Anteprima: Santorini – New York

Anteprima: Santorini – New York

Annunciato alla GenCon il nuovo gioco Santorini: New York, nome che sembra più adatto a una tratta transatlantica, ma che fa subito immaginare come sarà.

Il gioco nasce come spin-off del noto Santorini, un gioco ispirato alla splendita città greca e perfetto per due giocatori. Santorini è nato come gioco completamente astratto nel lontano 2004 nella sua forma “legnosamente asettica” ed è stato editato con i personaggi fumettosi che conosciamo tutti nel 2016. Nell’attesa di una nuova versione deluxe, di cui si sentono voci ma non sembra ci sia ancora nulla di ufficiale, ecco che arriva fra noi Santorini: New York.

Disclaimer: questo articolo si basa solo su immagini e regolamento disponibili su bgg, non ho ancora provato con mano il gioco.

Ma cosa ci dobbiamo aspettare da questa versione newyorkese?

Una nuova ambientazione: ci spostiamo dal mondo dell’antica Grecia agli inizi del ‘900, nell’epoca in cui sorgono i grattacieli più iconici della grande mela e saranno proprio i giocatori a farli crescere.

Più giocatori: Se Santorini era un gioco da 2 giocatori (riedito con delle varianti per 3 e per 4 che comunque vi sconsiglio), Santorini: New York permette di giocare da 2 a 5 giocatori utilizzando le stesse regole.

Carte ruolo: Un uso molto diverso delle carte ruolo. In questa versione ogni giocatore all’inizio della partita riceve 5 carte ruolo da un mazzo costituito secondo certe regole e in ogni turno tutti i giocatori ne giocano contemporaneamente una. La carta giocata ha tre effetti: determina quale giocatore avrà davanti a sé la Statua della Libertà (condizione necessaria per vincere), l’ordine di gioco e il potere speciale attivo in quel turno. Nel gioco sono presenti 14 set di carte ruolo, se ne utilizzano 4 per ogni partita per costituire il mazzo quindi le possibili combinazioni sono molteplici, qualcuno direbbe 14*13*12*11 = 24024.

Plancia: la plancia di gioco è double layer ma la principale differenza sta nel fatto che non è più quadrata ma ha i bordi irregolari e questo potrebbe cambiare anche di molto le meccaniche di gioco.

Posizionamento iniziale: il posizionamento iniziale non è più libero ma vincolato a delle posizioni segnate sulla plancia.

Condizioni di vittoria: la vittoria si ottiene sempre salendo al terzo piano di un edificio ma solo a condizione di essere i detentori della Statua della Libertà. In aggiunta a questa situazione è possibile vincere anche nel caso in cui si rimane gli unici in gioco oppure costruendo un tetto con l’ingegnere mentre si è in possesso della Statua della Libertà.

Riuscirà questo spin-off a raggiungere il successo del suo predecessore?

Riuscirà ad essere meglio in due giocatori (secondo me quasi sicuramente in più di due)?

Per rispondere a queste domande non ci resta che aspettarlo e provarlo sul tavolo.

E se non conoscete o avete Santorini, potete sempre recuperarlo qui.

Se invece cercate tutt’altro genere di gioco ne trovate per tutti i gusti su MagicMerchant.it

migio

Ultimi articoli

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: