Geek.pizza

Cowabunga!

As d’Or 2024: annunciate le candidature

As d’Or 2024: annunciate le candidature

Diamo un’occhiata alla lista dei 12 finalisti dell’As d’Or 2024, il celebre premio francese dedicato ai giochi da tavolo, che viene assegnato ogni anno nel corso del Festival Internazionale dei Giochi di Cannes.

Come forse saprete, i premi sono divisi in quattro categorie: Gioco dell’anno, Bambini, Introduttivi ed Esperti.

GIOCO DELL’ANNO

La categoria Gioco dell’anno riguarda giochi che possano essere indirizzati al pubblico più vasto. Per essere inclusi, i giochi devono essere giocabili sia da adulti che da bambini di età superiore ad 8 anni su un piano di parità. Devono avere regole facili da spiegare e comprendere, ed un tempo di gioco contenuto, solitamente inferiore all’ora. In passato, si sono aggiudicati questo premio titoli come Dixit, Andor, Azul e tanti altri. I giochi nominati quest’anno sono:

Sulle tracce di Darwin (o In the Footsteps of Darwin)

In questo titolo, non ancora localizzato in Italia, saremo dei giovani biologi pronti a seguire il grande Charles Darwin sulla nave Beagle. Si tratta di un gioco di draft e piazzamento tessere, raffiguanti varie specie animali. Le tessere vengono raccolte da una plancia comune e piazzate nella plancia personale.

Le tessere che potremo prelevare dipendono dalla posizione della nave Beagle, che cambierà ogni volta che verrà prelevata una tessera, influenzando in tal modo la scelta disponibile per il giocatore successivo. Ho visto qualche gameplay in inglese e penso si tratti di un titolo semplice ma molto interessante.

Trio

Trio è l’unico, tra i finalisti della categoria, che è stato già portato in Italia ad opera della Ghenos Games. E’ stato presentato al Lucca Comics & Games 2023, dove ha riscosso molto successo. Si tratta di un gioco di carte molto semplice e veloce che mescola aspetti di memoria, deduzione e raccolta informazioni. Lo scopo del gioco è trovare set di tre carte identiche (un Trio per l’appunto), scegliendole tra quelle disposte al centro del tavolo e quelle degli altri giocatori.

Le azioni possibili sono soltanto due: rivelare una carta sul tavolo, che resterà scoperta, a beneficio dunque di tutti i giocatori, o chiedere ad un giocatore di mostrare la carta più alta o la carta più bassa che ha in mano. La carta rivelata sarà posizionata scoperta sul tavolo. Le azioni possono essere ripetute fino a che non verranno scoperti due numeri diversi, o si potrà formare un trio. La chiave del gioco sta quindi nel cercare di raccogliere informazioni e dedurre le carte che gli altri possano avere in mano, per assicurarsi per primo i tre tris necessari per la vittoria.

Perfect Words

In questo titolo, i giocatori collaborano per creare una sorta di cruciverba formando delle righe o colonne di parole per mezzo di tessere. Una volta terminato, tutti i giocatori tenteranno di trovare una singola parola che, accordandosi con quelle della riga o colonna, possa associarsi alle stesse, come fosse il risultato della definizione di un cruciverba. E’ più difficile da spiegare che da mettere in pratica, ma se date un’occhiata all’immagine della scatola, capirete il meccanismo.

Ad esempio, nella colonna n. 1, ci sono le parole “job”, ossia lavoro, e “fire”, ovvero fuoco, quindi occorre trovare una parola che si associ alle prime due, come ad esempio “firefighter”, ovvero pompiere. Le parole saranno scritte in segreto su un taccuino e poi rivelate. Quelle condivise dal maggior numero di giocatori faranno più punti. Mi ricorda un po’ un gioco della Cranio Creations, Cross Clues. Personalmente, amo molto i giochi di parole e i cruciverba, quindi trovo che sia un titolo molto carino che spero arriverà in Italia.

BAMBINI

Questa categoria è dedicata ai giochi per bambini dai tre ai sette anni. Noi abbiamo superato questa fascia d’età, ma mi sono sempre piaciuti i giochi da tavolo per piccolissimi, sono sempre stata una convinta sostenitrice del loro valore educativo. I finalisti di quest’anno sono:

Mon Puzzle Aventure – Dragon

Si tratta di una raccolta di puzzle, che raccontano una storia o un’avventura. La logica è di costruire il puzzle e poi staccare un pezzo per volta, indovinando l’ordine corretto, per leggere la storia che racconta, risolvendo anche alcuni piccoli enigmi lungo la via. Ogni pezzo di storia rimanda al tassello successivo. Trovo l’idea assolutamente deliziosa e geniale.

Morris the Dodo

Il Dodo Morris ha trovato il posto perfetto per nascondere le sue uova all’esploratore ficcanaso che è arrivato sulla sua isola, ma c’è un problema: si trova in fondo a una cascata! Portarle laggiù non sarà così facile e c’è il rischio di lasciare tracce da seguire per l’esploratore!

Super Miaou

Super Miaou è un gioco di carte che introduce i bambini, a partire dai 6 anni, alla meccanica del deck building. La missione è essere il primo giocatore a reclutare Super Meow, il supereroe felino.

INTERMEDI O INTRODUTTIVI

La categoria degli intermedi, o introduttivi, include giochi pensati per un pubblico già abituato a giocare, che cerca di approcciarsi a giochi più complessi e meccaniche sempre più sfidanti. I finalisti sono:

Eila e L’eclat de la montagne (Eila and Something Shiny)


Nel profondo della foresta, un’innocente coniglietta, Eila, lascia la sua casa per intraprendere un’avventura che le cambierà la vita. Eila e L’eclat de la montagne, o Eila and Something Shiny in inglese, è un gioco da tavolo per 1+ giocatori ricco di storia e ambientato in un mondo mistico. Assumi il ruolo di Eila, risolvi enigmi, gestisci le risorse e supera le sfide attraverso pericolosi labirinti sotterranei, aspri altipiani innevati e altro ancora.

Vivi una storia affascinante ed emozionante, raccontata in 5 capitoli e caratterizzata da un’arte straordinaria e da fumetti illustrati. Grazie ai percorsi narrativi ramificati, le tue scelte sono importanti e influiscono su ogni capitolo e decidono come finisce il gioco. Questo titolo mi sembra particolarmente interessante e spero che verrà portato in Italia.

Faraway

Faraway è un gioco di set collection basato sulle carte. Nel corso del gioco si dovranno giocare 8 carte, da sinistra verso destra, che rappresentano le regioni da attraversare durante l’esplorazione. Ciascuna carta richiede di soddisfare delle condizioni, giocando ulteriori carte, per guadagnare punti vittoria.

Alla fine del gioco, si rifarà tutto il percorso a ritroso, quindi occorre far in modo che ogni carta serva per soddisfare i nuovi obiettivi ma anche quelli giocati in precedenza, costringendoci ad una programmazione “a ritroso”.

Cat in the box

E’ un rapido gioco di prese per 2-5 gatti, dove il colore delle carte giocate non è definito fino a quando vengono effettivamente giocate. Bisogna gestire al meglio le nostre prese perché non possiamo mai avere due carte che condividano lo stesso numero e colore per non creare un paradosso.

ESPERTI

La categoria “esperti” riguarda giochi complessi, con meccaniche sofisticate che richiedono un consistente impegno da parte dei giocatori per padroneggiare le regole e riuscire a gestire partite o campagne di lunga durata.

In questa categoria, troviamo due dei giochi di cui più si è parlato nel 2023, che hanno riscosso un enorme successo qui in Italia: parliamo di The White Castle, portato in italia dalla Devir, e di Darwin’s Journey, di Simone Luciani e Nestore Mangone, edito dalla Thundergryph Games. Entrambi i titoli sono entrati nelle classifiche di quasi tutti gli youtuber che si occupano di giochi da tavolo, quindi sarà davvero dura stabilire quale sia il migliore! Ma vediamo tutti i finalisti:

La famiglia

La Famiglia: the Great Mafia War è un gioco obbligatoriamente per quattro giocatori, divisi in due squadre (2 contro 2), che dovranno gestire le proprie famiglie per prendere il controllo della Sicilia. Durante la fase di pianificazione, inserisci nuovi combattenti nel gioco, aumenta la tua influenza e impartisci ordini segreti. Quindi, durante la fase di combattimento, esegui questi ordini per dominare quante più regioni possibile.

The White Castle

The White Castle è un gioco di tipo Euro con meccanismi di gestione delle risorse, posizionamento dei lavoratori e posizionamento dei dadi per eseguire azioni. Durante il gioco, nell’arco di tre round, i giocatori invieranno membri del proprio clan a curare i giardini, difendere il castello o avanzare nella scala sociale della nobiltà. Alla fine della partita, questi assegneranno ai giocatori punti vittoria in vari modi. E’ un gioco dal design elegante e semplice che nasconde una grande profondità strategica. Se volete saperne di più, potete guardare il video de Il Meeple con la camicia.

Darwin’s Journey

Darwin’s Journey è un gioco di piazzamento lavoratori in cui i giocatori rivivono le esperienze vissute da Charles Darwin durante le sue avventure alle Galapagos, nel periodo in cui sviluppò la sua teoria dell’evoluzione. Grazie a un innovativo sistema di avanzamento, nel corso della partita ogni lavoratore si specializza nella disciplina richiesta per l’esecuzione delle azioni, come l’esplorazione dell’isola, la navigazione marittima e la corrispondenza.

Durante la partita, i giocatori raccolgono vari esemplari di terra e di mare, per agevolare le ricerche scientifiche successive. Questi esemplari vengono poi consegnati ai musei perché contribuiscano ad accrescere le conoscenze scientifiche del genere umano. La partita dura cinque round; durante ogni round, i giocatori devono impegnarsi a raggiungere obiettivi breve e a lungo termine.

Al termine della partita, vince chi detiene il maggior numero di punti vittoria. In Italia ha riscosso tantissimo successo, sembra che diventerà un nuovo grande classico. Purtroppo non sono ancora riuscita a metterci le mani, ma devo rimediare assolutamente. Nel frattempo, potete approfondire le meccaniche nell’ottimo video de Il Meeple con la Camicia.


Ed eccoci giunti alla fine di questo (spero) interessante articolo! Personalmente, la categoria che terrò maggiormente d’occhio è quella dei giochi per esperti, ma mi incuriosisce anche sapere chi si aggiudicherà il titolo di Gioco dell’Anno.

Come al solito, potrete trovare i titoli di cui vi ho parlato su MagicMerchant.

Monica "Moscerino"

Nella vita vera sono una persona con un lavoro piuttosto serio e formale, che nel tempo libero ama scrivere e trovare modi sempre nuovi per esprimere la sua creatività Ho avuto un blog di cucina, mi sono dedicata al cake design, mi sono interessata alla letteratura per bambini e ragazzi. Infine, da qualche anno, mi sono appassionata ai giochi da tavolo e ho scoperto che, oltre a giocarci, mi piace anche parlarne e scriverne. Perciò...eccomi qui! Perché Moscerino? Il soprannome si riferisce alla presunta fine che avrei fatto se avessi inseguito un certo ragazzo. Il ragazzo in questione alla fine è diventato mio marito, moscerino ha vinto e si è tenuta il soprannome 😃

Ultimi articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *