Tainted Grail – Aggiornamento n°7

In questo nuovo aggiornamento ci concentreremo un po’ sulla storia che vedremo in Tainted Grail e come essa sia collegata ai miti arturiani.

Tainted Grail e Re Artù

Krzysztof Piskorski, co-autore del gioco, ci spiegherà da dove sia arrivata l’idea di rivisitare le leggende arturiane in una chiave più cupa e oscura.

Permettetemi di iniziare dicendo che in Awaken Realms non prendiamo alla leggera temi così importanti. Quando ero membro della squadra che lavorava al Libro delle Storie di This War of Mine, scavammo a fondo negli articoli giornalistici originali al tempo delle guerre jugoslave e di altri conflitti moderni. Della nostra stessa squadra vi faceva parte anche un giornalista esperto. Ora, con Tainted Grail l’approccio è simile e comprende tonnellate di libri e altre fonti: dalle raccolte del XV secolo di Sir Thomas Malory alle opere degli storici moderni e della cultura pop.

Ma perché finora avete visto per lo più oscuri Menhir, eroi dall’aspetto celtico, mostri cupi e oscuri e luoghi completamente sconosciuti? Dove sono le storie originali?

Esse sono davvero importanti e molto stimolanti. Tutte compaiono all’interno del gioco, anche se con alcuni colpi di scena. Ma per spiegare perché la nostra visione del tema arturiano è leggermente diversa dalle raffigurazioni più usuali della cultura popolare, dobbiamo immergerci un po’ nella storia reale.

Dal signore della guerra a un re in armatura splendente

La storia colloca il vero Artù da qualche parte nel VI secolo d.C. Egli era un abile comandante, famoso per aver sconfitto gli invasori sassoni. Tuttavia, probabilmente non era un re. Sicuramente non era un cristiano. E molte parti chiave della sua leggenda furono aggiunte molto, molto più tardi.

Il primo scarno resoconto delle azioni di Artù si trova in “Historia Brittonum” scritto intorno all’828 d.C. Questa storia fu ampliata nel 1138 dal religioso del Galles, Geoffrey di Monmouth. Fu proprio quest’uomo ad aggiungere alcuni tasselli davvero importanti per la storia di Artù: Merlino, Ginevra, Excalibur, Avalon…

Non molto tempo dopo, la leggenda fu introdotta nelle corti francesi del 12° secolo dal poeta Christian de Troyes e divenne un vero e proprio successo medievale. Naturalmente, la storia cambiò per adattarsi ai tempi. Cavalleresco, puro, coraggioso (sebbene non senza difetti) divennero i supereroi della cultura popolare del Medioevo. Le loro storie raggiunsero anche le parti più lontane dell’Europa.

Questa popolarità è culminata nella più famosa raccolta “Le Morte d’Arthur”, scritta da sir Thomas Malory. Poi, l’interesse per la leggenda diminuì gradualmente, per poi esplodere di nuovo nel 19° secolo alimentato da rappresentazioni romantiche dell’Europa medievale.

Per Tainted Grail, volevamo tagliare la maggior parte delle successive aggiunte medievali. Andare alle radici. Sull’isola ricoperta dalla nebbia e scarsamente popolata da tribù guerriere, druidi, rituali crudeli, paganesimo e leggi che ricordavano l’età del Bronzo. Volevamo unire le leggende arturiane ai miti più antichi usando alcune grandi storie della mitologia celtica e il folclore gallese, irlandese e scozzese.

Ma soprattutto, volevamo fare qualcosa di evocativo e insolito.

Perché per quanto importanti siano le fonti e i miti reali, mentirei se vi dicessi che tutto ciò che troverete sarà semplicemente parte di essi. Tutta la squadra ha contribuito portando le proprie passioni preferite: videogiochi, serie TV, film, fumetti, libri, arte. E sento che ciò sia giusto. Per alcuni, invece, fondere degli aspetti di un moderno videogioco grimdark su un classico come le leggende di Artù è semplicemente sbagliato. Ma i miti divennero tali solo grazie alle persone che li ascoltavano. Perché toccarono le corde più importanti e profonde della psicologia e della cultura del tempo. Ecco perché non vedo niente di male nel fondere quelle leggende con la cultura del nostro tempo. Ci sono un sacco di dilemmi e di argomenti senza tempo nella tradizione arturiana, ma ci sono anche parti che sono, in effetti, meno eccitanti. In Tainted Grail queste parti saranno rimpiazzate con qualunque cosa che ci fa veramente impazzire.

Mettere il Graal in Tainted Grail

Invece di trasformare i giocatori in figure chiave delle leggende arturiane, abbiamo deciso di presentare un gruppo di individui davvero interessanti che lentamente entrano nel mondo delle leggende. Dal villaggio in rovina con un Menhir morente, dove inizia la loro storia, la tavola rotonda, Kamelot o La Donna del Lago sembrano davvero distanti.

Ma nel tempo, ogni parte della leggenda trova il suo posto nel gioco. Proprio all’inizio di “Fall of Avalon”, i giocatori inizieranno a incontrare i cavalieri della Tavola Rotonda, La Donna del Lago e molte altre figure importanti della tradizione.

Naturalmente, c’è una piccola svolta in tutto. La Donna del Lago non è quello che sembra (e c’è una nuova tragica storia alle sue spalle). I Cavalieri della Tavola Rotonda non sono naturalmente gli stessi uomini che hanno seguito Artù 600 anni prima. In Tainted Grail, alla morte dei cavalieri originali, nomi come “Lancillotto” o “Percival” divennero titoli onorifici: ogni volta che un cavaliere muore, la Tavola Rotonda trova un degno sostituto.

Per quanto riguarda Artù stesso, invece, le cose sono più oscure e complicate. Ma mi fermerò qui, per non anticipare nulla.

Lo stesso si può dire per i Menhir Guardiani. Alcuni di voi sottolineano giustamente che il loro aspetto e design non combaciano con i villaggi rudimentali e i forti ad anello primitivi che di solito li circondano all’interno del gioco. C’è una buona ragione per questo e che sarai in grado di spiegare.

Prima che il gioco finisca, i giocatori potranno disotterrare i vecchi miti e scoprire molte verità spesso sorprendenti.

Arrivederci al prossimo aggiornamento!


Link all’aggiornamento in lingua inglese qui!

Link all’aggiornamento precedente qui!

Vuoi una panoramica generale del gioco? Vai qui!

Gruppo facebook italiano di Tainted Grail qui!

Rispondi