WLOG – 1572: The Lost Expedition

WLOG – 1572: The Lost Expedition

Chi lo avrebbe mai detto che per sopravvivere nella foresta amazzonica nei panni di un Conquistador del 1500 bastasse una connessione internet, una stampante, qualche dado e un pennarello colorato?

Se pensate che questi giorni di quarantena siano duri, cercate di immaginare cosa possa significare ritrovarvi sperduti nella foresta amazzonica a metà del 1500, con i vostri uomini che vi guardano, aspettandosi da voi una guida verso la salvezza… mentre siete circondati da animali velenosi, terre sconosciute, fiumi con rapide e cascate alte decine di metri, popolazioni spesso ostili, malattie di ogni genere, una foresta impenetrabile e oscura… ma anche la promessa di sconfinate ricchezze, di imprese immortali, di imperi perduti,  di terre grandi quanto intere nazioni di cui voi un giorno potreste diventare addirittura il viceré… questo è il mondo di 1572: The Lost Expedition, un mondo in cui la differenza tra la gloria imperitura e l’oblio della morte spesso si basa sui capricci della fortuna e su come saprete affrontarli. Il bello è che tutto questo è racchiuso in quattro paginette tra mappe e regolamento, liberamente scaricabili da Boardgamegeek e pronte per essere giocate da subito.

È la serie XX72, giochi di esplorazione su mappe che si rigenerano ad ogni partita, mettendovi continuamente di fronte a bivi e scelte strategiche ogni volta diverse, mantenendo però un fortissimo aggancio alla loro rispettiva ambientazione. Questi giochi, semplici e subito disponibili stanno spopolando sia tra i boardgamer che tra gli appassionati della simulazione storica, tutti attirati dalla grande ricchezza di contenuti e dal fascino della narrazione che sanno creare.

Ma valgono la carta e l’inchiostro su cui dovrete stamparli? Lo scopriamo insieme su WLOG!

Riccardo Masini

Ultimi articoli

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: