente.

Immagino conosciate tutti quanti ThunderGryph, che dal lancio di Tao Long ha portato sulle tavole dei giocatori una serie di titoli molto interessanti e dall’estetica insuperabile. Ieri sera ho fatto due chiacchiere con Gonzalo, il boss di ThunderGryph, ed ecco cosa mi ha raccontato.

Ciao Gon, bentornato da queste parti! Partiamo subito da Tang Garden, sappiamo che ci sono stati un po’ di ritardi, a cosa sono stati dovuti? A che punto siamo? E come faccio ad avere una di quelle magliette meravigliose?

Tang Garden è partito come uno dei primi progetti di ThunderGryph. L’idea principale era divertirci a creare il nostro gioco dei sogni, senza badare a restrizioni di spese o di produzione.

Dopo un anno e mezzo di lavoro abbiamo lanciato la nostra campagna Kickstarter con la stessa filosofia, divertirci con la community per migliorare il progetto insieme a loro.

Avevamo preparato 35 diversi stretch goal, ma con l’aiuto dei nostri backer, ne abbiamo sbloccati 45, tra i quali Imperial Palace, uno scenario con quattro animali leggendari che aggiungono una nuova modalità di calcolo del punteggio finale.

[Ho avuto modo di playtestare questa mini espansione, quando avrete preso confidenza con Tang Garden, aggiungetela e avrete un pizzico di ragionamento in più, ma senza stravolgere il gioco. n.d. Francesco]

La fase di pre-produzione è stata la nostra vera sfida. In queste ultime due settimane prima del capodanno cinese ci stiamo preparando per finire le master copy con le quali poi si parte per la produzione.

Il Pavilion è stato il pezzo più difficile da eseguire, con più di 10 diverse iterazioni prima di trovare la struttura ideale.

Per ripagare il grande supporto dei nostri sostenitori, abbiamo sbloccato altri stretch goal durante la fase di pre-produzione; ma le sorprese non sono ancora finite.

A breve annunceremo un interessante evento online con il quale sarà possibile sbloccare un’altra sorpresa per il gioco.

Le magliette sono parte di un esperimento che faremo con i nostri Ambassador, ma durante il 2019 saranno disponibili presso il nostro online shop!


Stavo seguendo gli aggiornamenti di un progetto con nome in codice Titans, che ora si chiama Iwari e l’autore è Michael Schacht (Coloretto, Spirits Of The Forest, per dirne due). Di cosa si tratta e come mai il cambio del nome? Quando arriverà su Kickstarter?

Siamo tutti molto emozionati per il prossimo annuncio di Iwari! È un gioco molto caro a Michael e, come con Spirits of the Forest, abbiamo voluto rivisitare un classico con una nuova veste grafica e nuove espansioni modulari in pieno stile ThunderGryph.

Quando cominciamo a lavorare su prossimi giochi usiamo nomi in codice che poi vengono rimpiazzati con titoli con più significato. Come suggerisce la parola in Yoruba, Iwari è un gioco di scoperte e diversità, in cui l’umanità è protagonista in tutta la sua bellezza.

Iwari è un astratto in cui i giocatori rappresentano diverse tribù alla ricerca della propria identità viaggiando in terre lontane alla ricerca di altre tribù e titani da cui imparare.

Non vogliamo ancora dare troppe informazioni al riguardo ma sveleremo insieme, come abbiamo fatto su Tang, durante i prossimi due mesi nel nostro teaser site.

Nota: per richiesta di Gonzalo, non possiamo mostrarvi nulla di questo gioco, ma da quel poco che ho potuto vedere, sembra molto interessante e la filosofia di fondo è davvero affascinante.

Sto aspettando IDEAG per provare Rolling Ranch con te, come da promessa. Anche ThunderGryph si butta nel mondo dei roll and write, secondo te sarà una moda passeggera? Ne avete altri in serbo?

Non vedo l’ora di fartelo provare! I roll and write sono giochi che, grazie alla loro portabilità e immediatezza stanno diventando un genere molto apprezzato. Rolling Ranch è semplice nelle regole ma la sua asimmetria e le carte missione aggiungeranno diversità alle strategie di gioco. Non è l’unico writing game che pubblicheremo, il prossimo sarà di due autori italiani!

Come con Rolling Ranch, GateOnGames poterà i nostri titoli in lingua Italiana nel 2019, con interessanti sorprese a Modena.

Nota 2: ho parlato con Gonzalo di questo gioco proprio un anno fa, dopo averlo provato, e mi sembrava davvero interessante. Se avete apprezzato Ganz schön clever (io ho fatto 250 partite con l’app, per capirsi), io credo che questo potrebbe piacervi parecchio, forse anche di più.

Raccontaci qualcosa sul 2019, che cosa avete in mente?

Il 2019 si prospetta un anno davvero speciale per ThunderGryph. Abbiamo in serbo tante sorprese, tra le quali una nuova categoria di giochi completamente nuova per noi e ben due espansioni di titoli già in commercio!

Nota 3: anche qui non posso dire nulla di ciò che ci siamo detti “a microfoni spenti”, ma per questa azienda il 2019 rappresenterà un punto di svolta. Le novità che hanno in serbo porteranno ThunderGryph dall’altra parte del globo, ma anche qui nello Stivale. Non appena ne avremo la possibilità, vi racconteremo tutto!

Rispondi