Kill The Unicorns è gioco dell’anno 2020

Kill The Unicorns è gioco dell’anno 2020

Quest’anno continua a dimostrarsi imprevedibile, il gioco dell’anno 2020 è Kill The Unicorns.

I contendenti erano Draftosaurus, Insalata di punti, Roam e Villainous, nessuno avrebbe scommesso un soldo di cartone di 7 Wonders su Kill The Unicorns e, invece, è lì sul gradino più alto del podio che fa “marameo” a tutti.

Kill The Unicorns è un gioco di Cyril Besnard, Loïc Chorvot, Alain Fondrille illustrato da Levi Prewitt e localizzato in Italia da Primus Games.

Nel gioco, 3-6 cacciatori di unicorni dai 10 anni in su si affrontano per cercare di catturare queste bestie infestanti che si riproducono troppo velocemente, rendendo invivibile il reame.

Un po’ a causa del tema, un po’ a causa del Covid-19 (minimo giocatori: 3), sono riuscito a giocare soltanto una volta a Kill The Unicorns, avendone un’impressione non così positiva ma, lo ribadisco, era solo una partita e io prima di esprimermi su un gioco cerco di giocarne almeno cinque.

Partivo prevenuto perché:

  1. La scatola tutta rosa, carina e coccolosa che fa a pugni con il nome truculento non mi convinceva.
  2. La scatola è inutilizzabile, il coperchio vi rimane in mano e la base, con tutto il contenuto, finisce ovunque e l’inserto in plastica è mal concepito. Non parliamo della forma cubica, che non si sa dove infilare sullo scaffale.
  3. Non mi piacciono le aste, è una delle cose che meno tollero nei giochi da tavolo.
  4. L’aspetto estetico è lontanissimo dai miei gusti.

La partita vede i giocatori scontrarsi a colpi di aste al buio (quattro per round) in cui il pareggio fa annullare le puntate dei giocatori, con grande gioia di chi ha puntato meno e vince. Il vincitore di ogni asta se la deve vedere con eventuali trappole lasciate dagli avversari su quello specifico unicorno o, perché no, da se stesso se ha fatto male i conti.

Il gioco dura 4 round, dopodiché si calcolano i punti con una classica meccanica di raccolta set basata sui colori degli unicorni. Attenzione, però, 4 unicorni di diverso colore fanno un arcobaleno; se un giocatore raccoglie due arcobaleni la partita termina immediatamente con la sua vittoria.

Alla fine della partita, che dura circa 45’, eravamo perplessi perché le meccaniche e il tema suggerivano un gioco molto più rapido e non si capiva esattamente per chi fosse pensato il gioco. Non per un neofita, non per un giocatore stagionato. Non per bambini (uccidere gli unicorni?), non per adulti (“scoreggia di unicorno”? Boh.). Mi sono anche chiesto come mai una casa editrice avesse scelto un gioco del genere come primo titolo da portare in Italia, ma è evidente che io non avevo capito niente e loro ci avevano visto lungo.

Complimenti a Primus Games, un esordio che è un’esplosione di arcobaleni e che, mi auguro, sarà seguito da tante altre “esplosioni” di questo tipo.

Trovate Kill The Unicorns su MagicMerchant.it

Francesco "The Doctor"

Fondatore di Geek.pizza è stato per anni amministratore di Italiansubs con il nick di zefram cochrane prima di partire per strani e nuovi mondi. Tecnico informatico e traduttore, ama i telefilm, i giochi da tavolo e la pizza.

Ultimi articoli

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: