Verso Lucca Comics & Games 2019: Fever Games

Come probabilmente sapete, sono un fan di Fever Games e l’articolo n. 18 della rubrica è dedicato all’aeroplano giallo, ma prima… Nelle puntate precedenti.

La prima delle novità di Fever Games, il gioco di punta, è

Paladini del regno occidentale

  • Autori: Shem Phillips, S J Macdonald
  • Illustrazioni: Mihajlo Dimitrievski
  • Durata: 90-120 minuti
  • Età: 12+
  • Giocatori: 1-4
  • Prezzo: 45€

Note: disponibili anche promo pack e monete in metallo

Paladini del Regno Occidentale è ambientato nel 900 d.C., in uno dei periodi più agitati nella storia della Francia Occidentale. Nonostante gli sforzi per lo sviluppo della città, i villaggi in periferia sono ancora sotto la minaccia degli invasori: i Saraceni insediano i confini mentre i Vichinghi saccheggiano ricchezze e bestiame. Anche i Bizantini provenienti da est hanno rivelato il loro lato oscuro. Nei panni di nobili uomini e donne, i giocatori dovranno riunire lavoratori dalla città per difendere la città dai nemici, costruire fortificazioni e diffondere la fede in tutti i territori. Fortunatamente non saranno soli in questa missione. Infatti dall’alto della sua grande saggezza, il Re ha inviato i suoi migliori cavalieri per aiutare i giocatori. È tempo di salire a cavallo e sguainare la spada, i Paladini stanno arrivando.

La trilogia del Regno Occidentale prosegue con un secondo capitolo, dopo gli Architetti arrivano i Paladini. Dovremo costruire avamposti e fortificazioni, eleggere monaci e combattere invasori.

Dimenticatevi Architetti, che è un gioco alla portata di tutti o quasi. Paladini è più impegnativo, si svolge in 7 round e saremo chiamati a fare una scelta sul Paladino che ci aiuterà in quel round, delle carte pescate (tre) una finirà in fondo al mazzo e non ci sono round a sufficienza per riprenderla in mano, quindi bisogna ponderare attentamente quale sia il Paladino più indicato in ogni round (fornisce un bonus temporaneo, molto utile). Finalmente il mercatino si muove! Se in Architetti poteva capitare che non uscisse mai un apprendista con l’icona che ci serve, qui ogni round vede le carte più vecchie sparire, in favore di nuovi personaggi da assoldare. Tanti lavoratori colorati, ognuno con una specializzazione che lo rende utile solo per certi tipi di azione.

A Modena ho avuto occasione di fare un paio di round, assolutamente insufficienti per avere un’idea precisa del gioco, ma l’impressione è stata molto positiva, aspettatevi un articolo su Geek.pizza quanto prima, non vedo l’ora di farci qualche partita.

Se non avete ancora provato Architetti del Regno Occidentale avrete occasione di acquistarlo a Lucca, è finalmente uscita la ristampa di questo piazzamento lavoratori molto compatto, che arriva fino a 5 giocatori.

Welcome To – Espansioni Halloween e Villaggio invernale

  • Autori: Alexis Allard, Benoit Turpin
  • Illustrazioni: Anne Heidsieck
  • Durata: 25 minuti
  • Età: 10+
  • Giocatori: 1-50
  • Prezzo: 10€

Nuova espansione per Welcome To, dopo le uova di Pasqua e i rifugi antiatomici abbiamo Halloween e il villaggio invernale.

In Halloween troveremo case con fantasmi e con dolcetti. Nel raccoglierli potremo mirare a uno dei tre livelli di bonus disponibili per ognuna delle due tipologie, ed ecco la scelta importante: potremo sbloccare solo uno dei tre bonus, ci accontenteremo del primo o oseremo puntare al secondo o, addirittura, al terzo? Il problema è che sono bonus esclusivi, non appena un giocatore ne sblocca uno, tutti gli altri non potranno più farlo!

Il villaggio invernale richiede numeri consecutivi, senza “buchi”: tra questi potremo disegnare una linea di luminarie natalizie. Ad esempio con i numeri 1 3 4 5 avremo 1 3-4-5 e le decorazioni illumineranno tre case. Alla fine della partita, si calcola la sequenza di luminarie più lunga, per ogni riga.

Una simpatica variante per Welcome To, gioco che a me piace tantissimo. Sinceramente le luminarie mi ispirano un po’ poco, ma mi intriga molto Halloween, perché al giocatore viene data la possibilità di fare scelte che determineranno sicuramente il vincitore, visto che i dolcetti danno punti extra, ma i fantasmi consentono di fare azioni aggiuntive, senza pagare pegno (es. un “bis” gratis). Decisamente da provare (E siamo a 2 su 2, finora).

Ocean Crisis + espansione Catastrophe

  • Autori: CHEN, JHAO-RU, Hsien Pu Jan, Chi Wei Lin
  • Illustrazioni: Meng-Jung Yang
  • Durata: 30-60 minuti
  • Età: 8+
  • Giocatori: 2-4
  • Prezzo: 35€

Nota: L’espansione Catastrophe costa 15€

Ocean Crisis è un gioco cooperativo che simula, con regole semplici ed immediate, la disastrosa situazione attuale dell’ecosistema marino causato dall’inquinamento. Il gioco mostra anche alcuni dei comportamenti e delle soluzioni reali adottabili per cercare di fermare questo disastro.

Nel ruolo di Attivisti della Squadra Salva Oceani, i giocatori dovranno ripulire la spiaggia dai rifiuti, effettuare ricerca e sviluppare abilità e tecnologie, con lo scopo finale di arrestare e ridurre la crescita della Grande Chiazza di Immondizia del Pacifico conosciuta anche come l’Isola di Rifiuti (Great Pacific Garbage Patch).
Il gioco include anche missioni e scenari a tema con l’ecosistema marino, i quali aggiungono regole aggiuntive e nuove sfide per i giocatori.

Ho voluto dare fiducia a Fever Games praticamente a scatola chiusa e, non potendo andare a Lucca, ho già chiesto a un amico di schiaffeggiare Emanuele di Fever con i miei 35€ e dire “SHUT UP AND TAKE MY MONEY!”. Sarà meglio dargli delle banconote, non vorrei lo facesse con 70 monete da 50c.

Paleolithic + espansioni Dawn Of Humanity e Seafarer

  • Autori: Chih-Fan Chen, Chi Wei Lin
  • Illustrazioni: Meng-Jung Yang
  • Durata: 30-60 minuti
  • Età: 7+
  • Giocatori: 2-6
  • Prezzo: 35€
  • Nota: le espansioni costano, combinate, 25€

Paleolithic è un gioco perfetto per famiglie e nuovi giocatori, pensato anche per introdurre ai giochi da tavolo bambini dai 7 anni in su. Nei panni dell’Anziano di un clan primitivo alla guida di un gruppo di cavernicoli e dal compagno animale, i giocatori dovranno far crescere il proprio clan attraverso migrazioni, raccolta di risorse e sviluppo di nuovi insediamenti. Muoviti attraverso l’isola alla ricerca delle risorse necessarie a costruire i Manufatti, così da realizzare il maggior numero di punti vittoria e diventare il nuovo Grande Anziano dell’isola. Il gioco include anche una modalità avanzata con carte Personaggio Leggendario che aggiungono una nuova azione ad ogni partita. Sono due le espansioni disponibili per Paleolithic: Dawn of Humanity introduce le abilità dei compagni animali (uniche per ciascun clan) e la possibilità di giocare fino a 6 giocatori, aggiungendo anche un nuovo clan (con il Mammut!).  Seafarers introduce il commercio oltremare per realizzare nuovi tipi di manufatti ad aggiunge un ulteriore nuovo clan e la possibilità di migliorare le capanne costruendo edifici quali l’avamposto, il mercato ed il rifugio.

Questo è il secondo titolo di Shepherd Kit che Fever porta in Italia (ve ne avevo parlato qualche settimana fa), una iniziativa interessante, specialmente visto che questo è un titolo adatto ai più piccoli e arriva fino a 6 giocatori. Tra i due, mi intriga di più Ocean Crisis, ma spero di poter provare anche questo.

Indians (nome provvisorio)

Prototipo del nuovo gioco dell’autore Danilo Sabia (Wendake) – demo con l’autore 1-2 volte al giorno

Gioco a tema Indiani d’America delle praterie incentrato sullo sviluppo della propria tribù, sfruttando un interessantissima meccanica di selezione e piazzamento dadi su plancia centrale. Raccogli legno, produci archi e colori, vai a caccia di bisonti e accresci il tuo onore con matrimoni e razzie. Durante la partita sarà importantissimo programmare al meglio le proprie azioni poichè le risorse saranno disponibili solo al rientro dei Nativi nel proprio accampamento.

Un gestionale con dei dadi, pensate! Eppure i dadi non si lanciano mai. Ho provato questo titolo nel 2017 a IDEAG (vi ricordate?), sono molto contento che veda la luce. Si tratta del primo gioco di un certo peso per Fever Games e so che si sta evolvendo costantemente. Ci sono totem da costruire, alberi da abbattere e, soprattutto, ci sono i meeple bisonti, che sono fighissimi. Consigliato a chiunque piacciano i gestionali.

Se volete sapere cosa vuol dire Tatanka, cercate su Google, per il resto c’è MagicMerchant.it, per la barba di Giosafatte!

Rispondi