Sapori in Gioco: Lo Squalo

Sapori in Gioco: Lo Squalo

La trepidante attesa è finita……riuscite a sentire la musichetta di sottofondo???

E’ finalmente arrivato sui nostri tavoli il gioco dello Squalo, che non si è di certo risparmiato nel generare un certo hype in questi ultimi mesi.

Grazie a Ravensburger, da 2-4 giocatori verranno trasportati direttamente all’interno del film di S.Spielberg del 1975, per diventare i protagonisti di questa incredibile avventura action-thriller.

Il gioco si sviluppa in due atti, Amity e Orca, ognuno caratterizzato da una meccanica specifica. Si crea un sistema di gioco asimmetrico e caratterizzato da obiettivi personali unici per ogni giocatore.

Atto 1

Nel primo atto troviamo da una parte il nostro squalo bianco da tre tonnellate, che seleziona in maniera segreta ogni turno le proprie azioni, scegliendo tra muoversi o divorare bagnanti.
Dall’altra parte, gli eroi Hooper, Quint e Brody, cercheranno in ogni modo di capire dove lo squalo si muoverà e attaccherà. Ogni personaggio ha delle abilità ed oggetti unici che lo caratterizzano, ma avranno anche a disposizione dei barili comuni, il cui duplice utilizzino servirà per scandagliare i mari o agganciare lo squalo.
Nel momento in cui lo squalo avrà divorato nove bagnanti, o sarò stato agganciato da due barili, avrà fine il primo atto. Chi, trai i giocatori avrà completato l’obiettivo riceverà bonus per l’atto successivo. 

Atto 2

Come nel film, i tre protagonisti salpano a bordo del battello l’Orca di Quint, per dare la caccia allo squalo.

Lo squalo cercerà di attaccare una delle zone dell’imbarcazione, identificata da una delle carte scoperte. La scelta sarà segreta, per cui i personaggi fino all’ultimo non sapranno dove avverrà l’attacco. Sarà compito loro muoversi e tentare di colpirlo tramite l’uso di carte equipaggiamento. A sua volta lo squalo tenterà di fare danni allo scafo, danneggiando o distruggendo la sezione dalla quale riaffiorerà, ferendo talvolta anche uno dei personaggi lì presente.

Le tre possibili condizioni di fine partita stabiliranno anche i vincitori.

  • Se tutti i tre membri dell’equipaggio sono stati eliminati, la vittoria va allo squalo.
  • Se l’Orca è stata distrutta (tutte le tessere dell’imbarcazione vengono rimosse), vince lo squalo.
  • Se l’indicatore dei danni dello squalo raggiunge la X, lo squalo viene eliminato e vince l’equipaggio.

Particolare è il fatto che i due atti possono essere giocati separatamente, con condizioni di vittoria diverse.

Conclusione

Durante tutta la partita si riesce ad assaporare la tensione tipica del film, sia quando si cerca di salvare i bagnanti, sia nella lotta contro lo squalo.

Davvero ben fatto, divertente e molto coinvolgente…..non c’è che dire. Ovviamente, dopo una faticata del genere sarà il caso di rifocillarci, magari mangiando proprio dello squalo.

Oggi vi propongo la verdesca al forno, che è un piatto molto semplice da cucinare e, allo stesso tempo, particolarmente gustoso. La verdesca (Prionace glauca) è uno squalo, un pesce della famiglia delle Carcarinide; detto anche squalo azzurro o squalo blu (dal nome inglese blue shark). É un pesce che vive nelle acque profonde dei mari di tutto il mondo, prediligendo quelli tropicali e temperati. Si può osservare, infatti, anche nel Mediterraneo, soprattutto nel mar Adriatico, ma la sua presenza non è pericolosa. Possiede la tipica colorazione blu brillante sul dorso, grigio-blu sui lati e bianca sul ventre. Può arrivare a misurare fino a 4 m e pesare 200 kg.

Vediamo insieme la ricetta.

Ecco di seguito gli ingredienti per cucinare la verdesca al forno per quattro persone, nella variante con i capperi:

  • 500 g di tranci di verdesca
  • 400 g di pomodorini
  • 10 g di capperi sotto sale
  • 10 ml di olio
  • un rametto di origano
  • un pizzico di sale (opzionale).

 

La preparazione della verdesca al forno è veramente molto facile.

  • Si inizia lavando i pomodorini e tagliandoli a metà. Nel frattempo i capperi andranno lasciati a mollo in acqua fredda per almeno quindici minuti, per far perdere il loro forte contenuto di sale.
  • Preriscaldare il forno a 180° C.
  • Su una leccarda, disporre un foglio di carta forno e i tranci di verdesca. Se si usano quelli congelati, assicurarsi di averli prima decongelati.
  • Posizionare i pomodorini sopra i tranci, quindi spolverizzare con origano, capperi e sale (ingrediente opzionale dato il sapore deciso dei capperi).
  • Prima di mettere in forno, irrorare tutto con olio extra vergine di oliva.
  • Quindi cuocere per circa 15-20 minuti.

Varianti e contorni

La verdesca al forno può essere accompagnata da patate o verdure grigliate. Alcune varianti della ricetta di base prevedono la sostituzione dei capperi con le olive nere, oppure il passaggio del trancio nel pangrattato per una leggera panatura.

La versione meno calorica è quella al limone, in cui i tranci sono cotti al forno con una semplice fettina di limone non trattato disposta sopra, eventualmente spolverando il tutto con il prezzemolo. Le versioni più orientaleggianti abbinano la verdesca, (e il pesce in genere), alla salsa di soia.

Quale di queste versioni proverete?


Mentre decidete quale versione cucinare, non dimenticate di ordinare Lo squalo su MagicMerchant.it.

Se invece volete stuzzicare il vostro appetito, perché non gustarvi l’unboxing qui?

Lo Chef Ludico

Angelo Minestrini

Ultimi articoli

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: