L’angolo di Ale – La guida ai Kickstarter che verranno – November 2018

Rieccoci con il secondo mensile appuntamento a tema Kickstarter che verranno powered by Ale del Dunwich Buyers Club.

Se vi siete persi il precedente articolo potete trovarlo facilmente sfruttando il tag Ale’s Corner

Siamo a novembre, il Natale si avvicina e molti progetti stanno subendo rinvii al 2019. È fisiologico della piattaforma, infatti sto lavorando per raccattare informazioni su dicembre che al momento pare mestamente vuoto. Ma inutile fasciarsi la testa con tanto anticipo e affrontiamo un mese per volta.

13 novembre | Assassin’s Creed: Brotherhood of Venice

I Templari perseguono il dominio sull’uomo. Noi, gli Assassini, siamo votati a ostacolarli.

Cooperativo per 1-4 giocatori | 30-120 minuti

Credo che più di qualcuno abbia riconosciuto questa citazione. La Triton Noir, casa canadese con sede a Montréal, riprende un suo titolo del 2016 (V-Commandos) applicandoci il più famoso IP di Ubisoft Canada: Assassin’s Creed. Più in particolare lo fa con il secondo capitolo della saga videoludica, quello ambientato in Italia.

In questo cooperativo tattico a scenari, basato sull’equilibrio fra furtività e combattimento, i giocatori si trovano ad entrare nel proprio Animus ed impersonare un gruppo di assassini, parte della Confraternita di Venezia. Il loro scopo? Sviluppare il quartier generale, completare missioni e soprattutto fermare i piani dei Templari.

A comandare, durante la partita, saranno i 26 dadi a disposizione dei giocatori e le innumerevoli carte equipaggiamento. Un gioco tattico dalla fortissima componente di fortuna e rischio.

Il gioco è disponibile in inglese e francese. Per gli utenti italiani sarà comunque possibile scaricare i PDF del regolamento e la traduzione delle carte.

Mi auguro che, soprattutto in considerazione di quanto è amata la saga Ubisoft in Italia, ci sia qualcuno disposto a curarne la traduzione. Vedremo. Nulla è reale, tutto è lecito.

Link alla campagna: Assassin’s Creed: Brotherhood of Venice

15 novembre | Rallyman G.T.

Competitivo di corse per 1-6 giocatori | 45-60 minuti

Jean-Christophe Bouvier ripropone un suo titolo del 2009 a marchio Holy Grail Games. Come facilmente intuibile dal nome: ci troviamo di fronte ad un race game ambientato nel mondo dei rally.

Il gioco è stato sottovalutato, negli anni passati, e questo remake potrebbe offrirgli un’opportunità di maggior gloria. Intrigante la modalità di gestione delle marce, su cui si basa la partita. Durante il proprio turno, infatti, si sceglie quanto spingersi al limite di prestazioni, forzando magari un settore rapido in quinta marcia, prima di affrontare una serie di curve lente che ci obbligheranno a rallentare. Quando decideremo di terminare il turno potremo prendere una carta indicante la marcia attuale, carta che funge da promemoria per il turno successivo e che riporta inoltre il tempo del nostro settore.

Salendo con le marce e sfruttando i dadi bianchi di “accelerazione” rischieremo di ottenere simboli danger (da 1 a 2 per ogni dado). Ottenuti 3 danger l’auto andrà in testacoda, si applicherà un malus di 1 minuto sul tempo di gara ripartendo infine, nel turno successivo, dalla marcia più bassa.

Un gioco semplice e immediato.

Complice anche la grafica rinnovata e l’appeal Rally è probabilmente il titolo più interessante di questa fine di novembre.

20 novembre (anniversario della rivoluzione messicana) | Tierra Y Libertad

Cooperativo/Semi-cooperativo per 1-5 giocatori | 20-60 minuti

Anche la Vanguardia Games riprende un suo titolo del 2009 (è il periodo dei remake) che ci vede alle prese con la rivoluzione messicana del 20 novembre 1910. Una sollevazione armata contro la dittatura di Porfirio Diaz.

Il 1910 è un anno di svolta per il Messico. I giocatori saranno catapultati in questo contesto guidando una delle fazioni di ribelli desiderose di rovesciare Diaz.

Ci si troverà a guidare gli anarchici di Magòn, i guerriglieri di Pancho Villa, la protesta contadina di Emiliano Zapata o il fronte politico dell’opposizione, guidato da Francisco Madero.

Il gioco è un cooperativo serratissimo, modificato rispetto alla prima edizione, con l’aggiunta della possibilità di giocare in modalità solitaria o in un 1 contro tutti con un giocatore che interpreta il regime. Si dovrà ottenere la nuova costituzione. Ci riuscirete o vedrete la fiamma della rivoluzione estinguersi e morire?

Piccolo appunto personale: è uno dei rari casi in cui la grafica del gioco originale (2009) che usa foto dell’epoca ed uno stile pulito e verosimile è più bella della versione Kickstarter che, se confermata, appare decisamente sottotono.

20 november | Reich Busters: Project Vril

Cooperativo per 1-4 giocatori | 45-90 minuti

Chi segue il Dunwich Buyers Club saprà che nei Round-up proposti durante la trasmissione mi piace inserire il titolo che amo definire Buellata. Un termine guascone per indicare qualcosa di ignorante in modo sfacciato ma non necessariamente con una connotazione negativa quanto piuttosto un incredulo ed inaspettato rispetto.

Reichbusters: Project Vril è una buel… è un gioco cooperativo per 1-4 giocatori presentato alla recente fiera di Essen dalla Mythic Game (Solomon Kane e Mythic Battle sono i più recenti titoli che possiamo citare). Il titolo, ad opera di Jake Thornton, autore di Dungeon Saga, catapulta i giocatori in una seconda guerra mondiale fatta di esperimenti genetici, mutazioni e sangue, nella quale un manipolo di impavidi soldati deve impedire al progetto Vril di compiersi.

Dadi, miniature, abilità speciali, bestie orrende, soldati della peggior risma, grafica carica come neanche Duke Nukem Forever avrebbe mai osato e tanta ignoranza in questo gioco a scenari che vedrà gli eroi scontrarsi non solo contro ogni genere di nemico ma anche di doverlo fare sottoposti all’insensibile trascorrere del tempo. Un timer, infatti, scandirà i turni, annunciando con la sua solerte severità il momento in cui scatterà l’allarme scaricando sugli sventurati eroi tutte le difese della base che stavano esplorando.

Pronti a tuffarvi in questo tourbillon di dadi? Pronti a buttarvi in questo american spudorato, in cui secchielli di dadi attraverseranno il tavolo sospinti dalle preghiere dei convenuti?

E allora non resta che aspettare il 20 novembre!

?? novembre/dicembre | Tales of Evil

Cooperativo per 1-5 giocatori | 60-90 minuti

Antonio Ferrara (autore di Last Friday e Stay Away!) e la Escape Studios approdano su Kickstarter con un titolo investigativo. Genere sempre di moda e che, nella fattispecie, vede da 1 a 5 giocatori calarsi nei panni di 5 ragazzini membri della Pizza&Investigation.

Una introduzione che strizza l’occhio a Piccoli Brividi o ai romanzi della serie I tre investigatori di Robert Arthur. Non li avete mai letti? Fatelo!

In Tales of Evil: the Mystery of the Demonic Puppeteer lo scopo, manco a dirlo, è dipanare il mistero che si cela dietro ogni avventura, in un sistema di scelte e bivi che si ripercuoteranno sul finale della stessa.

I vostri personaggi saranno impegnati contro misteri che spaventerebbero anche il più saldo degli adulti e lo faranno sfruttando abilità peculiari e dadi personalizzati.

La più grande particolarità è il sistema Fusion su cui si basa il gioco e che porterà l’avventura nella realtà dei giocatori stessi. Sarà infatti possibile intervenire nel mondo reale qualora le richieste dello scenario richiedano un particolare oggetto o condizione. Avete bisogno di un coltello, di una torcia o di un fiammifero? Se il giocatore porterà al tavolo quanto richiesto allora sarà come averlo trovato all’interno del gioco.

Un progetto ambizioso e decisamente affascinante.

 

E anche per questo mese è tutto. Curiosamente questa volta sono stati moltissimi i cooperativi, vedremo cosa ci aspetterà a dicembre.

Perciò vi saluto e Buon Kickstarter a tutti.

Rispondi