Verso Lucca Comics & Games: GateOnGames

Siamo arrivati alla dodicesima tappa di questo viaggio, che oggi si ferma per una lunghissima carrellata di novità. Per non arrivare impreparati a Lucca, potete recuperare “gli episodi precedenti” qui.

Allo stand GateOnGames potremo trovare davvero una grande varietà di titoli, e tutti di un certo spessore. Alcuni avremo già avuto modo di vederli, provarli, e magari acquistarli, in quanto usciti nelle ultime settimane, altri invece saranno delle anteprime assolute. Roba di cui parlare ce né, quindi partiamo subito con i titoli di cui sappiamo già qualcosa.

Colours De Paris

  • Ideazione: Nicolas De Oliveria
  • Illustrazioni: Fabrice Weiss
  • N. giocatori: 2 – 4
  • Età: 10+
  • Durata: 20’ per giocatore

Nei panni di un pittore in cerca di gloria, accetteremo di buon cuore di partecipare ad una competizione indetta dal prestigioso studio Bateu-Lavoir di Montmartre. Obiettivo di questo concorso è di trovare qualcuno che sappia far sognare con la sua arte, al pari dei artisti del passato, come Cézanne, Toulouse-Lautrec, Renoir e Monet. Benché la competizione sia spietata, e la vittoria tutt’altro che scontata, la gloria di entrare nell’olimpo degli artisti è una motivazione decisamente convincente per tentare.

Inizia così la nostra sfida, nella quale dovremo compiere scelte decisive ad ogni turno, gestendo al meglio i colori, le tele, e tutte le risorse che avremo a disposizione per completare due dipinti, prima che lo facciano gli altri.

Florenza – Dice Game

  • Ideazione: Stefano Groppi e Danilo Festa
  • Illustrazioni: Paolo Vallegra e Ivan Zoni
  • N. giocatori: 1 – 4
  • Età: 10+
  • Durata: 90’ per giocatore

Nel cuore pulsante del Rinascimento, Firenze, da 1 a 4 giocatori si sfidano, circondati da personaggi di spessore culturale e artistico inarrivabili, sempre in cerca di virtù e conoscenza

Lasciarsi ingannare dall’etichetta di Roll & Write, e pensare quindi ad un gioco semplice, sarà un grande errore per Florenza – Dice Game. Nonostante mantenga i lati positivi di questa categoria di giochi, ovvero set-up inesistente, poco costoso e portatile, questa versione di Florenza presenta caratteristiche gestionali profonde e sfidanti, seppur basate su una meccaniche tanto semplice come il lancio dei dadi.

Ad ogni turno infatti verranno lanciati 6 dadi, il giocatore attivo ne sceglierà 3, e gli altri giocatori ne potranno prendere 1 dei rimanenti. Con quei dadi si potrà scegliere se:

  • Guadagnare Risorse
  • Guadagnare Denaro
  • Assumere Artisti
  • Avanzare sul tracciato del Prestigio Cittadino, ottenendo bonus crescenti, Vescovi o altre personalità importanti a guida del popolo.

Gestendo i dadi ottenuti (e scelti), faremo crescere la nostra città, creando opere d’arte per chiese e palazzi, o costruendo edifici utili in gioco.

Un titolo che personalmente mi stuzzica parecchio, sia per l’unione di meccaniche diametralmente opposte, aleatorie e gestionali, sia per l’idea di lavorare per l’arricchimento artistico di una città come Firenze.

Goryo

  • Ideazione: Andrea Candiani
  • Illustrazioni: Nicola Angius
  • Età: 14+
  • Durata: 30 minuti
  • Giocatori: 2

Nell’antico Castello di Edo una terribile vendetta sta per consumarsi. Un Goryo, uno spirito vendicativo, ha appena fatto la sua comparsa nelle stanza del palazzo, in cerca della giusta vendetta, per gli smacchi subiti in vita dallo Shogun.  Solamente i Samurai a guardia del palazzo potranno impedire il misfatto ad opera di questa oscura presenza, che farà di tutto pur di compiere una terribile vendetta a misura di… gatto! La dama Feliwara, un tempo la favorita alla corte dello Shogun, si è infatti manifestata in una suadente forma felina, tanto era l’amore che provava in vita per queste creature, ma adesso farà di tutto pur di vendicarsi, ad esempio rompendo tutti gli oggetti preziosi del palazzo!

Mostrato in anteprima assoluta a questa edizione di Modena Play 2019, Goryo è un brillante gioco di investigazione per due giocatori, uno alla guida di uno spirito felino e l’altro di quattro valenti samurai, che li vedrà fronteggiarsi in prove di furtivi e di deduzione… una zampata alla volta. Compito primario del giocatore che interpreterà il Goryo, sarà quello di pianificare segretamente un percorso sicuro per muoversi all’interno delle stanze rompendo quanti più oggetti possibile. Ma attenzione a non danneggiare la tipologia di oggetti a cui è vincolato per manifestarsi nel mondo terreno! Dal canto loro i Samurai dovranno agire su più fronti, cercando di capire a quale tipologia di oggetti terreni il Goryo sia vincolato, salvando quanti più oggetti possibile, e cercando costantemente di individuarne i movimenti. Sarà indispensabile ragionare su tutte le possibili mosse avversarie, cercando di sviarne costantemente le scelte. Una serrata sfida basata sulla destrezza, l’intuizione e la pianificazione segreta che metterà alla prova anche i giocatori più scaltri. Niente può essere lasciato al caso, chi riuscirà a spuntarla in questa corsa contro il tempo e contro l’ira dello Shogun?

Glen More II – Chronicles

  • Ideazione: Matthias Cramer
  • Illustrazioni: Hendrik Noack
  • Età: 12+
  • Durata: 90-120 minuti
  • Giocatori: 2-4

Avevamo avuto l’occasione di provarlo a Modena Play 2019, ma arriva finalmente sul mercato la versione italiana di Glen More II – Chronicles.

Le eleganti meccaniche che hanno reso il capostipite Glen More un classico senza tempo, tornano arricchite e impreziosite in una nuova veste grafica. Le evocative atmosfere scozzesi e le coinvolgenti vicende di un clan in piena espansione, ritornano in questa nuovissima riedizione snellita nella sostanza e migliorata nella forma, capace di coinvolgere  neofiti e giocatori più accaniti. La nuova grafica, ad opera di Hendrik Noack, colpisce per lo stile e la cura dei dettagli. La meccanica della rondella, che decide l’ordine di turno e l’espansione territoriale tramite il piazzamento di tessere, rimangono invariate anche in questa nuova edizione, che però si arricchisce con una nuova plancia e ben 8 nuove varianti di gioco. Ognuna di queste, chiamata appunto Chronicle, potrà essere abbinata gradualmente al gioco base o alle altre, creando partite sempre più divertenti e stimolanti. Grandi nomi del game design moderno sono stati coinvolti nella creazioni di queste varianti, grandi autori che nel corso degli anni hanno espresso la loro ammirazione per Glen More. Tra questi compaiono Klaus-Jürgen Wrede (Carcassonne) e Arve D. Fühler (El Gaucho). La solidità di un gioco come Glen More è indubbia, e siamo convinti che un restyling estetico e tecnico non possa che aver giovato ad un prodotto già pressoché perfetto.

Mississipi Queen

  • Ideazione: Werner Hodel
  • Illustrazioni: Fabrice Weiss E Christophe Swal
  • Età: 10+
  • Durata: 45 minuti
  • Giocatori: 2 – 6

Una corsa contro il tempo, lungo il Mississipi, alla guida del nostro battello, facendo attenzione al consumo di carburante, ai passeggeri da imbarcare, agli ostacoli e ai battelli avversari. L’interazione sarà alta e costante, quindi sarà indispensabile una buona tattica per vincere al competizione.

Questa versione di Mississipi Queen ripropone i fasti dell’edizione Spiel des Jahres del 1997 e della successiva espansione “Black Rose”. Quest’ultima introduceva una barca unica guidata dal giocatore in ultima posizione e portava il numero di giocatori a 6.

7, The sins

  • Autore: David Spada
  • Illustrazioni: Nicola Angius
  • Età: 14+
  • Durata: 20 minuti
  • Giocatori: 2-5

Superbia, Avarizia, Lussuria, Invidia, Gola, Ira e Accidia. I 7 Peccati Capitali consumeranno la tua anima, nella dolce bramosia del vizio… oppure resisterai con ogni forza, vivendo nella grigia rettitudine e moralità?

Alla scorsa edizione di Modena Play abbiamo potuto vederlo in anteprima, e ora è pronto per l’uscita ufficiale. 7, The Sins è un gioco basato sui 7 peccati capitali, in cui saranno indispensabili calcolo, astuzia e ragionamento per tracciare il percorso migliore verso la vittoria…o l’Inferno.

Avremo il compito di collezionare il maggior numero di Peccati capitali, qui sottoforma di carte. Di turno in turno, oltre alla collezione set, dovremo anche tenere allenata la nostra memoria per ricordare come è composto il nostro mazzo. Sarà indispensabile ricordarsi di nutrire di tanto in tanto l’Abisso delle Anime per influenzare la fine del gioco, e di ottenere Pietre del Perdono per migliorare il punteggio finale.

Afternova

  • Ideazione: Andrew Nerger e Jeff Chin
  • Illustrazioni: Jeff Chin
  • Età: 12+
  • Durata: 10 minuti
  • Giocatori: 3 – 6

Una Supernova ha distrutto i pianeti di un Sistema Solare vicino, rendendoli altamente instabili. Ma non tutto il male viene per nuocere, visto che ora sono tutti una fonte inestimabile di materiali preziosi. Un lavoro impegnativo ed estenuante, per cui sarà necessaria la collaborazione tra giocatori.

Afternova è un titolo strategico di negoziazione, per 3-6 giocatori, racchiuso in un tre mazzi di carte e qualche risorsa. Bisognerà gestire al meglio il rapporto con gli altri giocatori per fare il giusto lavoro di squadra, ma anche assumere manodopera degli Zampesperti per raccogliere Frammenti. Impiegandoli per completare i progetti di upgrade della nave, si otterranno punti, rimanendo il lizza per la vittoria.

Akros

  • Ideazione: Emanuele Briano
  • Illustrazioni: Nicola Angius
  • Età: 10+
  • Durata: 30 minuti
  • Giocatori: 2

In principio era il caos, pigro, informe e mutevole. insoddisfatto del nulla che lo circondava, decise di prendere forma nei cinque elementi, dividendo la propria primordiale essenza in frammenti di esistenza autocoscienza.

Non ci sono ancora immagini dei componenti di questo titolo, (né una pagina BGG), ma sappiamo che sarà possibile acquistarlo solo da Modena Play 2020. Sicuramente balza all’occhio il nome dell’autore, Emanuele Briano, già conosciuto per il gioco di carte Fly Down, e per la scelta di meccaniche eleganti, alta interazione ed atmosfere immersivi.

In partite di circa 20 minuti, due giocatori interpreteranno divinità spirituali, dai poteri asimmetrici, intenti a colonizzare il mondo con la loro progenie. Si fronteggeranno piazzando esagoni e muovendosi sulla griglia, costretti a scelte tattiche e strategiche in costante trasformazione. La mappa si plasmerà di volta in volta, acquistando anche profondità con la sovrapposizione degli esagoni. Le premesse per un titolo valido e profondo ci sono, e la componentistica pare essere mozzafiato. Non ci resta che provarlo.

A Sky of Stars

  • Ideazione: Guido Albini
  • Illustrazioni: Roman Kuteynikov
  • Età: 8+
  • Durata: 20 minuti
  • Giocatori: 2 – 6

Quando il giorno cede il passo alla notte, Madre Natura mette in scena uno dei più grandi spettacoli a cui l’uomo abbia mai assistito. Il cielo notturno si illumina di una miriade di bagliori luminosi: le stelle.

Un altro tassello si unisce all’ormai florido catalogo dei Roll & Write, molto di moda nel 2019. In questo, targato GateOnGames, saremo chiamati a tracciare la nostra personale costellazione di stelle, tra quelle che già nei secoli l’umanità ha individuato nel cielo notturno. Avremo bisogno di sfruttare tutta la nostra intuitività e creatività, per trovare le stelle giuste.

Tajuto

  • Ideazione: Reiner Knizia
  • Illustrazioni: Damien Colboc e Maxence Burgel
  • Età: 10+
  • Durata: 45 minuti
  • Giocatori: 2 – 4

Dal maestro Reiner Knizia, autore anche del neo eletto Gioco dell’Anno, El Dorado, arriva un titolo che unisce strategia e fortuna.

Nei panni di monaci buddisti, cercheremo di raggiungere il più alto livello di spiritualità, e di costruire prima degli altri almeno 4 pagode. Il twist del gioco sta proprio nella costruzione delle pagode, composte da più livelli, di dimensioni diverse. Questi tasselli andranno inseriti in un sacchetto, dal quale si potrà pescare tramite specifiche azioni. Sfruttando le capacità tattili di riconoscimento dei tasselli della pagoda, bisognerà cercare di pescare quello della dimensione giusta, ma il colore pescato sarà casuale. Capiterà quindi di pescare colori sbagliati, e quindi di non contribuire alla crescita della propria pagoda. Vincerà solo chi avrà raggiunto il livello più alto di spiritualità, una volta che le 4 pagode saranno costruite.

E finisce così questa lunga carrellata di novità, decisamente promettenti, portate al padiglione Carducci da GateOnGames. Sarà uno stand che sicuramente non salteremo.

Trovate questi, e tutti gli altri titoli GoG sull’unico ed inimitabile MagicMerchant.it.

Rispondi