MIG Recensioni Galattiche: This War of Mine – Racconti dalla Città in Rovina

Racconti dalla Città in Rovina è la prima espansione per il gioco da tavolo di This War of Mine. Essa consiste di numerose aggiunte al gioco base, portando anche una ventata di aria fresca all’esperienza di gioco.

Nonostante queste nuove aggiunte, l’aria che si respirerà a Pogoren continuerà ad essere intrisa di malinconia e di spirito di sopravvivenza, confermando ancora una volta la grande empatia che il gioco può trasmettere, soprattutto ai giocatori che intendono approcciarsi con più serietà ad un gioco con una grande e delicata tematica quale è quella della guerra.

Come già detto, Racconti della Città in Rovina introduce diverse novità. Ognuno di questi nuovi moduli può essere giocato in qualsiasi combinazione con gli altri, ovviamente alcuni potrebbero cambiare la difficoltà di gioco se giocati assieme o meno.

  • Emira, il 13° personaggio

Racconti dalla Città in Rovina porta con sé una new entry, il 13° personaggio, Emira. Emira è una senzatetto, una persona ignorata da tutti prima della guerra.

Con l’inizio dell’Assedio, però, la condizione che prima affliggeva solo Emira diventa, ora, una condizione comune a tutti. Gli anni di sofferenza vissuti in solitudine diventano ora un’esperienza preziosa per poter sopravvivere al conflitto. Per Emira questa guerra non è una novità, forse perché lei l’ha sempre vissuta giorno dopo giorno dentro di sé, tra l’indifferenza delle persone che le passavano accanto.

  • Avvenimenti

In questa espansione sono presenti anche 5 scenari personalizzati. Se gli scenari del base risultavano forse un po’ banali perché non si distinguevano molto per le tematiche e riprendevano semplicemente il canovaccio dell’ambientazione principale, con i 5 scenari presenti in questa espansione possiamo notare veramente un personalizzazione più accurata del gameplay. Ogni scenario, pur basandosi sul background principale, tratta delle situazioni e degli accadimenti che in tempo di guerra possono presentarsi amplificati a causa del senso generale di afflizione.

A ciascuno scenario corrisponde una busta. Nel momento in cui completerete con successo lo scenario, aprite la busta corrispondente. Ciò si traduce in un piccolissimo accenno di “legacy” che, personalmente, mi ha entusiasmato tantissimo.

  • Il gatto

Gli amici e le amiche fanatici di gatti saranno senz’altro contenti di questa aggiunta. Il gatto ha un ruolo importante: consente di abbassare la Tristezza di un personaggio o di fornire del cibo crudo con le sue piccole prede. Ma non sono qui per illudervi: c’è un “però”. In tempo di guerra la necessità e la disperazione potevano portare a prendere scelte che non si sarebbero mai volute prendere. Sussiste, infatti, la possibilità di sacrificare il nostro animaletto domestico per poter procurarsi un po’ di cibo crudo, avete capito bene: potete mangiarvi il gatto. Se lo fate, controllate il vostro albero genealogico in cerca della vostra discendenza vicentina..

  • Misure disperate

Il momento in cui un personaggio abbandona il gruppo di sopravvissuti, che lo faccia per salvarsi egoisticamente o perché ha osato troppo superando i propri limiti, è senza ombra di dubbio uno dei momenti più delicati di questo gioco, che non vuole solo rimanere tale. Questo modulo aggiuntivo consiste in 7 carte che entrano in gioco proprio in questi momenti. Quando un personaggio abbandona il gruppo, pescate una carta da questo mazzo e sperate che essa vi possa esser d’aiuto quando non riuscirete a vedere la luce in fondo al tunnel.

  • Contadini e mercato

I contadini e il mercato aggiungono nuove possibilità ma anche nuove minacce, per non parlare di dozzine di nuovi frammenti di storia collegati tematicamente all’afflusso di persone provenienti dalle zone rurali.

  • Fogne

Questo modulo aggiuntivo amplia ulteriormente l’esperienza di gioco rinvigorendo la componente esplorativa. Esso introduce, infatti, delle tessere che andranno a comporre la mappa delle Fogne, caratterizzata da corridoi e stanze che i giocatori potranno decidere di esplorare alla ricerca del necessario. Ovviamente, come siamo stati abituati con questo gioco, tutto ciò si traduce con una moneta a due facce: potremmo scoprire e trovare oggetti interessanti, ma anche persone malfidate e delinquenti. Tutto sta a quanto vorrete dilungarvi nell’esplorazione e alla vostra sensazione del rischio potenziale.

Che dire…

Racconti dalla Città in Rovina è un’ottima espansione capace di aumentare di molto le opzioni a disposizione nel solo gioco base, tutto ciò a favore della variabilità e della rigiocabilità. I nuovi moduli aggiuntivi e i nuovi frammenti di storia aumentano le scelte potenziali, pur mantenendo alta la soglia di casualità necessaria, a mio personale modo di vedere, per un gioco che salda le sue basi su un’esperienza di gioco che va oltre il mero tabellone e una serata tra amici.

Nonostante il prezzo leggermente alto, se This War of Mine vi è piaciuto, è il caso di completare l’opera (termine scelto non a caso) con l’ausilio di Racconti dalla Città in Rovina.


Potete trovare Racconti della Città in Rovina su MagicMerchant.it!

Rispondi